«I satanisti sono peggio dei mafiosi» La veglia anti-Marilyn Manson

(di Mauro Giordano su Il Corriere della sera del 13-12-2012) «Essere satanisti è peggio di essere mafiosi o terroristi, perché nella vita si può sbagliare ma scegliere di adorare il male è l’errore peggiore». Non solo preghiere, ma anche parole forti per riparare «all’adorazione di Satana» andata in scena ieri sera all’Unipol Arena di Casalecchio. Le ha scelte Don Giulio Marra, sacerdote della comunità «Nuovi orizzonti», arrivato sotto le Due Torri per parlare di rock maledetto durante la veglia ospitata nella chiesa del Santissimo Salvatore in contemporanea con il concerto di Marilyn Manson e Rob Zombie. All’invito lanciato dall’associazione cattolica Uniti per Bologna hanno risposto un’ottantina di persone, che hanno pregato per «rimediare» agli eccessi portati sul palco dalle due rockstar e per riflettere su cosa sia e dove si nasconda il satanismo oggi.

BOLOGNA «DIABOLICA» – Secondo Don Giulio «è un dispiacere che Bologna abbia accettato Marilyn Manson, giustamente respinto in tante nazioni, ma d’altronde qui Satana è ben presente». Il riferimento esplicito del religioso (con nome e cognome) è a Marco Dimitri, il bolognese fondatore dell’associazione «Bambini di Satana», protagonista in passato di vicende giudiziarie. «E pensare che l’ex sindaco Sergio Cofferati permise pure che durante un evento estivo quel personaggio spiegasse le sue ragioni», attacca il parroco.

JOHN LENNON, LED ZEPPELIN E…TIZIANO FERRO – Ma a finire nel ruolo dei cattivi non ci sono solo Manson e Zombie ma tanti altri. La lista stilata da Don Giulio è lunga e include dei veri e propri «mostri sacri» del rock. «Il rock è di per sé una musica discorsiva e dannata – ammonisce il prete –. In Imagine di John Lennon, nelle canzoni dei Led Zeppelin, dei Pink Floyd, dei Queen e in Hotel California degli Eagles ci sono chiari riferimenti o tracce nascoste che esaltano il Male». Tra gli artisti «maledetti» anche un insospettabile, come Tiziano Ferro. «Andate ad ascoltare la sua Indietro…da lui non me lo aspettavo», commenta rammaricato Don Giulio, che ha anche imbracciato una chitarra per strimpellare alcuni dei pezzi incriminati.

SATANA OGGI – Nella sua lezione introduttiva il parroco ha spiegato la presenza di tre satanismi: uno giovanile, uno organizzato e uno esplicito. «Manson o “il Reverendo”, come si fa chiamare, fa parte di quest’ultimo – racconta Don Giulio –. Con le nostre preghiere dobbiamo aiutare Gesù a portare l’ennesima croce ma dobbiamo anche aiutare chi si fa affascinare da Satana. Diciamo no a questo messaggio di morte e a queste provocazioni». Per i fedeli che hanno partecipato alle veglia riparatrice «l’intenzione non è quella di andare contro nessuno, ma volevamo lanciare un segnale diverso rispetto a quello che ha trovato spazio all’Unipol Arena».

Mauro Giordano

Donazione Corrispondenza romana
  • Quando la correzione pubblica è urgente e necessaria
    (di Roberto de Mattei) Si può correggere pubblicamente un Papa per il suo comportamento riprovevole? Oppure l’atteggiamento di un fedele deve essere quello di un’obbedienza incondizionata, fino al punto di giustificare qualsiasi parola o gesto del Pontefice, anche se apertamente … Continua a leggere
  • Il barone Yves Marsaudon: un massone nell’Ordine di Malta
    (di P. Paolo M. Siano FI) In data 2 febbraio 2017 il giornalista Riccardo Cascioli riassume così, con parole sue, il contenuto di una lettera di Papa Francesco inviata il 1° dicembre scorso al Card. Raymond Burke, Patrono del Sovrano … Continua a leggere
  • L’“effetto Francesco”
    (di Fabio Cancelli) Si era agli inizi del Pontificato del Papa latino-americano e sociologi, psicologi e operatori pastorali vari si affaccendavano a spiegare, statistiche alla mano, quello che si impose come «effetto Francesco». Cioè, si tentava di dimostrare che non … Continua a leggere
  • Il ricatto dell’obbedienza
    (di Cristiana de Magistris) In tempi più felici di quelli in cui viviamo, si soleva dire che Roma locuta est, causa finita est, Roma ha parlato, dunque la causa è conclusa. Da un cinquantennio a questa parte, questo lemma, degno … Continua a leggere
  • Nulla poena sine culpa (il caso Manelli)
    (di Giovanni Turco) Un classico brocardo esprime uno dei principi elementari di giustizia: nessuna pena senza colpa. La pena presuppone la colpa. E quella è giusta solo se è proporzionata a questa. Si tratta di un criterio basilare della sapienza … Continua a leggere
  • La Milizia dell’Immacolata compie cent’anni
    (di Cristina Siccardi) Quando santa Bernadette Soubirous, il 25 marzo 1858, giorno della sedicesima apparizione, chiese alla Madonna il suo nome, così come le aveva richiesto il parroco di Lourdes, don Peyramale, Maria Santissima rispose in vernacolo occitano: «Quesoy era … Continua a leggere
  • Un Papa violento?
    (di Roberto de Mattei) Contro l’evidenza c’è poco da argomentare. La mano tesa di papa Bergoglio nei confronti della Fraternità San Pio X è la stessa che si abbatte in questi giorni sull’Ordine di Malta e sui Francescani dell’Immacolata. Un … Continua a leggere
  • Santi Francesco di Sales e Giovanni Bosco orate pro Ecclesia
    (di Cristina Siccardi) «Ricco di misericordia, Iddio non mancò mai alla sua Chiesa che milita in questo mondo (…). Mentre nel secolo XVI visitava con la verga del suo furore le genti cristiane, e permetteva che molte province dell’Europa fossero … Continua a leggere
  • Un vescovo modello: san Francesco di Sales
    (di Cristina Siccardi) Al grottesco funerale del novantenne monsignor Jaume Camprodon i Rovira, Vescovo di Girona (nei pressi di Barcellona) dal 1973 al 2001, non c’era il suo corpo nella bara e la cripta, predisposta nella cattedrale per accogliere le … Continua a leggere
  • Appello di tre Vescovi cattolici a Papa Francesco in difesa del matrimonio
    Il 18 gennaio, giorno della antica festa della Cattedra di san Pietro, Tomash Peta, Arcivescovo Metropolita dell’arcidiocesi di Maria Santissima in Astana; Jan Pawel Lenga, Arcivescovo-Vescovo emerito di Karaganda e Athanasius Schneider, Vescovo ausiliare dell’arcidiocesi di Maria Santissima in Astana … Continua a leggere