Monti dichiari in pubblico di aver chiuso coi poteri forti

(di Magdi Cristiano Allam su Il Giornale del 19/12/ 2011) Per 18 anni il centro-sinistra ha messo in croce Silvio Berlusconi denunciando il con­­flitto d’interessi, salvo poi rivelarsi tutt’altro che interessato a dirimere questo conflitto perché sarebbe venuta meno la possibilità di identificarsi come «anti-Berlusconi», che è stato l’unico collante che ha consentito al centro-sinistra di restare unito.

Nel caso di Mario Monti e del suo governo di banchieri e di tecnocrati il conflitto d’interesse è dirom­pente e pressoché generalizzato, eppure sem­bra che non scandalizzi più la no­stra classe politica che ha scelto di auto-commissariarsi. Ebbene a noi cittadini italiani interessa as­sai perché se nel caso di Berlusco­ni il sospetto era legato al possibi­le vantaggio personale, nel caso di Monti la conseguenza concerne la perdita della nostra sovranità nazionale e la sottomissione del­l’Italia ai poteri finanziari forti che si incarnano nelle istituzioni inter­nazionali a cui lo st­esso Monti ade­risce con incarichi di responsabili­tà: Goldman Sachs, Commissio­ne Trilaterale, Gruppo Bilderberg e Moody’s.

A dispetto del diniego di Monti espresso in Parlamento al mo­mento della richiesta del voto di fi­ducia, noi possiamo documenta­re che lui fa parte di queste istitu­zioni. Gli chiediamo pertanto una dichiarazione pubblica in cui Monti affermi di non farne più par­te e di non essere in alcun modo vincolato al perseguimento dei lo­ro­interessi che non solo non colli­mano ma sono in contrasto con l’interesse nazionale dell’Italia che Monti ha giurato di salvaguar­dare all’atto formale del suo inse­diamento.

In una brochure pubblicata in occasione della conferenza an­nuale organizzata dall’Eabis (Ac­cademia europea dell’impresa nella società), svoltasi l’11 e il 12 settembre 2006 presso la sede del­l­a Scuola manageriale Sda Bocco­ni a Milano (http://www. econo­metica. it/allegati/5th_Collo­quium_ Programme_ Brochure. pdf) si elencano le cariche ricoper­te da Monti nelle istituzioni che corrispondono ai poteri finanzia­ri forti.

Monti fin dal 2005 è consu­lente internazionale della Gold­man Sachs, la più grande e poten­te banca d’affari al mondo (ht­tp:// www2. goldmansachs. com/ investor-relations/financials/cu rrent/annual-reports/2010-ar­pdf- files/GS_AR10_Allpages. pdf); dal 2010 è membro del Consi­glio direttivo del «club Bilder­berg» (organizzazione che dal 1954 si riunisce una volta all’anno a porte chiuse e ai cui incontri, pro­tetti da strettissime misure di sicu­rezza, partecipano, tra gli altri, i presidenti del Fondo monetario internazionale, della Banca mon­diale e della Federal reserve; i pre­sidenti di alcune tra le maggiori corporation mondiali quali Coca Cola, British Petroleum, Chase Manhattan Bank, American Ex­press, Goldman Sachs, Fiat, Mi­crosoft; vicepresidenti degli Stati Uniti, direttori della Cia e dell’Fbi, Segretari generali della Nato, se­natori americani e membri del Congresso, primi ministri euro­pei, capi dei partiti di opposizio­ne, editori e direttori dei maggiori media mondiali); sempre dal 2010 è anche presidente del Grup­po europeo della «commissione trilaterale» (http://www. trilate­ral. org/go. cfm?do=Page. View& pid=34) altra organizzazione che tiene i suoi incontri in forma stret­tamente riservata, fondata nel 1973 dal magnate statunitense Da­vid Rockefeller, ufficialmente per favorire la cooperazione tra Euro­pa, Stati Uniti e Giappone; Monti nel 2010 risultava membro del «Comitato consultivo di alto livel­lo per l’Europa» di Moody’s, una delle maggiori agenzie di rating al mondo; Monti risulta essere il pre­sidente della lobby belga «Brue­gel», un think tank fondato nel 2005 che sta spingendo per l’unio­ne fiscale dei paesi membri del­l’Ue (ovvero per un ulteriore tra­sferimento di sovranità dagli Stati nazionali all’Unione Europea), composto da esponenti di spicco di 16 Stati e 28 multinazionali, al­cune delle quali sono frequentato­ri abituali di altri club privati: Mi­crosoft, Google, Goldman Sachs, Samsung, la Borsa di New York (Nyse), Unicredit.

Dal momento che le suddette organizzazioni, le cui riunioni av­ve­ngono con la sola partecipazio­ne dei membri e degli invitati e so­no rigorosamente interdette agli estranei, esercitano un’influenza ed un condizionamento crescen­te sull’opinione pubblica e le dina­miche politiche degli Stati nazio­nali (al punto che secondo alcuni sarebbero ormai quelle le vere se­di decisionali del pianeta, le as­semblee legislative essendo ridot­te a ruolo di facciata), il fatto che ad esse partecipino, addirittura con ruoli dirigenziali, alti espo­nenti delle istituzioni non eletti dal popolo italiano ed imposti con metodi ampiamente discuti­bili, sfruttando situazioni di emer­genza create ad hoc dagli stessi soggetti che poi propongono le so­luzioni, non può non destare estrema preoccupazione.

Da qui l’esigenza che Monti chiarisca senza ambiguità e reticenze che si è dimesso dagli incarichi ricoper­ti in tali organizzazioni e, confor­memente al giuramento prestato, eserciterà le sue funzioni«nell’in­teresse esclusivo della nazione». Il conflitto d’interesse è esteso anche a diversi ministri del gover­no Monti che ricoprivano incari­chi in istituti di credito bancario e che mantengono la proprietà del­le azioni anche se si sono dimessi dalle loro cariche dopo la nomina nel Governo: Corrado Passera, mi­nistro dello Sviluppo economico e Infrastrutture, era l’amministra­tore delegato di Intesa Sanpaolo. Elsa Fornero, ministro del Lavo­ro, delle Politiche sociali e delle Pa­ri opportunità, è stata vicepresi­dente del Consiglio di sorveglian­za di Intesa Sanpaolo.

Francesco Profumo, ministro dell’Istruzio­ne, Università e Ricerca, ha fatto parte dei Consigli di amministra­zione di Telecom Italia, di Pirelli e di Fidia. Piero Gnudi, ministro del Turismo e dello Sport, ha ricoper­to la carica di consigliere in Uni­credit, in Astaldi e nel Gruppo 24 ore. Piero Giarda, ministro dei Rapporti con il Parlamento, è sta­to membro dei consiglio di sorve­glianza del Banco Popolare. Paola Severino, ministro della Giusti­zia, è stata il legale di Francesco Gaetano Caltagirone, Cesare Ge­ronzi, Romano Prodi e Giovanni Acampora. Monti sappia che facciamo sul serio.

Non ci accontenteremo del­le battute fatte il 18 novembre alla Camera richiedendo il voto di fi­ducia («Di poteri forti in Italia non ne conosco, magari l’Italia avesse un po’ più di poteri forti»). O di­chiari pubblicamente di non far più parte dei poteri finanziari forti che hanno realizzato con succes­so il colpo di Stato finanziario pri­ma in Grecia e poi in Italia, oppure si assumerà le sue responsabilità morali, politiche e legali di fronte al popolo italiano che non avrà ti­tolo per governare.

Donazione Corrispondenza romana
  • L’Italia cambia, ma Mattarella non se ne accorge
    (di Roberto de Mattei) Domenica 27 maggio il prof. Giuseppe Conte, incaricato dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella di formare un governo, si è presentato al Palazzo del Quirinale per presentare la lista dei suoi ministri, frutto di un intenso … Continua a leggere
  • Elezioni 2018: vincitori e vinti
    (di Lupo Glori) Boom della “Lega” e del “Movimento 5 Stelle” (M5s), contenuta crescita di “Fratelli di Italia”, forte calo di “Forza Italia” e storico tracollo del “Partito Democratico”. Il ciclone “Burian”, dopo essersi abbattuto sulle strade del nostro paese … Continua a leggere
  • Condannato Danilo Quinto, promossa Emma Bonino?
    (di Emmanuele Barbieri) Il 22 febbraio, se non ci saranno ulteriori rinvii, Danilo Quinto, sarà processato per diffamazione a mezzo stampa. Quinto, ex tesoriere del Partito Radicale, è autore di un libro dal titolo Da servo di Pannella a figlio … Continua a leggere
  • Il ritorno in patria dei Re d’Italia
    «Riportiamo in patria i Re d’Italia» titolava Corrispondenza Romana il 22 luglio 2015 (https://www.corrispondenzaromana.it/riportiamo-in-patria-gli-ultimi-re-ditalia/). Infatti, dopo l’attentato al Consolato italiano in Egitto, Maria Gabriella di Savoia, da sempre fedele custode della memoria del suo Casato (nel 1986 creò la Fondazione … Continua a leggere
  • Ius soli o Ius sanguinis?
    (di Lupo Glori) Ius soli o Ius sanguinis? Questa l’accesa, e a tratti violenta, diatriba politica che negli ultimi giorni ha infiammato il dibattito pubblico, dopo l’approdo al Senato del disegno di legge, approvato alla Camera alla fine del 2015 … Continua a leggere
  • Appello di Famiglia Domani contro il Ministro Fedeli
    (di Lupo Glori) A soli cinque giorni di distanza dalle dimissioni di Matteo Renzi, il 12 dicembre 2016 è nato il nuovo governo a guida dell’ex ministro degli Esteri Paolo Gentiloni, con il quale il premier battuto e ferito consuma … Continua a leggere
  • La disfatta di un premier sedicente cattolico
    (di Mauro Faverzani) Le parole hanno un senso. E quelle del commiato di Renzi ne hanno uno chiarissimo: «Lasciamo la guida del Paese con un’Italia che ha finalmente una legge sulle unioni civili», ha detto. Spiegando anche come tale normativa, … Continua a leggere
  • Da Renzi alla Brexit: tra falso ordine e caos
    (di Emmanuele Barbieri) Nessuno dei sindaci eletti il 19 giugno nelle principali città italiane disapplicherà la famigerata legge Cirinnà che assicura veste legale allo pseudo-matrimonio omosessuale. Per i neo-sindaci, che condividano o no il provvedimento renziano, non esiste una legge … Continua a leggere
  • Le grandi manovre per “repubblicanizzare” l’Italia
    (di Cristina Siccardi)  Il 1° giugno di 70 anni fa, vigilia del referendum istituzionale, Pio XII si rivolse al Sacro Collegio e, attraverso la radio, agli elettori italiani e francesi (anche in Francia, infatti, si votava, per le elezioni politiche), … Continua a leggere
  • L’eutanasia in parlamento
    (di Tommaso Scandroglio) Tornano a soffiare venti di morte sul Parlamento. Infatti, incassate le Unioni civili, ora si dibatte di eutanasia nei palazzi del potere. Sono sette le proposte di legge sul tema – ed altre sono in fase di … Continua a leggere