Crollo dei cattolici in Brasile: 9 milioni in meno in 2 anni

Print Friendly, PDF & Email

RioOltre alla Germania, anche il Brasile. La Chiesa Cattolica, che in questo Paese sudamericano conta il maggior numero di battezzati al mondo, ha perso ben 9 milioni di fedeli dal 2014 ad oggi: a rivelarlo, è stata lo speciale studio diffuso in queste ore dall’Istituto Datafolha.

Secondo tale indagine, la percentuale degli adulti disposti a definirsi cattolici è scesa dal 64,6% del 2012 al 60% del 2014 sino all’attuale 50%, senza peraltro che ciò abbia comportato un equivalente incremento di seguaci presso le altre confessioni, com’era viceversa accaduto fino a questo momento. Come riferito dall’agenzia InfoCatólica, ad aumentare significativamente è invece stato il numero di coloro che hanno dichiarato di non professare alcuna religione, passati addirittura dal 6 al 14% nello stesso periodo.

Secondo Datafolha il sondaggio, il cui margine d’errore è pari al 2%, ha riguardato 2.828 intervistati, di età superiore ai 16 anni, residenti in 174 Comuni di tutte le regioni.


Sostieni Corrispondenza romana

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Informazioni Carta di Credito
Questo è un pagamento sicuro SSL crittografato.

Totale Donazione: €100.00

Donazione Corrispondenza romana