L’Arcivescovo di Catania si lamenta delle Messe tridentine

(su Messainlatino.it) Articolo inviato dallo Studio Teologico di San Paolo in Catania, sempre in riferimento al già citato triste “caso di Catania“. L’Arcivescovo di Catania batte i pugni: basta con Messe tridentine, inchini e baciamano! E’ infuriato l’Arcivescovo di Catania, mons. Salvatore Gristina, che in una recente riunione di clero ha manifestato apertamente il suo dissenso verso la celebrazione di Messe tridentine che proliferano in Diocesi ad opera di “Gruppuscoli”.

“Basta – ha detto con rabbia battendo i pugni sul tavolo – con queste messe tridentine, inchini e baciamano”. Nelle sue parole il monsignore ha fatto riferimento alle celebrazioni che si sono svolte nell’estate scorsa tra Catania e Messina (a Biancavilla e Santa Teresa di Riva) che hanno visto la presenza di don Nicola Bux. Un parroco della Diocesi di Catania, che aveva accolto l’istanza presentata da numerosi giovani, è stato duramente richiamato.

L’eco delle parole del Vescovo si è sentita in tutta la Diocesi, riducendo al silenzio ogni iniziativa in questo senso. Anche nello studio teologico di Catania serpeggiano da mesi malumori e contestazioni verso chi si propone “Amico” della Tradizione liturgica e dottrinale della Chiesa.

Seminaristi guardati con sospetto, e studenti additati dal preside (don Gaetano Zito) di essere amanti di nostalgie “Bizzocche”. Lo stesso preside, a lezione – come riferiscono diversi studenti – addita come esempi liturgici negativi e tradimento del Vaticano II le iniziative svolte in questo senso in Diocesi e apostrofa negativamente quei pochi giovani sacerdoti che hanno manifestato vicinanza alle suddette celebrazioni.

Insomma, vita dura per chi vuole semplicemente manifestare la propria fede nel rispetto delle condizioni stabilite dal Santo Padre, in continuità con la splendida Tradizione della Chiesa, senza imporre niente a nessuno. Ci si chiede: perché tanta rabbia? Non vale anche in questo caso il monito di Gesù: “Chi non è contro di noi è con noi”?

Donazione Corrispondenza romana