Marcia per la Vita: il principale evento pro-life in Italia e in Europa

Marcia per la Vita 2013(di Federico Catani) Straordinario successo anche quest’anno della Marcia Nazionale per la Vita, che ha portato in piazza, a Roma, oltre 40mila persone, secondo gli organizzatori, e che si afferma come la principale manifestazione pro-life italiana ed europea. Tutte le principali reti televisive (dal Tg1 al Tg2 al Tg5) hanno dedicato ampi servizi all’evento del 12 maggio, che ha avuto il suo culmine in Piazza San Pietro, dove papa Francesco ha rivolto un caloroso saluto ai partecipanti alla Marcia.

Il Pontefice ha invitato «a mantenere viva l’attenzione di tutti sul tema così importante del rispetto per la vita umana sin dal momento del suo concepimento». Non solo. Al termine del Regina Coeli, papa Francesco è andato incontro in papamobile ai manifestanti che percorrevano via della Conciliazione. Il corteo era aperto da un trenino pieno di bambini, dai malati dell’Ordine di Malta e dell’Unitalsi e dalla banda di Formello. La Marcia si è svolta in un clima pacifico e festoso, in un tripudio di bandiere, di slogan e di cartelli grandi e piccoli inneggianti alla vita e contro la legislazione abortista vigente in Italia e altri Paesi del mondo. Tantissimi i giovani e le famiglie con bambini, a testimoniare che non di battaglia di retroguardia si tratta, ma di lotta per un avvenire e una società più giusti. L’intensa mattinata è iniziata al Colosseo, dove Virginia Coda Nunziante, portavoce della Marcia, ha salutato i presenti.

Nel suo intervento, la dott.ssa Coda Nunziante ha ricordato che marciare per la vita significa «infondere nuova vita in una società che si decompone e muore». «La vita che difendiamo ‒ ha proseguito ‒ non è solo quella biologica e materiale, ma anche quella spirituale e morale dei bambini che devono nascere, delle famiglie e della società intera». Per far questo è necessario lottare contro la dittatura del relativismo che «impone leggi anti-naturali e anti-cristiane e colpisce e discrimina chi resiste a questo processo di degradazione morale». «Oggi ‒ ha proseguito la portavoce ‒ siamo qui per affermare il diritto a difendere pubblicamente quelli che Benedetto XVI ha chiamato valori non negoziabili, a cominciare dal diritto primario alla vita innocente». Dopo il suo saluto, la portavoce della Marcia ha introdotto gli interventi dei rappresentanti dei tanti movimenti e gruppi pro-life di tutto il mondo, che in questa terza edizione della Marcia sono giunti a Roma davvero in gran numero.

Tra le personalità di spicco che sono intervenute, Jeanne Monahan, presidente della March for Life di Washington; Lila Rose, attivista pro-life tra le principali avversarie dell’ente abortista Planned Parenthood e il dott. Xavier Dor, presidente di SOS Tout-Petits. Tra i primi a partire sono stati anche la figlia di santa Gianna Beretta Molla, Gianna Emanuela, che ha partecipato anche lo scorso anno, e Nicholas Windsor, della famiglia reale inglese, convertito al cattolicesimo e impegnato da anni in difesa della vita. Sul palco è salito anche il sindaco di Roma Gianni Alemanno, che ha denunciato, in un luogo simbolo come il Colosseo, la «strage degli innocenti» che avviene ancor oggi con l’aborto. Oltre ad Alemanno, hanno partecipato alla Marcia, rigorosamente apolitica e aconfessionale, anche diversi altri parlamentari, come Maurizio Gasparri, Giorgia Meloni, Carlo Giovanardi, Maurizio Sacconi, Lorenzo Fontana, Eugenia Roccella, Stefano De Lillo, Olimpia Tarzia, Paola Binetti e Federico Iadicicco.

A sfilare per tutto il percorso, dal Colosseo a Castel Sant’Angelo, il cardinale Raymond Leo Burke, Prefetto del Supremo Tribunale della Segnatura apostolica e grande sostenitore delle marce pro-life. La sera prima dell’evento, il cardinale ha definito l’aborto «un vero crimine, anche legale, divenuto comune nella nostra società». Da qui l’urgenza di «purificare una società dominata dalla cultura di morte» e di «rivestirsi di Cristo attraverso preghiera e penitenza». «La nostra Marcia per la Vita ‒ ha aggiunto ‒ procede dalla nostra adorazione eucaristica. La nostra fede non può restare chiusa nel tempio, ma deve esprimersi nella carità verso il prossimo. Occorre opporsi dunque a chi vorrebbe marginalizzare il cristianesimo e relegarlo alla sfera privata per ribadirne il ruolo legittimo nello spazio pubblico».

Il cardinale Burke ha concluso definendo la Marcia un’ «espressione di fede cattolica e atto di servizio alla società in cui viviamo e al suo bene comune». Oltre a Virginia Coda Nunziante e Francesco Agnoli, promotori e co-organizzatori della manifestazione, erano presenti, fra i tanti che qui è impossibile tutti ricordare: Alberto Zelger e Luigi Coda Nunziante, rispettivamente presidenti del Movimento europeo per la difesa della vita e Famiglia Domani, le due associazioni all’origine della Marcia per la Vita; Roberto de Mattei, presidente della Fondazione Lepanto; Mario Palmaro, presidente del Comitato Verità e Vita; Gianfranco Amato, presidente di Giuristi per la vita; Toni Brandi, direttore di “Notizie Pro Vita”; Paolo Deotto, direttore di “Riscossa cristiana” e Sandro Fontana, direttore di “Vita nuova”; Giovanni Zenone, di “Fede e Cultura”; Pucci Cipriani e Ascanio Ruschi, con un folto gruppo di Comunione Tradizionale, da Firenze; Massimo Gandolfini, vicepresidente di Scienza e Vita; Vita Umana Internazionale con mons. Ignacio Barreiro; le delegazioni italiana e straniere di Tradizione, Famiglia e Proprietà, con i loro grandi stendardi rossi; Silvio Della Valle di “Luci sull’Est”; l’Associazione Famiglie numerose e Famiglie numerose cattoliche; Attilio Tamburrini e Luigi Casalini, di Alleanza Cattolica; Pietro Guerini del Comitato No194, Giorgio Celsi di Ora et Labora, e Carlo Casini del Movimento per la Vita. Tra i numerosi medici in camice, i Ginecologi e Ostetriche cattolici di Pino Noia; i Farmacisti cattolici di Piero Uroda; i medici cattolici con Antonio Oriente e Renzo Puccetti;  La Quercia millenaria; e ancora: la Comunità Giovanni XXIII, le Associazioni Meter e Il Dono, Militia Christi, Giovani e Tradizione; le Sentinelle del Mattino. Numerose le rappresentanze dei Centri di Aiuto alla Vita, dei gruppi “Scienza e vita”, dei Gruppi di preghiera di Padre Pio. Tante anche le parrocchie, tra le quali quella di Staggia Senese, con gli Amici del Timone e Basta Bugie, guidata da don Stefano Bimbi. Oltre cinquecento provenivano da Benevento, con Carlo Principe; tantissimi da Trento, con Alessandra Scolaro, di Libertà e Persona, da Biella con Giovanni Ceroni, da Bologna con Lorenzo Bertocchi, da Schio il movimento con Cristo per la Vita e tanti altri. All’avvocato Claudio Vitelli si deve l’organizzazione tecnica della Marcia, al Popolo della Vita, di Alfredo Iorio e Gianluca Porta, l’impeccabile gestione, anche quest’anno, del servizio d’ordine e all’Associazione La Musa di Avellino la distribuzione dei palloncini. Oltre alle magliette ufficiali della Marcia per la Vita, si notavano le t-shirt “cattoliche” del gruppo veronese Sine Timore e quelle distribuite con abbondanza dai promotori della raccolta di firme “Uno di Noi”.

Tra i sacerdoti, spiccava l’Amicizia sacerdotale Summorum Pontificum di padre Vincenzo Nuara. Tra i religiosi, l’Istituto del Verbo Incarnato, con il loro superiore generale padre Carlos Walker, i Francescani dell’Immacolata, gli Orionini con il loro superiore generale don Flavio Peloso, l’Istituto Cristo Re di Gricigliano, l’istituto Familia Christi, la Fraternità San Pio X con il suo superiore italiano don Pierpaolo Petrucci, presenti anche i padri e seminaristi dei Legionari di Cristo. Numerose le personalità, tra cui il rettore dell’Università europea di Roma, don Paolo Scarafoni, le scrittrici e giornaliste Costanza Miriano e Cristina Siccardi, Corrado Gnerre e Massimo Viglione de “Il giudizio cattolico” e i redattori del Settimanale di Padre Pio, Radici Cristiane, Il Timone,  e molte altre riviste, siti e blog cattolici, da “La Nuova Bussola Quotidiana”, “NoCristianofobia” a “Campari e de Maistre”, da “Messa in Latino” alla “Corsia dei Servi”.

L’appuntamento per il prossimo anno è stato già annunciato: la IV Marcia nazionale per la Vita si svolgerà sempre a Roma domenica 4 maggio 2014. (Federico Catani)

Donazione Corrispondenza romana
  • Il disordine di Malta
    (di Roberto de Mattei su Il Tempo del 28 aprile 2017) Dopo l’interdetto, il Vaticano ha dovuto fare marcia indietro. L’ex Gran Maestro dell’Ordine di Malta Fra’ Matthew Festing, al quale lo scorso 15 aprile, l’Arcivescovo Giovanni Angelo Becciu, “in accordo col … Continua a leggere
  • Lo scandalo dei nostri tempi
    (di Roberto de Mattei) Il mondo è pieno di scandali e Gesù dice: «Guai al mondo per causa degli scandali» (Mt 18, 6-7). Lo scandalo, secondo la morale cattolica, è il comportamento di chi causa il peccato o la rovina … Continua a leggere
  • È una guerra di religione
    (di Roberto de Mattei) La strage di Tanta e di Alessandria è un brusco richiamo alla realtà per papa Francesco, alla vigilia del suo viaggio in Egitto. Gli attentati in Medio Oriente, come in Europa, non sono sciagure naturali, evitabili … Continua a leggere
  • Perché non bisogna discreditare la Compagnia di Gesù
    (di Roberto de Mattei) Tra le conseguenze più disastrose del pontificato di papa Francesco ce ne sono due, strettamente connesse tra loro: la prima è il travisamento della virtù tipicamente cristiana dell’obbedienza; la seconda è il discredito gettato sulla Compagnia … Continua a leggere
  • Papa Francesco quattro anni dopo
    (di Roberto de Mattei) Il quarto anniversario della elezione di Papa Francesco vede la Chiesa cattolica lacerata da profonde divisioni. «È una pagina inedita nella storia della Chiesa – mi dice con tono preoccupato un alto prelato vaticano – e … Continua a leggere
  • Si può parlare di “Bergoglismo”?
     (di Nicodemo Grabber) La preoccupazione e lo spaesamento di molti buoni cattolici per quanto avviene oggi nella Chiesa sono come il segnale d’allarme, espresso da quel sensus fidei che ogni battezzato riceve dallo Spirito Santo. Tutti i fedeli avvertono che … Continua a leggere
  • Francescheide di Lorenzo Stecchetti junior
    (di Emmanuele Barbieri) Tra le conseguenze più gravi di questo pontificato c’è la mancanza di rispetto che circonda sempre di più la Cattedra di Pietro, verso la quale ogni cattolico non può che provare profonda venerazione. Ma non bisogna confondere … Continua a leggere
  • Quando la correzione pubblica è urgente e necessaria
    (di Roberto de Mattei) Si può correggere pubblicamente un Papa per il suo comportamento riprovevole? Oppure l’atteggiamento di un fedele deve essere quello di un’obbedienza incondizionata, fino al punto di giustificare qualsiasi parola o gesto del Pontefice, anche se apertamente … Continua a leggere
  • L’“effetto Francesco”
    (di Fabio Cancelli) Si era agli inizi del Pontificato del Papa latino-americano e sociologi, psicologi e operatori pastorali vari si affaccendavano a spiegare, statistiche alla mano, quello che si impose come «effetto Francesco». Cioè, si tentava di dimostrare che non … Continua a leggere
  • Il ricatto dell’obbedienza
    (di Cristiana de Magistris) In tempi più felici di quelli in cui viviamo, si soleva dire che Roma locuta est, causa finita est, Roma ha parlato, dunque la causa è conclusa. Da un cinquantennio a questa parte, questo lemma, degno … Continua a leggere