Francia. Hollande vuole il 9 dicembre come “Festa nazionale della laicità”

Hollande laicitàNon è solo il giorno successivo all’Immacolata Concezione. È la data in cui fu firmata nel 1905 la separazione fra chiesa e stato.
Già approvato dal Senato, il disegno di legge è ora pronto per il Parlamento, il cui autore è l’Osservatorio nazionale della laicità. Il portavoce è invece il deputato Jean-Christophe Lagarde, che ha un’idea precisa sulla nuova laicità in stile francese: “
La laicità non si basa sulla tolleranza delle differenze, ma sull’uguaglianza dei cittadini”. Non si basa sulla tolleranza. Sono parole che fanno paura.
Blondel, fra gli ispiratori della proposta, ha chiarito che non si tratta di libertà religiosa, ma di libertà di coscienza, di “
una libertà obbligatoria, inculcata”.
Il cardinale di Parigi, Vingt-Trois, ha condannato l’iniziativa: “
La laicità non è una religione che deve organizzare festività religiose, è un modo di governo, un’organizzazione della vita collettiva e da vivere in maniera positiva, non vedo perché si dovrebbero fare processioni il 9 dicembre in Francia”.
I promotori hanno molta fretta di approvare la Giornata. Jean-Louis Bianco e Nicolas Cadène hanno dichiarato che si deve partire già dal prossimo mese, così da usarla per “leggere e spiegare” la Carta della laicità introdotta nelle scuole dal ministro dell’Istruzione, Vincent Peillon.
Il tutto risponde ad una pressante esigenza del governo francese. Quella di rimuovere le feste cristiane dal calendario, per sostituirle con celebrazioni di vario genere.

***
26 novembre 2013
Il lunedì santo della laïcité
Hollande sogna la “Festa nazionale della laicità”. Il cardinale di Parigi risponde così: “Non vedo perché si dovrebbero fare processioni il 9 dicembre in Francia”. I fasti robespierriani e le offensive ideologiche 

C’è già il testo legislativo pronto per il Parlamento. “Considerando che la laicità è il principio fondamentale, ciò che ci permette di vivere insieme nel rispetto delle convinzioni e delle opinioni di ciascuno, si chiede che la Repubblica francese, come garante della coesione repubblicana, fissi per il 9 dicembre una Giornata nazionale della laicità”. Se ne farà portavoce il deputato Jean-Christophe Lagarde, il quale ha già spiegato che tipo di laicità abbia in mente. Non all’americana, ma alla francese, aggressiva: “La laicità non si basa sulla tolleranza delle differenze, ma l’uguaglianza dei cittadini”, ha detto Lagarde, evocando il detto di Jean Jaurès secondo cui “democrazia e laicità sono due termini identici”.

Il 19 novembre l’Osservatorio nazionale della laicità, la commissione governativa voluta dal presidente François Hollande, ha spedito sul tavolo dei ministri competenti un progetto di legge robespierriano che fissa al 9 dicembre la Giornata della laicità (il 9 dicembre 1905 fu siglata la legge sulla separazione tra chiesa e stato). Jean-Louis Bianco, presidente dell’Observatoire, e il segretario Nicolas Cadène, hanno scritto che si deve partire già dal prossimo mese a celebrarla, in particolare quest’anno verrà usata per “leggere e spiegare” la Carta della laicità introdotta nelle scuole dal ministro dell’Istruzione, Vincent Peillon.

Bianco non è timido nel nominare le cose col loro nome: “Il laicismo è un valore di emancipazione”, scrive il presidente nel chiedere di accelerare l’approvazione della giornata laica, ferma al Senato, dove è stata già approvata. Una giornata della laicità è già celebrata spontaneamente in tutta la Francia, ma adesso se ne vuole fare una sorta di festa nazionale. Dietro l’iniziativa del 9 dicembre ci sono associazioni raggruppate sotto il nome di “Collectif laïque”, come la Fédération Droit Humain, la Ligue de l’enseignement, la Ligue des droits de l’Homme, la Libre Pensée e la Mémoire de la Commune de Paris, dunque un misto di umanitarismo militante e di simboli della cultura di sinistra. Fra i nomi di spicco quello di Marc Blondel, presidente della Federazione nazionale del libero pensiero.
Si tratta d’istituire una giornata repubblicana del “vivere insieme per condividerla con quelli che non hanno la stessa cultura e la stessa religione”. Blondel, fra gli ispiratori della giornata del 9 dicembre, ha chiarito che laicità non vuole essere libertà religiosa, ma libertà di coscienza, una libertà obbligatoria, inculcata. Il cardinale di Parigi, Vingt-Trois, ha condannato l’iniziativa: “La laicità non è una religione che deve organizzare festività religiose, è un modo di governo, un’organizzazione della vita collettiva e da vivere in maniera positiva, non vedo perché si dovrebbero fare processioni il 9 dicembre in Francia”.
Il calendario è al centro di una offensiva ideologica. “Il calendario francese delle festività è ‘troppo cristiano’”, aveva denunciato Dounia Bouzar, uno dei membri dell’Osservatorio nazionale per la laicità, che ha proposto che nel calendario fossero tolte due ricorrenze, per esempio Ognissanti e la Pentecoste, per sostituirle con la festa ebraica dello Yom Kippur e l’Eid, durante la quale i musulmani celebrano tradizionalmente la fine del Ramadan. A riprova del carattere intimidatorio della nuova laicità francese c’è chi cita una frase pronunciata proprio dal relatore di quella legge del 1905, il socialista Aristide Briand: “Ritengo che il germe di tutte le divisioni tra francesi sia nelle questioni di coscienza”.

di Giulio Meotti

Fonte: Il Foglio

Donazione Corrispondenza romana