Roma, 13 maggio, per la Vita

(di Marco Tosatti su La Stampa del 09-05-2012) Domenica 13 maggio, alle 8.30, dal Colosseo parte la Marcia per la Vita; un’iniziativa nata solo due anni fa, e che vede quest’anno la partecipazione di decine di città italiane, e di delegazioni dall’estero. Annuncia il sito (www.marciaperlavita.it) che saranno presenti una nutritissima delegazione polacca, e rappresentanti di molte altre nazioni, Nigeria compresa.

Adesioni giungono da tutto il mondo: dalla Associazione Vita Umana internazionale (con filiali in moltissimi paesi, diretta in Italia da Monsignor Ignacio Barreiro), dalle statunitensi The Life Guardian Foundation, Priests for Life e Catholic Family & Human Rights Institute; dalla tedesca Aktion SOS Leben, sempre presente alle annuali riunioni di Innsbruck, dalle francesi Choisir la Vie e SOS-Tout Petits; dalla belga FédérationPro- Europa Christiana e Belgian March for Life, dalla ceca Czeck Association for Life.

E di recente un gruppo molto attivo di pro life croati di Zagabria,“Vigilare”, ha contattato gli organizzatori della marcia italiana, possiamo fare, hanno chiesto, un convegno e una marcia sul modello vostro, gli stessi giorni, il 12 e 13 maggio? Una sorta di “marcia gemellata”? Risposta positiva, e come scrive su La Bussola Francesco Agnoli, i “pro life croati, dunque, useranno lo stesso motto adottato per il convegno romano, “Chi salva una vita, salva il mondo intero”; faranno l’adorazione eucaristica in comunione con gli italiani, e, una piccola differenza, chiameranno l’evento “cammino per la vita”, dal momento che la parola “marcia”, dalle loro parti, ricorda troppo il passato comunista”.

Sabato 12 maggio, dalle 14:30 alle 19:00 ci sarà un convegno “Chi salva una vita, salva il mondo intero” presso il Pontificio Ateneo Regina Apostolorum. E dalle 21:00 alle 22:30 è prevista un’: Adorazione Eucaristica in riparazione per il crimine dell’aborto nella Basilica di Santa Maria Maggiore presieduta dal cardinale Raymond Leo Burke. saranno premiate il giorno 12 per il loro impegno in favore della vita: Gianluca ed Anna, due splendidi genitori che portano in giro per il paese la storia, musicata e drammatizzata, della loro piccola Lucy, affetta dalla sindrome di Down e dalla sindrome di Dandy Walker (www.ilmondodilucy.com); Mario Paolo Rocchi, storico cofondatore del primo Centro di Aiuto alla Vita (Cav) in Italia e ideatore del Progetto Gemma, cui si deve la salvezza di molti bambini; Olimpia Tarzia, già segretaria generale del Movimento per la Vita italiana, presidente della World Women’s Alliance for Life & Family e fondatrice del Movimento PER (www.olimpiatarzia.it); Antonio Oriente, membro dell’Associazione Ginecologi Ostetrici Cattolici (www.aigoc. com), già ginecologo abortista, poi convertito e divenuto uno dei più lucidi e coraggiosi testimoni della difesa della vita nascente. All’evento parteciperà anche la figlia per cui santa Giovanna Berretta Molla diede la sua vita.

Donazione Corrispondenza romana