Gesto dissacrante a Trivignano, feci contro una statua della Madonna

MadonnaDove individuare il senso d’un gesto quale gettar secchiate di feci contro una statua della Madonna, se non nella volontà, chiara ed esplicita, di commetter sacrilegio? Pare evidente, eppure la stampa sembra smarrita, incapace di capire, di orientarsi, ipotizza ancora una «bravata», brancola nel buio di analisi sociologiche ed antropologiche del tutto inutili. Poiché gli autori dell’azione dissacrante avevano un solo obiettivo: offendere l’immagine della Madre di Dio e, con essa, la religione cattolica ed i fedeli. Nient’altro.

E’ accaduto a Trivignano, presso il capitello mariano di via Castellana, ai piedi di un cavalcavia. Sulle sbarre di metallo v’erano appesi ancora brandelli di carta igienica. A far l’amara scoperta ed a lanciare l’allarme ha provveduto una suora, che stava transitando in zone per recarsi in bicicletta in chiesa.

Un insulto gravissimo, quello compiuto da criminali, rimasti al momento ignoti. Il Sindaco ha ordinato che tutto fosse immediatamente ripulito. Già atti analoghi si erano registrati in passato a Mestre, a Mirano ed anche a Paratico, nel Bresciano.

Donazione Corrispondenza romana