Incredibile, accordi tra college cattolici e Planned Parenthood!

Print Friendly, PDF & Email

LogoIl titolo, già in sé, è agghiacciante ed eloquente: «A more Scandalous Relationship: Catholic Colleges and Planned Parenthood». E’ il nuovo dossier, pubblicato e diffuso dalla Cns-Cardinal Newman Society, relativo agli accordi stretti da Planned Parenthood con università e college cattolici, per lo più – si legge – presso strutture gestite dai gesuiti. Lo studio è giunto alla sua seconda edizione. La prima, uscita nel 2011, parlava di oltre 150 casi. Ora ce ne sarebbero 63 in più. Un numero impressionante.

Perché degli istituti cattolici dovrebbero avviare dei contatti con la multinazionale dell’aborto? Secondo l’agenzia LifeSiteNews, che ha dedicato all’argomento un ampio servizio, ciò riguarderebbe soprattutto la fornitura dei servizi sanitari, talvolta ritenuti particolarmente efficaci, dai test della gravidanza a quelli su Hiv e Aids sino alle attenzioni mirate al mondo Lgbt. Oppure gli accordi han riguardato stage e borse di studio. Qualsiasi pretesto è buono, insomma. L’8 ottobre del 2012 presso la Seattle University School of Law è stata promossa una tavola rotonda sul tema della «giustizia in ambito riproduttivo»: ebbene, tra i relatori vi fu anche un rappresentante di Planned Parenthood, richiesto di parlare agli studenti dell’Obamacare ovvero della riforma sanitaria varata dall’attuale inquilino della Casa Bianca, fortemente abortista. Ancora: al corso sulla «Sessualità umana» tenuto presso il College of Saint Rose di New York, Planned Parenthood ha incontrato gli studenti; non a caso, tra i suoi docenti v’è chi fa parte del consiglio d’amministrazione di strutture come l’Upper Hudson Planned Parenthood. Così in questi college è possibile trovare anche chi sia pronto a giustificare addirittura il traffico illecito di organi tratti da feti abortiti, recentemente venuto alla luce, ritenendolo «un’impresa eticamente legale» per «salvare vite umane e migliorare la qualità della vita».

Molti di questi dati sono stati recuperati dalla Cardinal Newman Society sui siti web di college e università, ove erano stati tranquillamente pubblicati, come se fossero normali informazioni. Ovviamente, dopo la divulgazione di questo dossier, molti di tali dati sono spariti. Sono stati cancellati, ne sono state letteralmente rimosse le tracce. Ma la sostanza, purtroppo, non cambia. E probabilmente un esame più approfondito e mirato consentirebbe di scoprire anche molto altro…

«Ognuna delle situazioni che descriviamo in questo rapporto dovrebbe atterrire ogni Cattolico, che abbia a cuore la vita e che si aspetti dagli educatori degli istituti religiosi un insegnamento in piena sintonia con la Dottrina cattolica – affermano i ricercatori del Cns, che hanno realizzato questo dossier-denuncia, in cui non si esita a parlare di «scandalo» – «La missione di Planned Parenthood – proseguono – non ha nulla in comune coi valori della Chiesa». Per cui collaborare è semplicemente impossibile ed improponibile. Allora, perché accade? Val la pena ricordare quanto espressamente scritto da Giovanni Paolo II nell’enciclica Evangelium Vitae, al n. 74: «I cristiani sono chiamati, per un grave dovere di coscienza, a non prestare la loro collaborazione formale a quelle pratiche che, pur ammesse dalla legislazione civile, sono in contrasto con la Legge di Dio. Infatti, dal punto di vista morale, non è mai lecito cooperare formalmente al male». Sarebbe buona cosa se, in certi college, questo testo venisse ripreso in mano e riletto.


Sostieni Corrispondenza romana

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Informazioni Carta di Credito
Questo è un pagamento sicuro crittografato SSL.

Totale Donazione: €100.00

Donazione Corrispondenza romana
  • Un granellino di sabbia inserito nella macchina abortiva
    (Tommaso Scandroglio) Nel Regno Unito l’aborto è consentito fino alla 24esima settimana e fino alla nascita per motivi legati alla malformazione del feto. La deputata Carla Lockhart, membro del Partito Unionista Democratico dell’Irlanda del Nord, ha presentato una mozione al … Continua a leggere
  • Amici e nemici della vita nel mondo
    (Mauro Faverzani) Il Messico non si arrende alla cultura di morte. Dal 2007, anno in cui nella sola capitale, Città del Messico, il Partito della Rivoluzione Democratica, di sinistra, riuscì a render legale abortire, 22 Stati della repubblica federale hanno … Continua a leggere
  • Elezioni USA: una prima analisi
    (Maurizio Ragazzi) Due giorni dopo la chiusura dei seggi, è ancora incerto chi abbia vinto le elezioni presidenziali americane. Invece, altri dati emersi dalle elezioni (per Presidente, Congresso, governatori, ed iniziative popolari) sono già assodati: 1. Lasciando da parte gli … Continua a leggere
  • Svolta nella Corte Suprema americana dopo l’elezione di Amy Barrett
    (Maurizio Ragazzi) La sera del 26 ottobre, il Senato americano ha confermato la nomina di Amy Coney Barrett alla Corte Suprema[1], che quindi ora ha in organico tutti e nove i suoi componenti a vita. Al termine di una maratona … Continua a leggere
  • Intervento dell’arcivescovo Gądecki, contro le violenze in Polonia
    (Veronica Rasponi) Il 22 ottobre 2020, il Tribunale Costituzionale della Polonia ha deciso a larghissima maggioranza (tredici giudici contro due) che la clausola della legge sulla maternità che permette l’aborto in caso di una malattia grave e incurabile del feto, … Continua a leggere
  • Una legge iniqua non può mai essere bene applicata
    (Tommaso Scandroglio) Lo abbiamo visto verificarsi tante volte. Fatta una legge piena zeppa di paletti, questi paletti prima o poi saltano tutti. Qualche esempio. Legge 898 del 1970 sul divorzio: inizialmente si poteva divorziare solo dopo tre anni dalla separazione. … Continua a leggere
  • I cattolici adulti e la 194
    (Riccardo Rodelli) Nei giorni scorsi mons. Vincenzo Paglia, Presidente della Pontificia Accademia per la vita, in una intervista a La Repubblica (15 agosto 2020) ha definito la legge 194 «un punto di riferimento condiviso, con cui tutti dobbiamo misurarci». Parole … Continua a leggere
  • Nuove “infiltrazioni” nel tempio
    (Mauro Faverzani) Uno spirito diabolico continua a serpeggiare senza tregua, ogni giorno, nella Chiesa. Il sacerdote gesuita Mario Serrano Marte si è espresso ancora una volta a favore della depenalizzazione dell’aborto nella Repubblica Dominicana. Lo scorso 21 agosto ha pubblicato … Continua a leggere
  • La campagna prolife del presidente Trump
    (Tommaso Scandroglio) La campagna elettorale negli Usa è ormai iniziata. L’organizzazione pro-life Susan B. Anthony List ha stilato un elenco di iniziative che l’amministrazione Trump ha assunto a favore della vita nascente dal giorno del suo insediamento ad oggi, elenco … Continua a leggere
  • Chi si oppone all’ “ipocrisia globale”
    (Mauro Faverzani) Questa volta è stata la Giustizia ad intervenire. E ad ordinare all’amministrazione comunale di Cadice di ritirare la bandiera Lgbt, esposta sulla facciata del Municipio. Illegalmente. Decisiva, ai fini del provvedimento, è stata la richiesta esplicitamente formulata dagli … Continua a leggere