Il primo papa eletto in Conclave

(di Lorenzo Benedetti) La figura di Tebaldo Visconti, sacerdote piacentino di nobili natali e solida istruzione, è oggi ritenuta determinante nella storia della Chiesa: uomo di grandi doti intellettuali, fu amico dei maggiori teologi del tempo tra cui san Bonaventura e san Tommaso, e brillò per le opere spirituali, capace di agire con determinazione e mansuetudine.

 Canonico a Lione, nel 1244 vi organizzò il primo Concilio lionense su richiesta di Innocenzo IV, dando prova dell’onestà e della rettitudine che lo caratterizzarono e lo resero famoso all’interno della Chiesa: amico di re e cardinali, fermo difensore della morale ecclesiastica, resta oggi consacrato nell’immaginario collettivo perchè alla sua elezione è legata la creazione del Conclave.

 Il 29 novembre 1268 papa Clemente IV morì a Viterbo: i cardinali dunque si riunirono nella città e, seguendo le disposizioni di Alessandro III, iniziarono le votazioni per la scelta del successore. Il Collegio era però diviso nelle opinioni e molti candidati, tra cui san Bonaventura, rifiutarono la nomina: proprio il teologo francescano sollecitò, attraverso accorati sermoni, l’elezione del nuovo Pontefice al di fuori del Sacro Collegio per scongiurare pressioni politiche da parte del re di Francia o dei nobili romani.

 Le discussioni si susseguirono per un anno e mezzo, ed il popolo viterbese era indignato per il trascinarsi delle votazioni dovute alle discordie tra i cardinali: così, il 1 giugno 1270 furono serrate le porte della città e, colti di sorpresa, i presuli furono condotti nel Palazzo dei Papi e lì rinchiusi a chiave con il divieto di uscire fino ad avvenuta elezione. Da questo episodio nacque l’etimologia moderna della parola cum clave, conclave.

 Dopo pochi giorni, furono ridotte le porzioni di cibo e venne scoperchiato il tetto del palazzo, affinché la decisione fosse affrettata. Due cardinali morirono nella lunga attesa, tra cui il primo ungherese della storia, István Báncsa. Ciò nonostante, non ci fu la convergenza dei voti, e solo alla fine del 1271 la scelta cade su Tebaldo, che si trovava in Terrasanta: saputa la notizia, si precipitò a Viterbo dove venne incoronato col nome di Gregorio X. Per evitare in futuro le difficoltà che aveva accompagnato la sua nomina, emanò la Costituzione Ubi Periculum che decretò la nascita del Conclave.

 Il documento dispose che i cardinali si riunissero dieci giorni dopo la morte del papa: tutti dovevano abitare in una sala comune, senza alcun contatto con l’esterno, e persino l’invio di scritti ai porporati era severamente vietato. Per evitare lunghi periodi di Sede Vacante, Gregorio X stabilì anche precise norme precise sull’alimentazione dei cardinali: una volta trascorsi tre giorni senza risultati, avrebbero avuto diritto ad una sola pietanza per pasto e, passati altri cinque giorni, la dieta sarebbe stata limitata a soli pane, vino ed acqua.

 Con qualche attenuazione, la Ubi Periculum regola ancora oggi l’elezione del Papa con le stesse norme stabilite da Gregorio X, una delle tante eredità che questo Beato pontefice ha lasciato alla Chiesa dei nostri giorni. (Lorenzo Benedetti)

Donazione Corrispondenza romana
  • La riabilitazione di un ribelle: don Lorenzo Milani
     (di Mauro Faverzani) Papa Francesco ha reso omaggio a don Lorenzo Milani a Barbiana in occasione del cinquantesimo anniversario della sua morte. Ma Pier Luigi Tossani, un cattolico toscano di 62 anni, ha rivolto via web una supplica al Papa … Continua a leggere
  • Il Sacro Cuore di Gesù pulsa per la nostra salvezza
    (di Cristina Siccardi) Che cos’è il tempo per Dio e per la Sua Chiesa? Un mezzo. E come tale deve essere considerato anche dai credenti in Cristo. Non sappiamo per quanto tempo permarranno gli scandali dottrinali e morali in cui … Continua a leggere
  • Lo scandalo del silenzio
    I quattro cardinali, autori dei “dubia” concernenti l’Esortazione Amoris laetitia, hanno reso nota, attraverso il blog del vaticanista Sandro Magister, una richiesta di udienza che il cardinale Carlo Caffarra ha presentato al Papa lo scorso 25 aprile ma che, come … Continua a leggere
  • Il piano di “reinterpretazione” della Humanae vitae
    (di Roberto de Mattei) Sarà mons. Gilfredo Marengo, docente al Pontificio Istituto Giovanni Paolo II, il coordinatore della commissione nominata da papa Francesco per “reinterpretare”, alla luce della Amoris laetitia, l’enciclica Humanae Vitae di Paolo VI, in occasione del cinquantenario … Continua a leggere
  • Il significato profondo della festa del Corpus Domini
    (di Cristina Siccardi) La festa del Corpus Domini è alle porte, ma quanti ancora comprendono in profondità questo sublime miracolo d’amore? Il significato profondo della festa del Corpus Domini was last modified: giugno 14th, 2017 by redazione
  • L’inferno nell’arte cristiana
    (di Cristina Siccardi) Nella storia dell’arte cristiana, unica arte iconica fra le religioni monoteiste (in quella protestante, ebraica, islamica la figurazione è rigettata a priori), la rappresentazione del destino ultimo dei dannati è sempre stato un dato di fatto. Committenti … Continua a leggere
  • Shakespeare su AmLaet (Amorislaetitia)
    (di Irenaeus) L’omofonia tra l’abbreviazione (AmLaet) dell’esortazione postsinodale Amoris Laetitiae e il shakespeariano principe danese Amleto, nell’originale Hamlet[1], richiama la memoria sulla situazione di adulteri o ivi sceneggiata. Dramma che rappresenta innanzitutto il confronto con la propria coscienza morale che … Continua a leggere
  • “La Russia sarà cattolica”
    (di Roberto de Mattei) “La Russia sarà cattolica”: è questa l’iscrizione che fu apposta sulla tomba del padre Gregorio Agostino Maria Šuvalov nel cimitero di Montparnasse a Parigi. Per questa causa il barnabita russo si immolò come vittima (Antonio Maria … Continua a leggere
  • Fatima e il comunismo, 100 anni dopo
    (di Cristiana de Magistris) «Se Dio ci desse di Sua mano dei maestri, oh! come bisognerebbe obbedir loro di buon grado! La necessità e gli avvenimenti lo sono innegabilmente». Fatima e il comunismo, 100 anni dopo was last modified: maggio … Continua a leggere
  • Fatima. Un appello al cuore della Chiesa
    (di Cristina Siccardi) «Crediamo di essere sopravvissuti perché stavamo vivendo il messaggio di Fatima. Vivevamo e recitavamo il Rosario quotidianamente in quella casa». È la straordinaria testimonianza di alcuni Gesuiti che sono sopravvissuti all’ecatombe della bomba atomica di Hiroshima del … Continua a leggere