Liechtenstein non più cattolico. Vince la laicità costituzionale

Print Friendly, PDF & Email

Prima la Chiesa cattolica era la Chiesa nazionale, sancita dalla Costituzione. Ora un emendamento del 15 novembre, sulla libertà religiosa e l’uguaglianza di fede, potrebbe cambiare tutto. Previsto nuovo concordato con lo Stato ai primi di dicembre.
Nel 2002 i cattolici erano il 76,2%.

***
22 novembre 2012
Liechtenstein: laicità e secolarizzazione.
Decisioni nuove in merito alla libertà religiosa

di Maria Teresa Pontara Pederiva

Continua il cammino della secolarizzazione in Europa e un esempio significativo giunge ora dal Liechtenstein, un piccolo principato situato al centro della regione alpina: 160 kq per poco più di 35 mila abitanti.

Il censimento del 2002 contava il 76,2% di cattolici, seguiti dal 7% di protestanti e poco più del 4% di islamici a fronte di un quasi 12% che si dichiaravano non aderenti ad alcuna religione.
Finora la Chiesa cattolica era sancita come Chiesa nazionale dalla Costituzione stessa, ma non sarà più così: secondo quanto deciso dal Parlamento di Vaduz lo scorso 15 novembre, si fa strada un emendamento costituzionale per garantire la libertà religiosa e l’uguaglianza di ogni fede davanti allo Stato secondo le normative europee e quanto espresso a più riprese dal Vaticano stesso nei confronti di altre realtà dove invece è la Chiesa cattolica a veder limitata la libertà religiosa.

La Chiesa cattolica, abbandonato ogni privilegio di religione di stato e chiesa nazionale, è chiamata ora alla stipula di un concordato per stabilire i rapporti con lo Stato, la cui firma è prevista per i primi di dicembre, essendo ormai in dirittura di arrivo i necessari negoziati. Sul tappeto, in particolare, la questione dell’insegnamento della religione cattolica nelle scuole, finora l’unica Chiesa ad entrare in classe.


Sostieni Corrispondenza romana

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Informazioni Carta di Credito
Questo è un pagamento sicuro SSL crittografato.

Totale Donazione: €100.00

Fonte: Vatican Insider

Donazione Corrispondenza romana