La filosofia della liberazione secondo “La Civiltà Cattolica”

La Civiltà Cattolica(di Fabrizio Cannone) Dopo aver citato le condanne che il Magistero pontificio emise nell’ultimo secolo di storia con la Pascendi, la Divini Redemptoris e l’Humani generis, rispettivamente contro il modernismo, il comunismo e l’evoluzionismo filosofico, Giovanni Paolo II ricorda che «da ultimo, anche la Congregazione per la Dottrina della Fede (…) ha dovuto intervenire per ribadire il pericolo che comporta l’assunzione acritica (…) di tesi e metodologie derivanti dal marxismo» (Fides et ratio, 54). L’enciclica faceva riferimento all’Istruzione Libertatis nuntius  su alcuni aspetti della “teologia della liberazione” (1984).

Come se tutto questo non fosse né noto né assodato, la rivista gesuita “La Civiltà Cattolica”, un tempo espressione della più pura teologia romana, propone ai lettori un saggio di apertura in cui il teologo e filosofo della liberazione gesuita Juan Carlos Scannone, ripete i clichés tipici di quell’erroneo indirizzo filosofico-teologico-politico (cfr. La filosofia della liberazione, in “La Civiltà Cattolica”, quaderno 3920, pp. 105-120). Nel suo articolo padre Scannone si propone di esporre la veridicità, le caratteristiche, la storia e infine «la validità attuale» della filosofia della liberazione. Per il gesuita la filosofia della liberazione argentina è una «filosofia della prassi» che si situa nell’orizzonte dell’«attuale superamento della metafisica della sostanza e del soggetto» (p.113) e si caratterizza per la sua «opzione etico-storica e teorica per le vittime dell’ingiustizia e della violenza.»

Non c’è molto da dire per dimostrare l’assurdità del proposito di padre Scannone che è evidentemente, magari servendosi impropriamente delle aperture di Papa Francesco, quello di rimettere in circolazione una visione, di stampo materialistico, che pretendeva di fare teologia “dal basso”, a partire non dalla volontà di Dio, ma dalle necessità (presunte…) del popolo e dei miseri.

La filosofia, che dovrebbe essere per un cattolico la ancilla theologiae, e coincidere con un profondo desiderio di saggezza, viene piegata a valenze di tipo sociale-populistico. Secondo Scannone, «la filosofia della liberazione (FL) è nata in Argentina nel 1971, a partire dalla presa di coscienza di un gruppo di filosofi sull’ingiustizia strutturale che opprime la maggior parte della popolazione nell’America Latina» (p. 105). Inoltre, «la prassi del liberazione è l’atto primo (Gustavo Gutierrez), punto di partenza e luogo ermeneutico di una riflessione umana radicale, come è quella filosofica, che usa come mediazione analitica intrinseca i contributi delle scienze dell’uomo, della società e della cultura» (pp. 107-108).

In pratica si tratta di fare filosofia rigettando la patristica, la scolastica e le varie indicazioni del Magistero, importantissime in realtà nell’ambito filosofico e metafisico, e di sostituirvi le fallibilissime e sempre approssimative “scienze dell’uomo”, come la psicologia (o magari la psicanalisi!), la sociologia (a tinta marxista) e l’economia politica (antiliberista a parole, in realtà mondialista, anti-nazionale e filo-globalizzazione).

C’è molto da aggiungere? Perfino uno dei fondatori della teologia della liberazione, Clodovis Boff è arrivato a capire che essa era erronea in radice, perché come scrisse anni fa in un articolo di resipiscenza sulla “Rivista Ecclesiastica Brasileira”, se da Cristo si arriva sempre al (bene del) povero, partendo del povero non è detto che si arrivi a Cristo, e dunque trattasi di una teologia (e di una filosofia) in cui Dio resta facoltativo.

L’articolo di padre Scannone è un lungo delirio in stile latino-americano anni ‘70: dall’ assunzione «del metodo anadialettico» (p. 119), fino alla «incessante apertura alle continue novità e alterità delle situazioni e delle risposte storiche dei popoli» (p. 119).

Il Magistero della Chiesa però ha risposto preventivamente a queste  affermazioni filosofiche, insegnando con chiarezza: «Verità e libertà, infatti, o si coniugano insieme o insieme miseramente periscono» (Fides et ratio, 90) e: «La Verità, che è Cristo, si impone come autorità universale che regge, stimola e fa crescere (cfr Ef 4,15) sia la teologia che la filosofia» (Fides et ratio, 92). Nella filosofia (e nella teologia) della liberazione c’è proprio questo rifiuto della Verità, che è Cristo. (Fabrizio Cannone)

Donazione Corrispondenza romana
  • Fare chiarezza sull’Amoris laetitia: una nuova voce si leva
     (di Emmanuele Barbieri) Il convegno organizzato il 22 aprile a Roma da La Nuova Bussola quotidiana e da Il Timone ha rappresentato una nuova importante tappa nella lunga serie di iniziative che, da un anno a questa parte hanno messo … Continua a leggere
  • La crisi ariana del IV secolo
    (di Cristina Siccardi) All’Alba del IV secolo, il cristianesimo, estesosi in tutto l’Impero romano, deve affrontare la prima persecuzione lunga e feroce della sua storia. La seconda, la stiamo vivendo noi, ora. La Verità portata da Gesù Cristo rischiava di … Continua a leggere
  • Lo scandalo dei nostri tempi
    (di Roberto de Mattei) Il mondo è pieno di scandali e Gesù dice: «Guai al mondo per causa degli scandali» (Mt 18, 6-7). Lo scandalo, secondo la morale cattolica, è il comportamento di chi causa il peccato o la rovina … Continua a leggere
  • La Chiesa “viva”
    (di Cristiana de Magistris) Quando, durante il processo dell’apostolo Paolo, il procuratore della Giudea Festo si trovò nella necessità di spiegare al re Agrippa le imputazioni portate dai Giudei contro Paolo, le riassunse dicendo che gli accusatori avevano contro di … Continua a leggere
  • Quei concerti per Lutero sono una nota decisamente stonata
    (di Mauro Faverzani) Che a cento anni dalle apparizioni di Fatima, in una chiesa cattolica, quella del Redentore a Modena, non si trovi di meglio che festeggiare il quinto centenario della riforma luterana con un ciclo di cinque concerti, promossi … Continua a leggere
  • È una guerra di religione
    (di Roberto de Mattei) La strage di Tanta e di Alessandria è un brusco richiamo alla realtà per papa Francesco, alla vigilia del suo viaggio in Egitto. Gli attentati in Medio Oriente, come in Europa, non sono sciagure naturali, evitabili … Continua a leggere
  • Il Processo di Cristo e il processo della Chiesa
    (di Cristiana de Magistris) Nel Tempo di Passione, che abbraccia le due settimane che precedono la Pasqua, la Chiesa contempla in lutto i dolorosi avvenimenti che segnarono l’ultimo anno della vita del Redentore del mondo (Settimana di Passione) e l’ultima … Continua a leggere
  • Il vero volto di san Francesco d’Assisi e sant’Ignazio di Loyola
    (di Cristina Siccardi) Il Papa porta con orgoglio il nome di san Francesco d’Assisi ed è orgogliosamente erede della dinastia religiosa fondata da sant’Ignazio di Loyola, ma né dell’uno, né dell’altro ne è testimone. Il vero volto di san Francesco … Continua a leggere
  • Perché non bisogna discreditare la Compagnia di Gesù
    (di Roberto de Mattei) Tra le conseguenze più disastrose del pontificato di papa Francesco ce ne sono due, strettamente connesse tra loro: la prima è il travisamento della virtù tipicamente cristiana dell’obbedienza; la seconda è il discredito gettato sulla Compagnia … Continua a leggere
  • Le responsabilità di mons. Vincenzo Paglia
    (di Mauro Faverzani) L’intera vicenda pecuniaria è stata ripercorsa, con dovizia di particolari, venerdì 24 marzo dal quotidiano La Verità: riguarda il processo, presso il tribunale penale di Terni, relativo alla compravendita del castello di San Girolamo, a Narni. Nell’estate … Continua a leggere