Isis: ora l’ostaggio francese, poi la jihad punta su Roma

Print Friendly, PDF & Email

OstaggioNiente di veramente nuovo sotto il sole. Però fa male ogni volta, sentirlo ripetere. L’Isis ora guarda alla Città Eterna: «Conquisteremo Roma, spezzeremo le sue croci, faremo schiave le sue donne col permesso di Allah, l’Eccelso», ha dichiarato il portavoce dello “Stato islamico”, Abu Muhamad al Adnani, in un comunicato multilingue apparso su Internet e diffuso dal quotidiano on line The Long War Journal. Ai suoi seguaci non ha semplicemente ripetuto di sterminare gli “infedeli” ovunque si trovino – sempre «confidando in Allah», s’intende -, ma ha dato più di uno “spunto” anche circa le modalità: «Piazzate l’esplosivo sulle loro strade. Attaccate le loro basi, fate irruzione nelle loro case. Troncare loro la testa. Che non si sentano sicuri da nessuna parte! Se non potete trovare l’esplosivo o le munizioni, isolate gli Americani infedeli, i Francesi infedeli o non importa quale altro loro alleato: spaccate loro il cranio a colpi di pietra, uccideteli con un coltello, travolgeteli con le vostre auto, gettateli nel vuoto, soffocateli oppure avvelenateli». Ma non basta: l’organizzazione musulmana è andata anche oltre ed ha alzato il tiro.

La coalizione militare costituitasi contro il sedicente “califfato” di Iraq e Siria ha davvero irritato il terrorismo islamico, così ora afferma di voler far pagare un «prezzo elevato» a statunitensi, europei ed ai Paesi che li sostengano o in qualsivoglia maniera li aiutino. Il tutto, condito delle solite, terrificanti minacce. Questa volta però già concretizzatesi col sequestro avvenuto domenica scorsa sul monte di Yaryara, nei pressi di Tizi Ouzou, nell’est dell’Algeria: si tratta di un turista francese, Hervé Pierre Gourdel, 55 anni, originario di Nizza. E’ stato mostrato in un video assieme a due miliziani del gruppo Yamat Yund al Jilafa, incappucciati e armati. Con l’ultimatum lanciato al Presidente Hollande: entro 24 ore cessino gli attacchi sull’Iraq o nessuno scampo per l’ostaggio. I servizi di sicurezza si sarebbero immediatamente mobilitati, per localizzare i rapitori.

Nel frattempo in Turchia sono giunti oltre 130 mila curdi siriani negli ultimi giorni, secondo quanto dichiarato dall’Alto Commissariato dell’Onu per i Rifugiati e confermato dal vicepremier turco, Numan Kurtulmus. Gli scontri sul campo di battaglia, intanto, si sono fatti ancora più feroci: a Nord di Falluja, per la precisione a Saqlawiya, l’Isis avrebbe sferrato un blitz con armi chimiche, gas cloro nello specifico, che ha provocato almeno 300 morti nelle fila dell’esercito iracheno sui 400 soldati presenti nel quartier generale, dove è stata fatta esplodere un’autobomba. Una situazione, che non ammette più incertezze, tentennamenti o colpevoli ritardi.


Sostieni Corrispondenza romana

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Informazioni Carta di Credito
Questo è un pagamento sicuro SSL crittografato.

Totale Donazione: €100.00

Donazione Corrispondenza romana
  • L’islamizzazione dell’Europa passa dalla scuola
    (Mauro Faverzani) Come volevasi dimostrare. Esperimento fallito. Inserire corsi di arabo nella scuola pubblica francese, per occidentalizzare l’islam ha prodotto l’effetto esattamente contrario ovvero sta islamizzando l’Occidente. L’ultima riforma scolastica d’Oltralpe, che pretendeva di arginare così la radicalizzazione negli allievi … Continua a leggere
  • Ora la Turchia vuole islamizzare la Francia con le scuole
    (di Mauro Faverzani) Le prove tecniche di islamizzazione dell’Europa avanzano. Ora è ufficiale, una delegazione turca si recherà in Francia tra il 20 ed il 21 maggio prossimi, perché l’auspicio espresso dal presidente Erdogan divenga realtà, quello cioè di aprire … Continua a leggere
  • La Madonna trionfa sui persecutori dei cristiani
    (di Cristina Siccardi) Nello stesso giorno di Nostra Signora di Fatima, mentre in Burkina Faso veniva distrutta a Singa, nel comune di Zimtenga, la statua della Madonna, portata a braccia per una processione da fedeli che sono stati uccisi in … Continua a leggere
  • Espulso un altro imam kosovaro dall’Italia
    (di Mauro Faverzani) Da quasi quattro anni è noto come nell’asse kosovaro-bosniaco si celi il principale snodo dell’Isis in Europa. E come nel Cremonese si siano registrate tracce certe di tale avamposto del terrorismo islamico. Espulso un altro imam kosovaro … Continua a leggere
  • La dittatura ideologica sempre più verso il pensiero unico
    (di Mauro Faverzani) Da più parti in un Occidente sempre più corrotto ed eticamente malato si hanno evidenze tangibili di un regime ideologico che avanza, silenziosamente, fagocitando voracemente spazi di libertà, verso il pensiero unico. Lo si vede, quotidianamente, a … Continua a leggere
  • I Mormoni sbarcano a Roma
    (di Lorenzo Stella) I Mormoni sbarcano a Roma. Ma il loro pacchiano luogo di culto, più che alla fede, fa pensare alle fiction sulla criminalità camorristica. Mancano invece le Croci, poiché questa sedicente religione cristiana, in realtà, si basa sul … Continua a leggere
  • Cattolici in piazza a Roma il 19 febbraio
    I quattro simboli degli Evangelisti (Il Bue di san Luca, L’Angelo di san Matteo, il Leone di san Marco, l’Aquila di san Giovanni) delimitano la grande piazza San Silvestro nel cuore di Roma, dove cento cattolici provenienti dall’Italia e dall’estero, … Continua a leggere
  • Rischio attentati in Catalogna, nuova base della jihad
    (di Mauro Faverzani) È nella regione autonoma di Catalogna una nuova base operativa del terrorismo islamico in Europa. A rivelarlo, dati alla mano, è l’attenta analisi recentemente compiuta da Sœren Kern, senior fellow presso il Gatestone Institute di New York. … Continua a leggere
  • Cittadinanza negata ad una coppia islamica
    (di Mauro Faverzani) La città svizzera di Losanna ha bloccato la richiesta avanzata da una coppia islamica di acquisire la nazionalità elvetica, in quanto i due si rifiutavano di stringere la mano a persone del sesso opposto. Pertanto, nella misura … Continua a leggere
  • L’immigrazione incontrollata e il rischio di una guerra civile in Europa
    (di Lupo Glori) «La guerra civile sta arrivando in Europa». A scriverlo è il giornalista britannico James Delingpole in un articolo (https://www.breitbart.com/big-government/2018/09/16/delingpole-civil-war-is-coming-to-europe-warns-german-politician/) pubblicato sul portale di news statunitense breitbart.com, in cui l’autore riporta le parole testuali a lui riferite, come … Continua a leggere