Niccolò II, le basi per il Conclave

(di Lorenzo Benedetti) Il Conclave, è un’istituzione relativamente recente. I primi successori di San Pietro venivano designati dai predecessori, poi l’elezione fu riservata al clero romano ed infine al popolo per acclamazione. Inoltre, gli eletti dovevano essere approvati dall’Imperatore e spesso si verificavano forti pressioni di laici e potenti sulla scelta del Vicario di Cristo. Per regolamentare questa incerta situazione, dall’XI secolo forti personalità di Pontefici gettarono le basi per l’elezione segreta oggi nota come Conclave.

Gerardo di Borgogna, vescovo di Firenze, aveva vissuto in prima persona questa disagiata situazione: alla morte del suo predecessore, Stefano IX, il clero e il popolo romano furono costretti dai conti di Tuscolo, potente famiglia al governo della Città Eterna, ad eleggere papa Giovanni Mincio. I cardinali fuggirono da Roma e si ritirarono a Siena: Benedetto X – questo il nome assunto dal neoeletto – era infatti elevato al Soglio attraverso violenze e corruzione. I cardinali rifiutarono di lasciarsi intimidire ed elessero Gerardo legittimo Pontefice.

Giunto a Roma, questi depose Benedetto, fu incoronato e scelse di onorare Niccolò Magno portandone il nome. Niccolò II, all’epoca quasi ottantenne, si rese conto che l’elezione del Papa non poteva continuare ad essere incerta e tribolata. Momento determinante e delicato, necessitava di norme severe e rigorose: per questo dedicò i suoi sforzi alla riforma e, convocato un Sinodo in Laterano, emise la bolla In Nomine Domini. con cui ordinò che ad eleggere il Papa non fossero più il clero e il popolo romano, ma i soli cardinali-vescovi, cioè i vescovi delle diocesi suburbicarie, situate intorno a quella di Roma: gli altri cardinali, i nobili e i prelati avrebbero dovuto limitarsi ad approvarla.

Niccolò II stabilì inoltre che l’elezione non dovesse avvenire necessariamente a Roma, ma dovunque i cardinali si stabilissero, là era la Chiesa di Cristo. Chiunque fosse stato designato e insediato senza seguire queste disposizioni sarebbe stato non apostolo, ma apostata, e quindi scomunicato. In questo modo, Niccolò II avviò una riforma destinata a durare fino ai giorni nostri. (Lorenzo Benedetti)

Donazione Corrispondenza romana
  • Intervista al prof. Roberto de Mattei sulla crisi della Chiesa
    Riportiamo la versione italiana di un’intervista della giornalista Maike Hichson al prof. Roberto de Mattei apparsa sul sito Onepeterfive dell’11 dicembre 2017 (https://onepeterfive.com/interview-roberto-de-mattei-discusses-the-escalating-church-crisis/). Intervista al prof. Roberto de Mattei sulla crisi della Chiesa was last modified: dicembre 13th, 2017 by … Continua a leggere
  • San Juan Diego e la Madonna di Guadalupe
    (di Cristina Siccardi) Se su Google si digita il termine Madonna al primo posto salta fuori «Madonna.com>Home», il sito ufficiale della trasgressiva diva pop statunitense Louise Veronica Ciccone, in arte Madonna; al secondo posto «Madonna (cantante) – Wikipedia» e al … Continua a leggere
  • Chi si opporrà alla riabilitazione di Teilhard de Chardin?
     (di Emmanuele Barbieri) L’iniziativa è ufficiale. Il 18 novembre l’Assemblea plenaria del Pontificio Consiglio della cultura ha approvato la richiesta a Papa Francesco di rimuovere il Monitum della Sacra Congregazione del Sant’Uffizio sulle opere di padre Pierre Teilhard de Chardin, … Continua a leggere
  • Vivere l’Avvento
    (di Cristina Siccardi) Ogni anno diventa sempre più frequente, nel mondo occidentale, un uso avviato nel XX secolo in Germania: il cosiddetto “Calendario dell’Avvento”. Il primo venne ideato dal tedesco Gerhard Lang, editore luterano originario di Maulbronn (Germania), nel 1908. … Continua a leggere
  • I cardinali Burke, Brandmüller e Müller e il “Papa dittatore”
    (di Roberto de Mattei) Nelle ultime settimane, sono apparse tre interviste di altrettanti eminenti cardinali. La prima è stata rilasciata il 28 ottobre 2017 dal cardinale Walter Brandmüller a Christian Geyer e Hannes Hintermeier del Frankfurter Allgmeine Zeitung; la seconda … Continua a leggere
  • Il catechismo non muta neanche se gay è lo scout Agesci
    (di Mauro Faverzani) Agesci è la sigla delle guide e degli scouts cattolici italiani. Ed i cattolici, si sa, considerano le relazioni omosessuali «come gravi depravazioni», «atti intrinsecamente disordinati», «contrari alla legge naturale», tali quindi da non poter essere «in … Continua a leggere
  • Amichevole critica alle tesi di Rocco Buttiglione
    (di Roberto de Mattei) Conosco Rocco Buttiglione da più di quarant’anni. Siamo stati entrambi assistenti del prof. Augusto Del Noce (1910-1989) pressola Facoltà di Scienze Politiche dell’Università La Sapienza di Roma, ma fin da allora le nostre posizioni divergevano, soprattutto … Continua a leggere
  • Su Rivista del Clero il Vescovo “stile don Milani”
    (di Mauro Faverzani) A mons. Erio Castellucci, arcivescovo di Modena-Nonantola, don Lorenzo Milani piace. E tanto. Al punto da dedicarvi un lungo saggio, apparso sul numero di settembre della Rivista del Clero Italiano, per spiegare il ministero episcopale alla luce … Continua a leggere
  • I francobolli vaticani di ieri e di oggi
    (di Cristina Siccardi) Sul portale della Cattedrale di Ognissanti di Wittenberg, Lutero affisse le sue 95 tesi contro la Chiesa di Roma, era il 31 ottobre del 1517: vigilia del giorno di tutti i Santi, quei Santi che egli rinnegò … Continua a leggere
  • La “svolta luterana” di papa Francesco
    (di Roberto de Mattei) Il 31 ottobre 2016 papa Bergoglio inaugurava l’anno di Lutero, incontrando i rappresentanti del luteranesimo mondiale nella cattedrale svedese di Lund. Da allora riunioni e celebrazioni “ecumeniche” si sono succedute ad abundantiam all’interno della Chiesa. La … Continua a leggere