Il Card. Cañizares celebra in S. Pietro secondo il rito romano antico

(di Federico Catani) Sabato 3 novembre, in occasione del pellegrinaggio Una cum Papa nostro, S. Em.za il Cardinale Antonio Cañizares Llovera, Prefetto della Congregazione per il Culto divino e la Disciplina dei Sacramenti, ha celebrato una solenne Messa pontificale all’altare della Cattedra in San Pietro. Erano presenti un centinaio tra sacerdoti e seminaristi e un folto gruppo di pellegrini, guidati dall’abbé Claude Barthe.

Poco prima dell’inizio della celebrazione è stato letto il messaggio indirizzato ai fedeli dal card. Tarcisio Bertone, Segretario di Stato, a nome di Benedetto XVI, in cui si è impartita la benedizione apostolica e si è ribadito che, a proposito del Motu Proprio Summorum Pontificum, «è cosa buona conservare le ricchezze che sono cresciute nella fede e nella preghiera della Chiesa e dar loro il giusto spazio». Il card. Cañizares ha dichiarato di aver accettato di celebrare in rito antico «per far comprendere che è normale usare la forma straordinaria dell’unico rito romano».

L’abbé Claude Barthe, cappellano del pellegrinaggio a Roma, ha affermato da parte sua che la celebrazione era destinata:

-ad offrire una S. Messa nella forma straordinaria di ringraziamento e di supporto filiale al Santo Padre nel quinto anniversario del Motu Proprio Summorum Pontificum;

-a manifestare l’amore dei pellegrini per la Chiesa e la loro fedeltà alla Sede di Pietro;

-ad esprimere visibilmente il contributo della liturgia tradizionale alla nuova evangelizzazione che il Santo Padre intende promuovere con l’Anno della Fede.
(Federico Catani)

Donazione Corrispondenza romana