Archivio: 1217

MORTE CEREBRALE: sepolti o espiantati vivi

Foto CR (di Alfredo De Matteo) Stravagante delibera della giunta regionale veneta con cui viene reso obbligatorio l’uso di «apparecchiature di rilevazione e segnalazione a distanza per la sorveglianza del cadavere, anche ai fini del rilevamento di eventuali manifestazioni di vita», nelle «case funerarie» delle pompe funebri e nelle «sale del commiato» (gestite da privati ma anche da pubblici, come i Comuni). L’assessore alla sanità, Luca Coletto, spiega le ragioni del provvedimento: «la paura di essere sepolti vivi è un problema sociale e noi lo risolviamo, anche perché la legge nazionale prevede 24 ore di vigilanza dal momento …

La promiscuità sessuale mette a serio rischio la fertilità e la salute

(di A. D. M.) Il mito della libertà sessuale sganciata da ogni regola presenta regolarmente il conto ed è sempre molto salato: il sesso promiscuo danneggia la fertilità femminile e, più in generale, la salute delle persone. È quanto emerge da uno studio coordinato …

CINA: madri surrogate per avere figli maschi

(di Emanuele Gagliardi) Angoscianti scenari della peggiore fantascienza eugenetica rivelati dallo “Shanghai Daily” (24 ottobre 2011): sta prendendo sempre più piede in Cina il ricorso a madri surrogate per avere figli maschi. Aziende specializzate nel settore offro…

ONU: nuove prospettive sulla natalità?

(di Christophe Buffin de Chosal)Secondo i ricercatori dell’ONU, l’Occidente non dovrebbe più temere un inverno demografico come quello previsto da molti decenni. Sembrava che entro il 2100 la sostituzione delle generazioni sarebbe stata assicurata in modo che la so…

UE: le vere inquietudini degli europei

(di C. B. C.)L’istituto spagnolo IPSOS ha pubblicato un sondaggio intitolato Visione globale sull’immigrazione, effettuato tra il 15 e il 28 giugno su di un campione rappresentativo di cittadini appartenenti a nove Paesi europei: Belgio, Gran Bretagna, Francia, …

RECENSIONI LIBRARIE: Il tentativo scientista di eliminare la Provvidenza nel mondo

(di Giuseppe Brienza) Il mistero del Male e i castighi di Dio (Fede & Cultura, Verona 2011, pp. 94, € 10,00), raccogliendo il testo di due trasmissioni tenute dal prof. Roberto de Mattei su “Radio Maria” il 16 marzo e il 20 aprile 2011, fa stato della “batta…

Notizie dalla Rete

I sofismi di Rocco Buttiglione

In una recente intervista a Vatican Insider, Rocco Buttiglione critica i firmatari della Correctio filialis e intende mostrare che Amoris Laetitia è un

Non avranno il voto degli italiani, ma il loro disprezzo

Paralizzato da anni per un incidente e cieco, Loris Bertocco , dopo aver affrontato molte difficoltà, a 59 anni è arrivato a prendere la decisione più tragica: anda

Perché ho firmato la Correzione filiale a Papa Francesco. Parla Cristina Siccardi

Correzione Filiare: quasi quadruplicate le adesioni. Migliaia di firme popolari. Parolin : dial...

Sono missili amari: una crisi che può sfuggire di mano

Il Vaticano blocca il sito che accusa il Papa di “sette eresie”

Un’iniziativa che ha smosso le acque. Speriamo non solo quelle torbide.

Un messaggio politico che vorrebbe diventare religioso (Risposta a Galli della Loggia )

Tutte le ragioni del professor Seifert, licenziato per troppa fedeltà alla Chiesa

Austria: condanna di 4 mesi per aver affermato la dottrina cattolica sull’omosessualità

L’Unione Europea stanzia 32 milioni per l’agenda gender nei paesi in via di sviluppo mentre...

Papa Francesco, Ratzinger e il problema della liturgia della messa

Il ministro Orlando vara il tavolo di lavoro “politicamente corretto”

Google licenzia l’ingegnere che voleva mettere in discussione il “gender diktat”

Burke: attenti a non cadere nell’idolatria del papato. Non ogni parola del Papa è magist...

La propaganda LGBT e i clic impossibili della KLM

Ancora su mons. Lefebvre, il Concilio e mons. Schneider

Humanae Vitae, smentita della smentita? Un gruppo di lavoro esiste. *****Biella, Bonino in chie...

Matrimonio gay: il parlamento di Malta dice “sì” all’unanimità

Gender diktat: il neosindaco di Verona Sboarina sotto attacco