Sorpasso islamico in Francia

( su “Il Foglio” del 25/10/2011) E’sorpasso islamico in Francia. Una ricerca dice che i musulmani sono il gruppo religioso più visibile e prolifico nello spazio pubblico francese. Secondo il French Institute of Public Opinion si stanno costruendo più moschee che chiese e i fedeli islamici surclassano i cattolici.

Mohammed Moussaoui, presidente del Consiglio islamico di Francia, ha detto che si stanno costruendo centinaia di edifici di culto islamici, mentre la chiesa in dieci anni ne ha innalzati appena venti. Molte delle 60 chiese chiuse di recente saranno convertite in moschee, ma non basta: il principale imam di Parigi, Dalil Boubakeur, ha detto che, data la domanda, servono almeno 4.000 moschee.

Forti dei numeri esponenziali, i musulmani francesi diventano assertivi come mai: la Federazione nazionale della grande moschea di Parigi, il Consiglio dei musulmani democratici di Francia e un gruppo islamico noto come Collectif Banlieues Respect hanno chiesto ai cattolici di permettere che al venerdì le chiese inutilizzate vengano usate dai musulmani.

Ogni venerdì, nelle grandi città francesi, migliaia di musulmani chiudono strade e marciapiedi per consentire ai fedeli che non riescono a entrare in moschea di eseguire la preghiera rituale. Alcune moschee iniziano a trasmettere sermoni e canti nelle strade adiacenti, un fatto che il presidente Nicolas Sarkozy ha definito “inaccettabile”, perché trasformano la strada in un’“estensione della moschea”.

I dati dimostrano che Eurabia non è un fenomeno demograficamente quantitativo, ma religiosamente qualitativo. Nel deserto della laicità militante, con la sua coda secolarizzatrice, è l’irsuto islam a primeggiare. Nella laïcité moschee e oranti musulmani surclassano i cattolici

Donazione Corrispondenza romana