Presentazione a Parigi del libro di R. de Mattei sul Ralliement

(di Veronica Rasponi) Si è svolta il 13 aprile a Parigi, la presentazione del libro di Roberto de Mattei Le Ralliement de Léon XIII. L’échec d’un projet pastoral, pubblicato nel gennaio 2016 dalle edizioni du Cerf, la più autorevole casa editrice di testi di carattere religioso in Francia.

Il volume, tradotto da Marie Perrin, era stato pubblicato in Italia dalla casa editrice Le Lettere, di Firenze, nel 2014 con il titolo Il Ralliement di Leone XIII. Il fallimento di un progetto pastorale, ottenendo una grande attenzione da parte degli ambienti ecclesiastici e universitari.

In Francia la presentazione dell’opera è stata preceduta da una serie di recensioni su Monde et Vie, Le Figaro, Le Figaro-Histoire, Famille Chrétienne, Politique-Magazine e da una lunga intervista all’autore su L’Homme Nouveau. La presentazione, svoltasi per iniziativa della agenzia Correspondance européenne e delle Editions du Cerf, è avvenuta nell’anfiteatro dell’ASIEM.

Davanti a un attento pubblico di circa 150 persone sono intervenuti, oltre all’ autore, Laurent Dandrieu, redattore capo del settimanale Valeurs actuelles, Michel De Jaeghere, direttore del Figaro.Histoire, Philippe Maxence, direttore L’Homme Nouveau. Il primo relatore, Michel de Jaeghere riassumendo i punti chiavi del libro ha illustrato l’esistenza di tre malintesi legati al ralliement il primo sulla Repubblica e il bene comune; il secondo sulla Repubblica e la laicità, il terzo sul rapporto tra la Chiesa e il mondo moderno.

Roberto de Mattei ha sottolineato come tra Leone XIII e i Papi che lo hanno preceduto e seguito non c’è discontinuità dottrinale, ma esiste una discontinuità sul piano politico e pastorale e il Ralliement è l’espressione più significativa di questa discontinuità. Laurent Dandrieu ha posto all’autore una serie di questioni centrali, aprendo il dibattito a cui è intervenuta larga parte del pubblico. Dalle domande e dalle risposte è emerso che il ralliement fu un progetto allo stesso tempo politico e pastorale, fallito sotto entrambi gli aspetti.

Il progetto politico nasce dal tentativo di risolvere la Questione romana utilizzando la Terza Repubblica Francese. Papa Pecci pensava infatti di servirsi della Repubblica francese per combattere la Monarchia italiana, colpevole di avergli rapinato gli Sati Pontifici.

Il progetto pastorale si basava su un nuovo rapporto tra la Chiesa e la modernità. Leone XIII condannava la modernità sul piano filosofico, ma era convinto della possibilità di una riconciliazione con essa sul piano politico. Fu sotto il suo pontificato che nacque, in Francia e in Italia, la Democrazia Cristiana. C’è infine un terzo aspetto del ralliement che è quello psicologico. Esso consiste nell’abbandonare l’attitudine di opposizione verso i nemici e di sostituirla con la tendenza a trovare un punto di incontro con essi, nell’illusione di stemperarne in tal modo l’aggressività. È sotto questo aspetto che lo spirito di ralliement è entrato nella Chiesa, svuotandola del suo spirito militante: – Leone XIII non ottenne né la cessazione dell’anticlericalismo, né la costituzione di una larga intesa tra i cattolici aderenti alla Repubblica.

Il ralliement inflisse invece in colpo mortale a quella stretta alleanza tra il Trono e l’Altare che, per un secolo aveva costituito un poderoso baluardo contro il processo rivoluzionario che mirava ad estirpare le radici cristiane della società. Con il ralliement entrò nella Chiesa un atteggiamento dello spirito e un modo di governo che segnarono profondamente la politica ecclesiastica del secolo successivo.

Il 14 aprile il prof. de Mattei è stato ospite a Radio Courtoisie della trasmissione di Anne Brassié e di quella di Jean-Marie Le Mené, approfondendo con loro il tema trattato il giorno precedente . Una nuova presentazione del volume è prevista, sempre a Parigi, il 30 aprile. (Veronica Rasponi)

Donazione Corrispondenza romana
  • La riabilitazione di un ribelle: don Lorenzo Milani
     (di Mauro Faverzani) Papa Francesco ha reso omaggio a don Lorenzo Milani a Barbiana in occasione del cinquantesimo anniversario della sua morte. Ma Pier Luigi Tossani, un cattolico toscano di 62 anni, ha rivolto via web una supplica al Papa … Continua a leggere
  • Il Sacro Cuore di Gesù pulsa per la nostra salvezza
    (di Cristina Siccardi) Che cos’è il tempo per Dio e per la Sua Chiesa? Un mezzo. E come tale deve essere considerato anche dai credenti in Cristo. Non sappiamo per quanto tempo permarranno gli scandali dottrinali e morali in cui … Continua a leggere
  • Lo scandalo del silenzio
    I quattro cardinali, autori dei “dubia” concernenti l’Esortazione Amoris laetitia, hanno reso nota, attraverso il blog del vaticanista Sandro Magister, una richiesta di udienza che il cardinale Carlo Caffarra ha presentato al Papa lo scorso 25 aprile ma che, come … Continua a leggere
  • Il piano di “reinterpretazione” della Humanae vitae
    (di Roberto de Mattei) Sarà mons. Gilfredo Marengo, docente al Pontificio Istituto Giovanni Paolo II, il coordinatore della commissione nominata da papa Francesco per “reinterpretare”, alla luce della Amoris laetitia, l’enciclica Humanae Vitae di Paolo VI, in occasione del cinquantenario … Continua a leggere
  • Il significato profondo della festa del Corpus Domini
    (di Cristina Siccardi) La festa del Corpus Domini è alle porte, ma quanti ancora comprendono in profondità questo sublime miracolo d’amore? Il significato profondo della festa del Corpus Domini was last modified: giugno 14th, 2017 by redazione
  • L’inferno nell’arte cristiana
    (di Cristina Siccardi) Nella storia dell’arte cristiana, unica arte iconica fra le religioni monoteiste (in quella protestante, ebraica, islamica la figurazione è rigettata a priori), la rappresentazione del destino ultimo dei dannati è sempre stato un dato di fatto. Committenti … Continua a leggere
  • Shakespeare su AmLaet (Amorislaetitia)
    (di Irenaeus) L’omofonia tra l’abbreviazione (AmLaet) dell’esortazione postsinodale Amoris Laetitiae e il shakespeariano principe danese Amleto, nell’originale Hamlet[1], richiama la memoria sulla situazione di adulteri o ivi sceneggiata. Dramma che rappresenta innanzitutto il confronto con la propria coscienza morale che … Continua a leggere
  • “La Russia sarà cattolica”
    (di Roberto de Mattei) “La Russia sarà cattolica”: è questa l’iscrizione che fu apposta sulla tomba del padre Gregorio Agostino Maria Šuvalov nel cimitero di Montparnasse a Parigi. Per questa causa il barnabita russo si immolò come vittima (Antonio Maria … Continua a leggere
  • Fatima e il comunismo, 100 anni dopo
    (di Cristiana de Magistris) «Se Dio ci desse di Sua mano dei maestri, oh! come bisognerebbe obbedir loro di buon grado! La necessità e gli avvenimenti lo sono innegabilmente». Fatima e il comunismo, 100 anni dopo was last modified: maggio … Continua a leggere
  • Fatima. Un appello al cuore della Chiesa
    (di Cristina Siccardi) «Crediamo di essere sopravvissuti perché stavamo vivendo il messaggio di Fatima. Vivevamo e recitavamo il Rosario quotidianamente in quella casa». È la straordinaria testimonianza di alcuni Gesuiti che sono sopravvissuti all’ecatombe della bomba atomica di Hiroshima del … Continua a leggere