Niccolò II, le basi per il Conclave

(di Lorenzo Benedetti) Il Conclave, è un’istituzione relativamente recente. I primi successori di San Pietro venivano designati dai predecessori, poi l’elezione fu riservata al clero romano ed infine al popolo per acclamazione. Inoltre, gli eletti dovevano essere approvati dall’Imperatore e spesso si verificavano forti pressioni di laici e potenti sulla scelta del Vicario di Cristo. Per regolamentare questa incerta situazione, dall’XI secolo forti personalità di Pontefici gettarono le basi per l’elezione segreta oggi nota come Conclave.

Gerardo di Borgogna, vescovo di Firenze, aveva vissuto in prima persona questa disagiata situazione: alla morte del suo predecessore, Stefano IX, il clero e il popolo romano furono costretti dai conti di Tuscolo, potente famiglia al governo della Città Eterna, ad eleggere papa Giovanni Mincio. I cardinali fuggirono da Roma e si ritirarono a Siena: Benedetto X – questo il nome assunto dal neoeletto – era infatti elevato al Soglio attraverso violenze e corruzione. I cardinali rifiutarono di lasciarsi intimidire ed elessero Gerardo legittimo Pontefice.

Giunto a Roma, questi depose Benedetto, fu incoronato e scelse di onorare Niccolò Magno portandone il nome. Niccolò II, all’epoca quasi ottantenne, si rese conto che l’elezione del Papa non poteva continuare ad essere incerta e tribolata. Momento determinante e delicato, necessitava di norme severe e rigorose: per questo dedicò i suoi sforzi alla riforma e, convocato un Sinodo in Laterano, emise la bolla In Nomine Domini. con cui ordinò che ad eleggere il Papa non fossero più il clero e il popolo romano, ma i soli cardinali-vescovi, cioè i vescovi delle diocesi suburbicarie, situate intorno a quella di Roma: gli altri cardinali, i nobili e i prelati avrebbero dovuto limitarsi ad approvarla.

Niccolò II stabilì inoltre che l’elezione non dovesse avvenire necessariamente a Roma, ma dovunque i cardinali si stabilissero, là era la Chiesa di Cristo. Chiunque fosse stato designato e insediato senza seguire queste disposizioni sarebbe stato non apostolo, ma apostata, e quindi scomunicato. In questo modo, Niccolò II avviò una riforma destinata a durare fino ai giorni nostri. (Lorenzo Benedetti)

Donazione Corrispondenza romana
  • Fare chiarezza sull’Amoris laetitia: una nuova voce si leva
     (di Emmanuele Barbieri) Il convegno organizzato il 22 aprile a Roma da La Nuova Bussola quotidiana e da Il Timone ha rappresentato una nuova importante tappa nella lunga serie di iniziative che, da un anno a questa parte hanno messo … Continua a leggere
  • La crisi ariana del IV secolo
    (di Cristina Siccardi) All’Alba del IV secolo, il cristianesimo, estesosi in tutto l’Impero romano, deve affrontare la prima persecuzione lunga e feroce della sua storia. La seconda, la stiamo vivendo noi, ora. La Verità portata da Gesù Cristo rischiava di … Continua a leggere
  • Lo scandalo dei nostri tempi
    (di Roberto de Mattei) Il mondo è pieno di scandali e Gesù dice: «Guai al mondo per causa degli scandali» (Mt 18, 6-7). Lo scandalo, secondo la morale cattolica, è il comportamento di chi causa il peccato o la rovina … Continua a leggere
  • La Chiesa “viva”
    (di Cristiana de Magistris) Quando, durante il processo dell’apostolo Paolo, il procuratore della Giudea Festo si trovò nella necessità di spiegare al re Agrippa le imputazioni portate dai Giudei contro Paolo, le riassunse dicendo che gli accusatori avevano contro di … Continua a leggere
  • Quei concerti per Lutero sono una nota decisamente stonata
    (di Mauro Faverzani) Che a cento anni dalle apparizioni di Fatima, in una chiesa cattolica, quella del Redentore a Modena, non si trovi di meglio che festeggiare il quinto centenario della riforma luterana con un ciclo di cinque concerti, promossi … Continua a leggere
  • È una guerra di religione
    (di Roberto de Mattei) La strage di Tanta e di Alessandria è un brusco richiamo alla realtà per papa Francesco, alla vigilia del suo viaggio in Egitto. Gli attentati in Medio Oriente, come in Europa, non sono sciagure naturali, evitabili … Continua a leggere
  • Il Processo di Cristo e il processo della Chiesa
    (di Cristiana de Magistris) Nel Tempo di Passione, che abbraccia le due settimane che precedono la Pasqua, la Chiesa contempla in lutto i dolorosi avvenimenti che segnarono l’ultimo anno della vita del Redentore del mondo (Settimana di Passione) e l’ultima … Continua a leggere
  • Il vero volto di san Francesco d’Assisi e sant’Ignazio di Loyola
    (di Cristina Siccardi) Il Papa porta con orgoglio il nome di san Francesco d’Assisi ed è orgogliosamente erede della dinastia religiosa fondata da sant’Ignazio di Loyola, ma né dell’uno, né dell’altro ne è testimone. Il vero volto di san Francesco … Continua a leggere
  • Perché non bisogna discreditare la Compagnia di Gesù
    (di Roberto de Mattei) Tra le conseguenze più disastrose del pontificato di papa Francesco ce ne sono due, strettamente connesse tra loro: la prima è il travisamento della virtù tipicamente cristiana dell’obbedienza; la seconda è il discredito gettato sulla Compagnia … Continua a leggere
  • Le responsabilità di mons. Vincenzo Paglia
    (di Mauro Faverzani) L’intera vicenda pecuniaria è stata ripercorsa, con dovizia di particolari, venerdì 24 marzo dal quotidiano La Verità: riguarda il processo, presso il tribunale penale di Terni, relativo alla compravendita del castello di San Girolamo, a Narni. Nell’estate … Continua a leggere