L’ignavia di molti cattolici soggiogati dal relativismo

Corte di Cassazione(di Danilo Quinto) Quell’ideologia che inquina le coscienze degli europei e che determina il disordine sociale, ha colpito e vinto ancora. Solo attraverso la lettura relativista si può comprendere la sentenza della Prima Sezione Civile della Corte di Cassazione che ha respinto il ricorso di un padre che sosteneva essere «dannoso per l’equilibrato sviluppo del bambino il fatto di vivere in una famiglia incentrata su una coppia omosessuale». Per la Suprema Corte,  invece, questo sarebbe un «mero pregiudizio»: «Si dà per scontato ciò che invece è da dimostrare – dice la Cassazione – ossia la dannosità di quel contesto familiare per il bambino».

Questa sentenza non crea solo “sconcerto” e non è affatto – com’è stato sostenuto nei giorni scorsi – la conferma di una linea che, nei casi di separazione, tende ad affidare alla madre il compito di educare il figlio. Questo pronunciamento è “creativo” – come molti altri degli ultimi tempi –  nel senso che fonda un nuovo diritto: quello di una coppia omosessuale di allevare, di far crescere, di formare, di educare quell’essere umano, che viene concepito e viene al mondo dall’unione tra un uomo e una donna e, in quanto persona, ha diritto di vivere e di avere relazioni nella forma conosciuta in natura. Con un padre e una madre, non con due persone dello stesso sesso.

La nozione dell’essere umano viene così stravolta. Questa sentenza non incide solo sulla Costituzione, com’è stato detto, perché esiste  un prius rispetto a qualsivoglia norma di un ordinamento e a qualsivoglia pronuncia giurisdizionale. Massacra il diritto naturale, che viene cancellato, per far posto ad un’ideologia che è intrinsecamente aberrante. Non servono gli studi scientifici – che sono del resto sterminati – per affermare che andare contro il diritto naturale nuoce gravemente a quell’essere umano. E’ sufficiente guardare alla storia del mondo. Si può essere libertari quanto si vuole, ma anche per costoro valgono i principi dell’ordine naturale, così come per gli atei o per gli gnostici. Non sono patrimonio dell’“etnia” cattolica o del cristianesimo in quanto tale. Se quei principi vengono demoliti, non muta una cosa da poco, perché muta l’antropologia umana. Per tutti. Quei principi sono da difendere, costi quel che costi, perché sono scritti nell’anima di ogni essere umano. E’ questa, qui e ora, la testimonianza da dare contro la modernità che disprezza l’essere umano.

Sono in molti coloro che, anche tra i cattolici, al solo fine di accattivarsi le simpatie – anche elettorali – delle lobby omosessuali, si guardano bene dall’introdurre nel dibattito pubblico questa questione. Proprio perché non si ha il coraggio di testimoniare i principi in cui si dovrebbe credere, siamo giunti a questo punto e i principi del diritto naturale muoiono per ignavia e per tiepidezza di coloro che dovrebbero essere i primi a difenderli. C’è chi, da cattolico, afferma che non costituiscono un’urgenza, una priorità e candida al Senato, in Toscana, Alessio De Giorgi, direttore del portale “Gay.it”, il primo italiano a fare un PACS dopo l’introduzione della legge in Francia, il quale ha affermato di voler riuscire a far approvare «il divorzio breve, il riconoscimento dei figli nati all’interno di una famiglia omogenitoriale»e di volersi battere «perché si facciano passi avanti nella lotta all’omofobia, nella fecondazione assistita, nel testamento biologico».

Si tratta di un programma, accolto in quella “lista Monti” che non contiene una sola parola sui valori non negoziabili, ma che pur vede, tra i suoi candidati, autorevoli esponenti del mondo cattolico. Una contraddizione da spiegare, perché se i cattolici vogliono essere in politica “credenti e credibili”, come chiede Benedetto XVI, hanno il dovere di difendere la libertà e la verità. Che non sono un optional, ma costituiscono l’essenza stessa del cristianesimo. (Danilo Quinto)

Donazione Corrispondenza romana
  • «Io non dirò una parola su questo»
    (di Roberto de Mattei) «Io non dirò una parola su questo». Con questa frase, pronunciata il 26 agosto 2018 nel volo di ritorno Dublino-Roma, papa Francesco ha reagito alle impressionanti rivelazioni dell’arcivescovo Carlo Maria Viganò, che lo chiamavano direttamente in … Continua a leggere
  • Il Portogallo introduce il cambio di sesso a 16 anni
    (di Lupo Glori) Giovedì 12 luglio 2018 il parlamento portoghese, seguendo le orme di Danimarca, Malta, Svezia, Irlanda e Norvegia, ha approvato un disegno di legge che consentirà ai suoi cittadini che hanno compiuto i 16 anni di età di … Continua a leggere
  • L’Italia cambia, ma Mattarella non se ne accorge
    (di Roberto de Mattei) Domenica 27 maggio il prof. Giuseppe Conte, incaricato dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella di formare un governo, si è presentato al Palazzo del Quirinale per presentare la lista dei suoi ministri, frutto di un intenso … Continua a leggere
  • Elezioni 2018: vincitori e vinti
    (di Lupo Glori) Boom della “Lega” e del “Movimento 5 Stelle” (M5s), contenuta crescita di “Fratelli di Italia”, forte calo di “Forza Italia” e storico tracollo del “Partito Democratico”. Il ciclone “Burian”, dopo essersi abbattuto sulle strade del nostro paese … Continua a leggere
  • Condannato Danilo Quinto, promossa Emma Bonino?
    (di Emmanuele Barbieri) Il 22 febbraio, se non ci saranno ulteriori rinvii, Danilo Quinto, sarà processato per diffamazione a mezzo stampa. Quinto, ex tesoriere del Partito Radicale, è autore di un libro dal titolo Da servo di Pannella a figlio … Continua a leggere
  • Il ritorno in patria dei Re d’Italia
    «Riportiamo in patria i Re d’Italia» titolava Corrispondenza Romana il 22 luglio 2015 (https://www.corrispondenzaromana.it/riportiamo-in-patria-gli-ultimi-re-ditalia/). Infatti, dopo l’attentato al Consolato italiano in Egitto, Maria Gabriella di Savoia, da sempre fedele custode della memoria del suo Casato (nel 1986 creò la Fondazione … Continua a leggere
  • Ius soli o Ius sanguinis?
    (di Lupo Glori) Ius soli o Ius sanguinis? Questa l’accesa, e a tratti violenta, diatriba politica che negli ultimi giorni ha infiammato il dibattito pubblico, dopo l’approdo al Senato del disegno di legge, approvato alla Camera alla fine del 2015 … Continua a leggere
  • Il Parlamento Europeo impone le adozioni LGBT a tutta l’UE?
    (di Lupo Glori) Introdurre le adozioni omosessuali scavalcando le singole legislazioni nazionali. Questo sembra essere il velato obiettivo di una risoluzione presentata lo scorso 2 febbraio dal Parlamento europeo con la quale si esorta la Commissione europea a richiedere che … Continua a leggere
  • Donald Trump inverte la rotta su aborto e gay
    (di Lupo Glori) Il 20 gennaio 2017 Donald Trump, nel corso di una solenne cerimonia a Capitol Hill, ha giurato come quarantacinquesimo presidente degli Stati Uniti, recitando la classica formula di rito sulla Bibbia, davanti ad oltre un milione di … Continua a leggere
  • Dalla Sodomia all’omosessualità di Rodolfo de Mattei
    (di Gianandrea de Antonellis) In Gender diktat (edito da Solfanelli nel 2014), Rodolfo de Mattei, responsabile del sito web osservatoriogender.it, aveva analizzato le radici ideologiche e le ricadute sociali della teoria del gender. Con il nuovo saggio Dalla sodomia all’omosessualità. … Continua a leggere