L’ultima di Veronesi. L’ergastolo va abolito

(di Alfredo De Matteo) Sono note le posizioni dell’oncologo Umberto Veronesi a favore dell’aborto libero e dell’eutanasia dei malati, tanto per citarne solo alcune. Meno nota, ma perfettamente in linea con il suo credo, è la sua sorprendente compassione verso i criminali: nel Manifesto contro l’ergastolo, lanciato nel corso della conferenza internazionale Science for peace ideata dalla fondazione Veronesi, il direttore scientifico dell’Istituto Europeo di Oncologia ha spiegato, bontà sua, che l’ergastolo è una pena «antiscientifica» dal momento che «è dimostrato che il nostro cervello, come altri organi del nostro corpo, può rinnovarsi e il cervello che abbiamo oggi non è lo stesso di 20 anni fa».

Tra i firmatari ci sono, manco a dirlo, l’astrofisica Margherita Hack, lo scrittore Andrea Camilleri e l’attrice Franca Rame. Ora, la tesi sostenuta da Veronesi è talmente peregrina che è superfluo analizzarla; basti dire che se il ragionamento fosse corretto la pena del carcere andrebbe del tutto abolita in quanto la persona che commette un crimine oggi già domani non sarebbe più la stessa. Umberto Veronesi è lo stesso che arrivò a dire che l’amore omosessuale è più puro rispetto a quello tra un uomo ed una donna, in quanto scelta consapevole e più evoluta: … in quello eterosessuale, una persona direbbe «io ti amo non perché amo te, ma perché in te ho trovato la persona con cui fare un figlio». Nell’amore omosessuale invece non accade: si dicono «amo te perché mi sei vicino, il tuo pensiero, la tua sensibilità e i sentimenti sono più vicini ai miei».

Anche in questo caso tali affermazioni furono talmente bislacche che fecero sorridere anche i gay più convinti. La spiegazione può essere solo una: Veronesi non ci è, ci fa. La sua più grande ossessione è chiamare bene il male e male il bene, null’altro lo spinge. Tuttavia, visto che i cervelli evolvono abbiamo almeno la speranza che anche quello di Veronesi faccia altrettanto … (Alfredo De Matteo)

Donazione Corrispondenza romana
  • Elezioni 2018: vincitori e vinti
    (di Lupo Glori) Boom della “Lega” e del “Movimento 5 Stelle” (M5s), contenuta crescita di “Fratelli di Italia”, forte calo di “Forza Italia” e storico tracollo del “Partito Democratico”. Il ciclone “Burian”, dopo essersi abbattuto sulle strade del nostro paese … Continua a leggere
  • Condannato Danilo Quinto, promossa Emma Bonino?
    (di Emmanuele Barbieri) Il 22 febbraio, se non ci saranno ulteriori rinvii, Danilo Quinto, sarà processato per diffamazione a mezzo stampa. Quinto, ex tesoriere del Partito Radicale, è autore di un libro dal titolo Da servo di Pannella a figlio … Continua a leggere
  • Il ritorno in patria dei Re d’Italia
    «Riportiamo in patria i Re d’Italia» titolava Corrispondenza Romana il 22 luglio 2015 (https://www.corrispondenzaromana.it/riportiamo-in-patria-gli-ultimi-re-ditalia/). Infatti, dopo l’attentato al Consolato italiano in Egitto, Maria Gabriella di Savoia, da sempre fedele custode della memoria del suo Casato (nel 1986 creò la Fondazione … Continua a leggere
  • Ius soli o Ius sanguinis?
    (di Lupo Glori) Ius soli o Ius sanguinis? Questa l’accesa, e a tratti violenta, diatriba politica che negli ultimi giorni ha infiammato il dibattito pubblico, dopo l’approdo al Senato del disegno di legge, approvato alla Camera alla fine del 2015 … Continua a leggere
  • Appello di Famiglia Domani contro il Ministro Fedeli
    (di Lupo Glori) A soli cinque giorni di distanza dalle dimissioni di Matteo Renzi, il 12 dicembre 2016 è nato il nuovo governo a guida dell’ex ministro degli Esteri Paolo Gentiloni, con il quale il premier battuto e ferito consuma … Continua a leggere
  • La disfatta di un premier sedicente cattolico
    (di Mauro Faverzani) Le parole hanno un senso. E quelle del commiato di Renzi ne hanno uno chiarissimo: «Lasciamo la guida del Paese con un’Italia che ha finalmente una legge sulle unioni civili», ha detto. Spiegando anche come tale normativa, … Continua a leggere
  • Da Renzi alla Brexit: tra falso ordine e caos
    (di Emmanuele Barbieri) Nessuno dei sindaci eletti il 19 giugno nelle principali città italiane disapplicherà la famigerata legge Cirinnà che assicura veste legale allo pseudo-matrimonio omosessuale. Per i neo-sindaci, che condividano o no il provvedimento renziano, non esiste una legge … Continua a leggere
  • Le grandi manovre per “repubblicanizzare” l’Italia
    (di Cristina Siccardi)  Il 1° giugno di 70 anni fa, vigilia del referendum istituzionale, Pio XII si rivolse al Sacro Collegio e, attraverso la radio, agli elettori italiani e francesi (anche in Francia, infatti, si votava, per le elezioni politiche), … Continua a leggere
  • L’eutanasia in parlamento
    (di Tommaso Scandroglio) Tornano a soffiare venti di morte sul Parlamento. Infatti, incassate le Unioni civili, ora si dibatte di eutanasia nei palazzi del potere. Sono sette le proposte di legge sul tema – ed altre sono in fase di … Continua a leggere
  • Il tradimento storico dei “cattolici”
    (di Roberto de Mattei) L’approvazione dello pseudo-matrimonio omosessuale, avvenuta al Senato il 25 febbraio 2016, con 173 sì, 71 no e 76 assenze è l’ultima tappa di un processo di dissoluzione della società italiana che parte dall’introduzione del divorzio (1970), … Continua a leggere