Il primo papa eletto in Conclave

(di Lorenzo Benedetti) La figura di Tebaldo Visconti, sacerdote piacentino di nobili natali e solida istruzione, è oggi ritenuta determinante nella storia della Chiesa: uomo di grandi doti intellettuali, fu amico dei maggiori teologi del tempo tra cui san Bonaventura e san Tommaso, e brillò per le opere spirituali, capace di agire con determinazione e mansuetudine.

 Canonico a Lione, nel 1244 vi organizzò il primo Concilio lionense su richiesta di Innocenzo IV, dando prova dell’onestà e della rettitudine che lo caratterizzarono e lo resero famoso all’interno della Chiesa: amico di re e cardinali, fermo difensore della morale ecclesiastica, resta oggi consacrato nell’immaginario collettivo perchè alla sua elezione è legata la creazione del Conclave.

 Il 29 novembre 1268 papa Clemente IV morì a Viterbo: i cardinali dunque si riunirono nella città e, seguendo le disposizioni di Alessandro III, iniziarono le votazioni per la scelta del successore. Il Collegio era però diviso nelle opinioni e molti candidati, tra cui san Bonaventura, rifiutarono la nomina: proprio il teologo francescano sollecitò, attraverso accorati sermoni, l’elezione del nuovo Pontefice al di fuori del Sacro Collegio per scongiurare pressioni politiche da parte del re di Francia o dei nobili romani.

 Le discussioni si susseguirono per un anno e mezzo, ed il popolo viterbese era indignato per il trascinarsi delle votazioni dovute alle discordie tra i cardinali: così, il 1 giugno 1270 furono serrate le porte della città e, colti di sorpresa, i presuli furono condotti nel Palazzo dei Papi e lì rinchiusi a chiave con il divieto di uscire fino ad avvenuta elezione. Da questo episodio nacque l’etimologia moderna della parola cum clave, conclave.

 Dopo pochi giorni, furono ridotte le porzioni di cibo e venne scoperchiato il tetto del palazzo, affinché la decisione fosse affrettata. Due cardinali morirono nella lunga attesa, tra cui il primo ungherese della storia, István Báncsa. Ciò nonostante, non ci fu la convergenza dei voti, e solo alla fine del 1271 la scelta cade su Tebaldo, che si trovava in Terrasanta: saputa la notizia, si precipitò a Viterbo dove venne incoronato col nome di Gregorio X. Per evitare in futuro le difficoltà che aveva accompagnato la sua nomina, emanò la Costituzione Ubi Periculum che decretò la nascita del Conclave.

 Il documento dispose che i cardinali si riunissero dieci giorni dopo la morte del papa: tutti dovevano abitare in una sala comune, senza alcun contatto con l’esterno, e persino l’invio di scritti ai porporati era severamente vietato. Per evitare lunghi periodi di Sede Vacante, Gregorio X stabilì anche precise norme precise sull’alimentazione dei cardinali: una volta trascorsi tre giorni senza risultati, avrebbero avuto diritto ad una sola pietanza per pasto e, passati altri cinque giorni, la dieta sarebbe stata limitata a soli pane, vino ed acqua.

 Con qualche attenuazione, la Ubi Periculum regola ancora oggi l’elezione del Papa con le stesse norme stabilite da Gregorio X, una delle tante eredità che questo Beato pontefice ha lasciato alla Chiesa dei nostri giorni. (Lorenzo Benedetti)

Donazione Corrispondenza romana
  • Lo scandalo dei nostri tempi
    (di Roberto de Mattei) Il mondo è pieno di scandali e Gesù dice: «Guai al mondo per causa degli scandali» (Mt 18, 6-7). Lo scandalo, secondo la morale cattolica, è il comportamento di chi causa il peccato o la rovina … Continua a leggere
  • La Chiesa “viva”
    (di Cristiana de Magistris) Quando, durante il processo dell’apostolo Paolo, il procuratore della Giudea Festo si trovò nella necessità di spiegare al re Agrippa le imputazioni portate dai Giudei contro Paolo, le riassunse dicendo che gli accusatori avevano contro di … Continua a leggere
  • Quei concerti per Lutero sono una nota decisamente stonata
    (di Mauro Faverzani) Che a cento anni dalle apparizioni di Fatima, in una chiesa cattolica, quella del Redentore a Modena, non si trovi di meglio che festeggiare il quinto centenario della riforma luterana con un ciclo di cinque concerti, promossi … Continua a leggere
  • È una guerra di religione
    (di Roberto de Mattei) La strage di Tanta e di Alessandria è un brusco richiamo alla realtà per papa Francesco, alla vigilia del suo viaggio in Egitto. Gli attentati in Medio Oriente, come in Europa, non sono sciagure naturali, evitabili … Continua a leggere
  • Il Processo di Cristo e il processo della Chiesa
    (di Cristiana de Magistris) Nel Tempo di Passione, che abbraccia le due settimane che precedono la Pasqua, la Chiesa contempla in lutto i dolorosi avvenimenti che segnarono l’ultimo anno della vita del Redentore del mondo (Settimana di Passione) e l’ultima … Continua a leggere
  • Il vero volto di san Francesco d’Assisi e sant’Ignazio di Loyola
    (di Cristina Siccardi) Il Papa porta con orgoglio il nome di san Francesco d’Assisi ed è orgogliosamente erede della dinastia religiosa fondata da sant’Ignazio di Loyola, ma né dell’uno, né dell’altro ne è testimone. Il vero volto di san Francesco … Continua a leggere
  • Perché non bisogna discreditare la Compagnia di Gesù
    (di Roberto de Mattei) Tra le conseguenze più disastrose del pontificato di papa Francesco ce ne sono due, strettamente connesse tra loro: la prima è il travisamento della virtù tipicamente cristiana dell’obbedienza; la seconda è il discredito gettato sulla Compagnia … Continua a leggere
  • Le responsabilità di mons. Vincenzo Paglia
    (di Mauro Faverzani) L’intera vicenda pecuniaria è stata ripercorsa, con dovizia di particolari, venerdì 24 marzo dal quotidiano La Verità: riguarda il processo, presso il tribunale penale di Terni, relativo alla compravendita del castello di San Girolamo, a Narni. Nell’estate … Continua a leggere
  • La voce di san Giovanni Damasceno contro l’iconoclastia
    (di Cristina Siccardi) Il più importante difensore della figurazione cristiana è il Padre e Dottore della Chiesa san Giovanni Damasceno (ricordato nel calendario Vetus Ordo al 27 marzo e al 4 dicembre in quello nuovo). I suoi scritti sono da … Continua a leggere
  • Papa Francesco quattro anni dopo
    (di Roberto de Mattei) Il quarto anniversario della elezione di Papa Francesco vede la Chiesa cattolica lacerata da profonde divisioni. «È una pagina inedita nella storia della Chiesa – mi dice con tono preoccupato un alto prelato vaticano – e … Continua a leggere