RECENSIONI LIBRARIE: un libro sulle vesti liturgiche

La veste liturgica è l’abito utilizzato durante le celebrazioni liturgiche dal ministro o dai ministri che presiedono la celebrazione (tunica, casula, pianeta, dalmatica, mozzetta, rocchetto, tonacella, piviale, cappa).

Di norma la veste è adattata al colore proprio del periodo dell’Anno liturgico che si sta celebrando o della festa in corso. Nella Chiesa Cattolica i colori sono essenzialmente sei: bianco, verde, rosso, viola, rosa e nero. Stesso colore liturgico seguono alcune suppellettili utilizzate in chiesa.

A questo tema Sara Piccolo Paci ha dedicato un libro, Storia delle vesti liturgiche (Ancora, Milano 2008, pp. 420, € 68,00).

Il testo di Sara Piccolo Paci – con prefazione del responsabile del Museo diocesano di Milano, Giancarlo Santi – è diviso in due parti:

1) una breve sintesi dell’evoluzione del concetto di corpo nella società occidentale in relazione al problema dell’abbigliamento e, in specie, delle vesti sacre;
2) storia ed evoluzione dei singoli elementi dell’abbigliamento liturgico cattolico, con qualche breve accenno alle varianti di altri riti cristiani.

La trattazione è corredata e completata da oltre 200 illustrazioni al tratto in bianco/nero, realizzate dall’Autrice, da una esauriente bibliografia ragionata e da un curato indice analitico.

L’opera di Sara Piccolo Paci colma un vuoto inspiegabile su un tema che, solo apparentemente marginale, giunge rapidamente al nocciolo di numerose questioni, come il rapporto tra dignità del corpo e apparenza, tra funzione e simbolo, tra espressione di spiritualità o di potere.

Donazione Corrispondenza romana