Usa: docente aggredisce studentesse pro-life, condannata

Print Friendly, PDF & Email

ShortVolevano soltanto esprimere il proprio no all’aborto. Senza se e senza ma. E dire a tutti che vi sono alternative alla soppressione dei figli in grembo. Questo però è costato loro un’aggressione. Ad opera, incredibile a dirsi, di una docente.

E’ accaduto lo scorso 4 marzo presso il campus dell’Università di California, a Santa Barbara. Qui la professoressa Mireille Miller-Young insegna, come associato, una materia, ch’è tutta un programma: Studi sul Femminismo. Evidentemente si è calata un po’ troppo nella parte. Così, quando ha visto un gruppo di studentesse pro-life manifestare pubblicamente le proprie convinzioni (nella foto), non ci ha più visto. Le ha affrontate e percosse, impedendo loro di esercitare un proprio diritto, quello alla libertà di espressione.

Katie Short è la madre di due delle vittime, Thrin e Joan, di 16 e 21 anni. Provvidenzialmente è anche direttore legale della Life Legal Defense Foundation, un’organizzazione no profit sorta nel 1989 proprio allo scopo di dare assistenza legale nei tribunali a chi venisse ingiustamente accusato a causa del proprio attivismo pro-life. Non ci ha messo molto a trascinare davanti alla Corte la professoressa. Che ha subito cercato il sostegno dei colleghi, inviando loro lettere, in cui ha tentato di scaricare interamente la responsabilità dell’accaduto sulle sue vittime. Sconcerta in tal senso la mail sfacciatamente di parte del Vice-Cancelliere dell’Università, Michael Young, in cui si accusano le studentesse coinvolte nei disordini di «autoproclamarsi profetesse», di essere«provocatrici» e, più in generale, di esercitare un «proselitismo, che diffonde intolleranza in nome della fede religiosa».

Ma il processo ha preso ben presto una piega favorevole alle giovani. Al punto da spingere la professoressa Miller-Young ad inviare per iscritto le proprie scuse alla Corte. Scuse, sulla cui sincerità pesano come macigni i precedenti tentativi di depistaggio. Tant’è vero che non hanno sortito effetto, il giudice non li ha tenuti nel minimo conto. «Indipendentemente dal fatto che il suo rimorso sia o meno autentico – ha dichiarato la dottoressa Short – sicuramente questa vicenda le sarà utile, per dissuaderla dal reiterare condotte tanto oltraggiose». Tra le quali «la convinzione di potersela prendere impunemente con le vittime, atteggiamento che emerge con chiarezza dal video» girato dalle figlie durante l’assalto.


Sostieni Corrispondenza romana

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Informazioni Carta di Credito
Questo è un pagamento sicuro SSL crittografato.

Totale Donazione: €100.00

Da qui, la condanna per furto, atti di vandalismo e percosse, emessa dal Tribunale a luglio. La professoressa è stata condannata a pagare una piccola sanzione, a risarcire circa 500 dollari alle sue vittime. Ma non solo. Dovrà svolgere anche servizi sociali per 108 ore, frequentare corsi di gestione dell’aggressività per 10 ore e sarà per 3 anni in libertà vigilata. Un altro episodio di questo tipo le costerebbe molto caro…

Per la cronaca: è trascorso un mese da quella sentenza. Un mese durante il quale pare che l’insegnante non abbia trovato ancora l’occasione, per formulare di persona le proprie scuse alle giovani da lei fisicamente percosse. Né, il che è ancora più scandaloso, l’Università ha in alcun modo preso provvedimenti disciplinari nei confronti di questa sua dipendente, nonostante la condanna rimediata: la professoressa Miller-Young figura anzi ancora nella Direzione di Facoltà. Se questa è una docente…

L’auspicio espresso dalla madre delle ragazze, Katie Short, è che quanto accaduto risulti di monito e di esempio anche per altri, affinché in futuro non abbiano a ripetersi episodi di questo tipo. E’ l’augurio di tutti.


Sostieni Corrispondenza romana

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Informazioni Carta di Credito
Questo è un pagamento sicuro SSL crittografato.

Totale Donazione: €100.00

Donazione Corrispondenza romana
  • Un granellino di sabbia inserito nella macchina abortiva
    (Tommaso Scandroglio) Nel Regno Unito l’aborto è consentito fino alla 24esima settimana e fino alla nascita per motivi legati alla malformazione del feto. La deputata Carla Lockhart, membro del Partito Unionista Democratico dell’Irlanda del Nord, ha presentato una mozione al … Continua a leggere
  • Amici e nemici della vita nel mondo
    (Mauro Faverzani) Il Messico non si arrende alla cultura di morte. Dal 2007, anno in cui nella sola capitale, Città del Messico, il Partito della Rivoluzione Democratica, di sinistra, riuscì a render legale abortire, 22 Stati della repubblica federale hanno … Continua a leggere
  • Elezioni USA: una prima analisi
    (Maurizio Ragazzi) Due giorni dopo la chiusura dei seggi, è ancora incerto chi abbia vinto le elezioni presidenziali americane. Invece, altri dati emersi dalle elezioni (per Presidente, Congresso, governatori, ed iniziative popolari) sono già assodati: 1. Lasciando da parte gli … Continua a leggere
  • Svolta nella Corte Suprema americana dopo l’elezione di Amy Barrett
    (Maurizio Ragazzi) La sera del 26 ottobre, il Senato americano ha confermato la nomina di Amy Coney Barrett alla Corte Suprema[1], che quindi ora ha in organico tutti e nove i suoi componenti a vita. Al termine di una maratona … Continua a leggere
  • Intervento dell’arcivescovo Gądecki, contro le violenze in Polonia
    (Veronica Rasponi) Il 22 ottobre 2020, il Tribunale Costituzionale della Polonia ha deciso a larghissima maggioranza (tredici giudici contro due) che la clausola della legge sulla maternità che permette l’aborto in caso di una malattia grave e incurabile del feto, … Continua a leggere
  • Una legge iniqua non può mai essere bene applicata
    (Tommaso Scandroglio) Lo abbiamo visto verificarsi tante volte. Fatta una legge piena zeppa di paletti, questi paletti prima o poi saltano tutti. Qualche esempio. Legge 898 del 1970 sul divorzio: inizialmente si poteva divorziare solo dopo tre anni dalla separazione. … Continua a leggere
  • I cattolici adulti e la 194
    (Riccardo Rodelli) Nei giorni scorsi mons. Vincenzo Paglia, Presidente della Pontificia Accademia per la vita, in una intervista a La Repubblica (15 agosto 2020) ha definito la legge 194 «un punto di riferimento condiviso, con cui tutti dobbiamo misurarci». Parole … Continua a leggere
  • Nuove “infiltrazioni” nel tempio
    (Mauro Faverzani) Uno spirito diabolico continua a serpeggiare senza tregua, ogni giorno, nella Chiesa. Il sacerdote gesuita Mario Serrano Marte si è espresso ancora una volta a favore della depenalizzazione dell’aborto nella Repubblica Dominicana. Lo scorso 21 agosto ha pubblicato … Continua a leggere
  • Lobby abortista scatenata in tutto il mondo
    (Mauro Faverzani) Partiamo dalle buone notizie. In Kenya un disegno di legge, sostenuto dalla lobby abortista internazionale ed atto a consentire in pratica l’interruzione di gravidanza addirittura sino al momento della nascita, è stato bloccato grazie alle pressioni dei gruppi … Continua a leggere
  • La campagna prolife del presidente Trump
    (Tommaso Scandroglio) La campagna elettorale negli Usa è ormai iniziata. L’organizzazione pro-life Susan B. Anthony List ha stilato un elenco di iniziative che l’amministrazione Trump ha assunto a favore della vita nascente dal giorno del suo insediamento ad oggi, elenco … Continua a leggere