E’ nato un nuovo sito, dedicato al Concilio vaticano II

(su Riscossa Cristiana)Da sabato 8 settembre 2012, festa della Natività della B. V. Maria, è on line un nuovo sito tematico dedicato al Concilio Ecumenico Vaticano II, www.conciliovaticanosecondo.it .

Perché questo nuovo sito? Leggiamo le stesse parole dei redattori:

“Chi siamo”

Il sito www.conciliovaticanosecondo.it vede la luce in occasione del cinquantenario dell’apertura del Concilio Ecumenico Vaticano II (11 ottobre 1962 – 8 dicembre 1965) e si propone l’approfondimento di quell’evento storico, attraverso

a) lo studio delle fasi e dei protagonisti;

b) l’esame dei diversi testi, secondo la loro portata e le loro caratteristiche ;

c) l’analisi delle conseguenze nel campo religioso, morale, del linguaggio e dei comportamenti.

I promotori di questo sito si professano cattolici, apostolici romani e rispettano l’autorità del Papa e dei Pastori, il Magistero perenne e immutabile della Chiesa e le norme del Diritto canonico, che stabiliscono i diritti e i doveri dei battezzati. L’intenzione è quella di offrire un contributo alla discussione storica e teologica sul Vaticano II oggi in corso in tutto il mondo, in spirito di amore alla Chiesa e alla Verità”.

Un sito nuovo, ma che subito si presenta con firme di grande valore, che garantiscono la serietà di un lavoro che sarà di grande utilità per quanti amano la Chiesa e desiderano cercare con coraggio una risposta ai dolorosi problemi che la travagliano.

Leggiamo i nomi di Roberto de Mattei, Cristina Siccardi, Mauro Faverzani, Alessandro Gnocchi, Mario Palmaro, e altri ancora. Ma la cosa migliore che potete fare è andar subito a visitare questo sito: è nuovo, quindi non troverete ancora un lungo sommario; ma se il buongiorno si vede dal mattino, possiamo essere sicuri di sviluppi ricchi e interessanti.

Agli amici di www.conciliovaticanosecondo.it vadano quindi i nostri auguri sinceri di buon lavoro, e la nostra gratitudine per essersi sobbarcati una nuova fatica per il bene della Santa Chiesa.

Donazione Corrispondenza romana