I primi martiri dell’Islam in Europa

(di Roberto de Mattei, Il Tempo, 27 luglio 2016) Il primo martire dell’Islam in terra d’Europa ha un nome. È il padre Jacques Hamel, assassinato mentre celebrava la Santa Messa il 26 luglio nella chiesa parrocchiale di Saint-Etienne-du-Rouvray, in Normandia. Due musulmani che inneggiavano all’Islam, hanno fatto irruzione nella Chiesa e, dopo avere preso in ostaggio i pochi fedeli, hanno sgozzato il celebrante, ferendo gravemente un altro fedele. Sull’identità degli aggressori e sull’odio anticristiano che li ha  mossi non ci sono dubbi. Sulla sua agenzia di stampa Amaq, lo Stato Islamico ha definito i due assalitori «nostri soldati».

Il nome di Jacques Hamel si aggiunge a quello di migliaia di cristiani che ogni giorno vengono bruciati, crocifissi, decapitati in odio alla loro fede. Ma il massacro del 26 luglio segna una svolta perché è la prima volta che accade in Europa,  proiettando un’ombra di paura e di sgomento sui cristiani del nostro continente. Non è certo possibile presidiare 50.000 edifici religiosi in Francia, e un numero analogo di chiese, parrocchie, santuari in Italia e in altri Paesi. Ogni sacerdote è oggetto di possibili attacchi, destinati a moltiplicarsi anche in seguito all’effetto emulazione che segue a questi delitti. «Quanti morti sono necessari, quante teste decapitate, perché i governanti europei comprendano la situazione in cui si trova l’Occidente?» si è chiesto il cardinale Robert Sarah.

Che cosa deve accadere, aggiungiamo noi, perché i confratelli del cardinale Sarah nel collegio cardinalizio, a cominciare dal loro capo supremo, che è il Papa, comprendano la spaventosa situazione in cui si trova oggi non solo l’Occidente, ma la Chiesa universale? Ciò che rende terribile questa situazione è la politica di buonismo e di falsa misericordia nei confronti dell’Islam e di tutti i nemici della Chiesa. Certo, i cattolici devono pregare per i loro nemici, ma devono anche essere consapevoli di averne, e non si devono limitare a pregare per loro, hanno anche il dovere di combatterli. È il catechismo della Chiesa cattolica che lo insegna al n. 2265 quando dice che la legittima difesa può essere un dovere grave per chi è responsabile della vita di altri. «La difesa del bene comune esige che si metta l’ingiusto aggressore in condizioni di non nuocere».

Papa Francesco si è detto «particolarmente turbato da questo atto di violenza che ha avuto luogo in una chiesa durante la liturgia della Messa ed ha implorato la pace di Dio per il mondo», rinunciando  ancora una volta a chiamare per nome gli assassini.

Il silenzio di Papa Bergoglio è parallelo a quello dei musulmani di tutto il mondo che non denunciano con voce forte e in maniera unisona e collettiva i delitti commessi, in nome di Allah, dai loro correligionari. Eppure perfino il presidente della Repubblica francese François Hollande, nel suo discorso alla nazione di martedì sera, ha parlato di una guerra aperta della Francia contro l’Isis. Durante il suo pontificato, il Papa ha beatificato con procedure super veloci alcuni personaggi del XX secolo, come Oscar Arnulfo Romero e don Pino Puglisi, che non furono certamente uccisi in odio alla fede cattolica.

Ma il 12 maggio 2013, ha anche canonizzato in piazza San Pietro gli ottocento martiri di Otranto, massacrati l’11 agosto 1480 dai Turchi per non aver voluto rinnegare la loro fede. Se Papa Francesco annunciasse l’avvio di un processo di beatificazione del padre Hamel darebbe al mondo un segnale pacifico, ma forte ed eloquente, della volontà della Chiesa di difendere la propria identità. Se invece continuerà ad illudersi sulla possibilità di un accordo ecumenico con l’Islam, ripeterà gli errori di quella sciagurata politica che sacrificò le vittime della persecuzione comunista sugli altari dell’Ostpolitik. Ma l’altare della politica è diverso dalla sacra mensa su cui si celebra il sacrificio incruento di Cristo e a questo sacrificio, il 26 luglio, padre Jacques Hamel ha avuto la grazia di unirsi, offrendo il proprio sangue. (Roberto de Mattei, Il Tempo, 27 luglio 2016)

Donazione Corrispondenza romana
  • Intervista al prof. Roberto de Mattei sulla crisi della Chiesa
    Riportiamo la versione italiana di un’intervista della giornalista Maike Hichson al prof. Roberto de Mattei apparsa sul sito Onepeterfive dell’11 dicembre 2017 (https://onepeterfive.com/interview-roberto-de-mattei-discusses-the-escalating-church-crisis/). Intervista al prof. Roberto de Mattei sulla crisi della Chiesa was last modified: dicembre 13th, 2017 by … Continua a leggere
  • San Juan Diego e la Madonna di Guadalupe
    (di Cristina Siccardi) Se su Google si digita il termine Madonna al primo posto salta fuori «Madonna.com>Home», il sito ufficiale della trasgressiva diva pop statunitense Louise Veronica Ciccone, in arte Madonna; al secondo posto «Madonna (cantante) – Wikipedia» e al … Continua a leggere
  • Chi si opporrà alla riabilitazione di Teilhard de Chardin?
     (di Emmanuele Barbieri) L’iniziativa è ufficiale. Il 18 novembre l’Assemblea plenaria del Pontificio Consiglio della cultura ha approvato la richiesta a Papa Francesco di rimuovere il Monitum della Sacra Congregazione del Sant’Uffizio sulle opere di padre Pierre Teilhard de Chardin, … Continua a leggere
  • Studi statistici confermano il futuro islamico dell’Europa
    (di Lupo Glori) Il futuro dell’Europa sarà sempre più islamico. A dirlo non sono intolleranti leader politici tacciati di xenofobia o agguerriti gruppi di islamofobi, ma gli incontrovertibili dati statistici appena pubblicati in un dettagliato studio demografico del Pew Research … Continua a leggere
  • Vivere l’Avvento
    (di Cristina Siccardi) Ogni anno diventa sempre più frequente, nel mondo occidentale, un uso avviato nel XX secolo in Germania: il cosiddetto “Calendario dell’Avvento”. Il primo venne ideato dal tedesco Gerhard Lang, editore luterano originario di Maulbronn (Germania), nel 1908. … Continua a leggere
  • I cardinali Burke, Brandmüller e Müller e il “Papa dittatore”
    (di Roberto de Mattei) Nelle ultime settimane, sono apparse tre interviste di altrettanti eminenti cardinali. La prima è stata rilasciata il 28 ottobre 2017 dal cardinale Walter Brandmüller a Christian Geyer e Hannes Hintermeier del Frankfurter Allgmeine Zeitung; la seconda … Continua a leggere
  • Il catechismo non muta neanche se gay è lo scout Agesci
    (di Mauro Faverzani) Agesci è la sigla delle guide e degli scouts cattolici italiani. Ed i cattolici, si sa, considerano le relazioni omosessuali «come gravi depravazioni», «atti intrinsecamente disordinati», «contrari alla legge naturale», tali quindi da non poter essere «in … Continua a leggere
  • Amichevole critica alle tesi di Rocco Buttiglione
    (di Roberto de Mattei) Conosco Rocco Buttiglione da più di quarant’anni. Siamo stati entrambi assistenti del prof. Augusto Del Noce (1910-1989) pressola Facoltà di Scienze Politiche dell’Università La Sapienza di Roma, ma fin da allora le nostre posizioni divergevano, soprattutto … Continua a leggere
  • Su Rivista del Clero il Vescovo “stile don Milani”
    (di Mauro Faverzani) A mons. Erio Castellucci, arcivescovo di Modena-Nonantola, don Lorenzo Milani piace. E tanto. Al punto da dedicarvi un lungo saggio, apparso sul numero di settembre della Rivista del Clero Italiano, per spiegare il ministero episcopale alla luce … Continua a leggere
  • I francobolli vaticani di ieri e di oggi
    (di Cristina Siccardi) Sul portale della Cattedrale di Ognissanti di Wittenberg, Lutero affisse le sue 95 tesi contro la Chiesa di Roma, era il 31 ottobre del 1517: vigilia del giorno di tutti i Santi, quei Santi che egli rinnegò … Continua a leggere