Francia. Migliaia di sindaci contro le nozze gay: chiedono l’obiezione

Francia SindaciSi tratta di un diritto sancito dalla costituzione francese: poter obiettare una legge in conflitto con la propria coscienza. L’anomalia attuale invece non prevede di fare obiezione sulla legge Taubira, che disciplina i matrimoni omosessuali. Secondo l’interpretazione del governo Hollande, gli ufficiali di stato civile sono e devono essere robotici esecutori delle disposizioni statali.
È partita così una petizione, firmata da migliaia tra sindaci e vicesindaci, per riguadagnare questo diritto. Grazie al Collettivo Sindaci per l’Infanzia, promosso da Franck Meyer, la questione è stata sollevata prima davanti al Consiglio di Stato, poi rinviata al Consiglio Costituzionale. Nei prossimi giorni verrà discussa.

Secondo quanto riporta Le Figaro, i firmatari sarebbero circa 20.000 (“Les maires qui demandent un droit à l’objection de conscience assurent représenter 20.000 maires et maires adjoints signataires d’une pétition en ce sens”). Un numero eccezionale, se si considera che al 1 gennaio 2012 il numero dei comuni francesi era stimato intorno ai 36.700.
Se davvero l’obiezione passasse, sarebbe un duro colpo alla legge Taubira, che verrebbe praticamente sconfitta nei numeri.
Bernard Piot, sindaco di Lignol-le-Chateau: “
Chiediamo solo il rispetto delle nostre convinzioni più profonde. Davanti a una legge che le offende bisogna avere la possibilità di dire no. La libertà di coscienza e di religione è garantita dalla Convenzione europea dei diritti dell’uomo e nel preambolo della Costituzione francese”.

***
7 ottobre 2013
La Francia moderata si ribella
I sindaci contro le nozze gay

Migliaia di funzionari di stato civile firmano una petizione per l’obiezione di coscienza: deciderà il Consiglio costituzionale

Braccio di ferro in Francia sulla sempre controversa questione dei matrimoni tra omosessuali. Il governo socialista li ha voluti a tutti i costi, ignorando il messaggio lanciato dalle sempre affollatissime manifestazioni dei francesi contrari al mariage pour tous.
Ma ora che sono legge dello Stato le proteste della Francia moderata non sono finite. Stavolta sono i funzionari municipali a chiedere libertà di coscienza. Addirittura ventimila tra sindaci e vicesindaci hanno firmato una petizione per il diritto di rifiutarsi di celebrare matrimoni che non sentono come legittimi.
La questione dell’obiezione di coscienza è finita davanti al Consiglio Costituzionale, organo che ha la funzione primaria di verificare la costituzionalità delle leggi. Infatti sette sindaci, guidati dal portavoce del collettivo Sindaci per l’Infanzia Franck Meyer, hanno sollevato questione di costituzionalità davanti al Consiglio di Stato: a loro avviso le sanzioni previste dalla legge Taubira (quella che regola le cosiddette «nozze gay») contro gli ufficiali di stato civile che rifiutano di celebrare matrimoni tra persone dello stesso sesso violano la libertà di coscienza che è appunto garantita dalla Costituzione. Di tutt’altro avviso il governo, secondo cui sindaci e funzionari altro non sono che meri rappresentanti dello Stato, tenuti come tali ad applicare le sue leggi. Il Consiglio di Stato ha deciso rinviare la questione al Consiglio Costituzionale, che se ne occuperà domani in una prima seduta dedicata alle arringhe, cui seguirà una decisione in data ancora imprecisata.
«Chiediamo solo il rispetto delle nostre convinzioni più profonde – ha detto al quotidiano Le Figaro Bernard Piot, sindaco di Lignol-le-Chateau, un paesello di 200 abitanti nel sud della Francia -. Davanti a una legge che le offende bisogna avere la possibilità di dire no. La libertà di coscienza e di religione è garantita dalla Convenzione europea dei diritti dell’uomo e nel preambolo della Costituzione francese».
Piot non si è limitato a parlare con i giornalisti: la settimana scorsa il consiglio comunale di Lignol-le-Chateau ha votato su sua iniziativa una deliberazione che autorizza il sindaco e i suoi vice «a fare atto di obiezione di coscienza nel quadro delle loro funzioni di ufficiali di stato civile». La deliberazione è stata sospesa da un tribunale amministrativo, ma l’esempio di Piot è stato seguito da altri sindaci, innescando un processo che ha portato fino all’intervento del Consiglio costituzionale.
La sfida sull’obiezione di coscienza in tema di matrimoni omosessuali non è l’unico esempio di resistenza in Francia a un’offensiva laicista e «politicamente corretta» guidata dalla sinistra del presidente François Hollande. Risale a pochi giorni fa la decisione del governo di fare affiggere in tutte le scuole del Paese un «decalogo della laicità» che ha spinto l’opposizione e molti intellettuali a reagire denunciando un’aperta offensiva contro la libertà religiosa e la neanche velata intenzione di imporre agli scolari una sorta di pensiero unico di Stato.
Il caso di cui i «saggi» esperti di costituzionalità sono chiamati a occuparsi domani vede invece contrapposte due visioni: quella più liberale secondo cui «un eletto del popolo deve avere la stessa libertà di coscienza garantita ad avvocati, medici e magistrati», e quella più statalista per la quale «lo Stato non può accettare che l’applicazione delle leggi repubblicane dipenda dalle convinzioni personali» degli ufficiali di stato civile».

Roberto Fabbri

Fonte: Il Giornale

Donazione Corrispondenza romana