ANTICRISTIANESIMO: a Fiume condannato un parroco per “omofobia”

Don Franjo Jurcevic, parroco di Castua, comune del Fiumano, è stato condannato dalla corte del tribunale cittadino di Fiume a tre mesi di carcere con la condizionale di un anno per avere commesso il reato di omofobia e discriminazione su base sessuale.


Il sacerdote è stato ritenuto colpevole per quanto dichiarato sul suo blog in merito al Gay pride di Belgrado dello scorso autunno. «Molti belgradesi hanno esternato ciò che pensano di questi psicopatici e il mio unico cruccio – ha affermato il sacerdote – è che siano rimasti feriti numerosi poliziotti. Le forze dell’ordine avrebbero dovuto mettersi in disparte, permettendo alle persone normali di discutere un pochino con questi malati». Don Jurcevic è stato subito denunciato da alcune associazioni lesbiche.

Nella motivazione della sentenza è stato rilevato che il parroco Jurcevic ha sostenuto gli atti di violenza perpetrati sulle strade di Belgrado, istigando all’odio e rinnegando i diritti delle minoranze sessuali. Il verdetto del giudice Vuckovic è stato commentato con soddisfazione dal gruppo lesbico Kontra e dal Centro per i diritti delle minoranze sessuali Iskorak.

Donazione Corrispondenza romana