Niccolò II, le basi per il Conclave

(di Lorenzo Benedetti) Il Conclave, è un’istituzione relativamente recente. I primi successori di San Pietro venivano designati dai predecessori, poi l’elezione fu riservata al clero romano ed infine al popolo per acclamazione. Inoltre, gli eletti dovevano essere approvati dall’Imperatore e spesso si verificavano forti pressioni di laici e potenti sulla scelta del Vicario di Cristo. Per regolamentare questa incerta situazione, dall’XI secolo forti personalità di Pontefici gettarono le basi per l’elezione segreta oggi nota come Conclave.

Gerardo di Borgogna, vescovo di Firenze, aveva vissuto in prima persona questa disagiata situazione: alla morte del suo predecessore, Stefano IX, il clero e il popolo romano furono costretti dai conti di Tuscolo, potente famiglia al governo della Città Eterna, ad eleggere papa Giovanni Mincio. I cardinali fuggirono da Roma e si ritirarono a Siena: Benedetto X – questo il nome assunto dal neoeletto – era infatti elevato al Soglio attraverso violenze e corruzione. I cardinali rifiutarono di lasciarsi intimidire ed elessero Gerardo legittimo Pontefice.

Giunto a Roma, questi depose Benedetto, fu incoronato e scelse di onorare Niccolò Magno portandone il nome. Niccolò II, all’epoca quasi ottantenne, si rese conto che l’elezione del Papa non poteva continuare ad essere incerta e tribolata. Momento determinante e delicato, necessitava di norme severe e rigorose: per questo dedicò i suoi sforzi alla riforma e, convocato un Sinodo in Laterano, emise la bolla In Nomine Domini. con cui ordinò che ad eleggere il Papa non fossero più il clero e il popolo romano, ma i soli cardinali-vescovi, cioè i vescovi delle diocesi suburbicarie, situate intorno a quella di Roma: gli altri cardinali, i nobili e i prelati avrebbero dovuto limitarsi ad approvarla.

Niccolò II stabilì inoltre che l’elezione non dovesse avvenire necessariamente a Roma, ma dovunque i cardinali si stabilissero, là era la Chiesa di Cristo. Chiunque fosse stato designato e insediato senza seguire queste disposizioni sarebbe stato non apostolo, ma apostata, e quindi scomunicato. In questo modo, Niccolò II avviò una riforma destinata a durare fino ai giorni nostri. (Lorenzo Benedetti)

Donazione Corrispondenza romana
  • La riabilitazione di un ribelle: don Lorenzo Milani
     (di Mauro Faverzani) Papa Francesco ha reso omaggio a don Lorenzo Milani a Barbiana in occasione del cinquantesimo anniversario della sua morte. Ma Pier Luigi Tossani, un cattolico toscano di 62 anni, ha rivolto via web una supplica al Papa … Continua a leggere
  • Il Sacro Cuore di Gesù pulsa per la nostra salvezza
    (di Cristina Siccardi) Che cos’è il tempo per Dio e per la Sua Chiesa? Un mezzo. E come tale deve essere considerato anche dai credenti in Cristo. Non sappiamo per quanto tempo permarranno gli scandali dottrinali e morali in cui … Continua a leggere
  • Lo scandalo del silenzio
    I quattro cardinali, autori dei “dubia” concernenti l’Esortazione Amoris laetitia, hanno reso nota, attraverso il blog del vaticanista Sandro Magister, una richiesta di udienza che il cardinale Carlo Caffarra ha presentato al Papa lo scorso 25 aprile ma che, come … Continua a leggere
  • Il piano di “reinterpretazione” della Humanae vitae
    (di Roberto de Mattei) Sarà mons. Gilfredo Marengo, docente al Pontificio Istituto Giovanni Paolo II, il coordinatore della commissione nominata da papa Francesco per “reinterpretare”, alla luce della Amoris laetitia, l’enciclica Humanae Vitae di Paolo VI, in occasione del cinquantenario … Continua a leggere
  • Il significato profondo della festa del Corpus Domini
    (di Cristina Siccardi) La festa del Corpus Domini è alle porte, ma quanti ancora comprendono in profondità questo sublime miracolo d’amore? Il significato profondo della festa del Corpus Domini was last modified: giugno 14th, 2017 by redazione
  • L’inferno nell’arte cristiana
    (di Cristina Siccardi) Nella storia dell’arte cristiana, unica arte iconica fra le religioni monoteiste (in quella protestante, ebraica, islamica la figurazione è rigettata a priori), la rappresentazione del destino ultimo dei dannati è sempre stato un dato di fatto. Committenti … Continua a leggere
  • Shakespeare su AmLaet (Amorislaetitia)
    (di Irenaeus) L’omofonia tra l’abbreviazione (AmLaet) dell’esortazione postsinodale Amoris Laetitiae e il shakespeariano principe danese Amleto, nell’originale Hamlet[1], richiama la memoria sulla situazione di adulteri o ivi sceneggiata. Dramma che rappresenta innanzitutto il confronto con la propria coscienza morale che … Continua a leggere
  • “La Russia sarà cattolica”
    (di Roberto de Mattei) “La Russia sarà cattolica”: è questa l’iscrizione che fu apposta sulla tomba del padre Gregorio Agostino Maria Šuvalov nel cimitero di Montparnasse a Parigi. Per questa causa il barnabita russo si immolò come vittima (Antonio Maria … Continua a leggere
  • Fatima e il comunismo, 100 anni dopo
    (di Cristiana de Magistris) «Se Dio ci desse di Sua mano dei maestri, oh! come bisognerebbe obbedir loro di buon grado! La necessità e gli avvenimenti lo sono innegabilmente». Fatima e il comunismo, 100 anni dopo was last modified: maggio … Continua a leggere
  • Fatima. Un appello al cuore della Chiesa
    (di Cristina Siccardi) «Crediamo di essere sopravvissuti perché stavamo vivendo il messaggio di Fatima. Vivevamo e recitavamo il Rosario quotidianamente in quella casa». È la straordinaria testimonianza di alcuni Gesuiti che sono sopravvissuti all’ecatombe della bomba atomica di Hiroshima del … Continua a leggere