Sul divorzio breve inizia la valanga laicista e libertaria

Divorzio-breve-se-non-ora-quando(di Danilo Quinto) Su 411 votanti, 30 hanno detto no, 14 si sono astenuti, lo scorso 29 maggio, alla Camera dei Deputati, sulla legge sul cosiddetto divorzio breve. Una valanga laicista e libertaria – conforme al voto espresso nelle recenti elezioni europee – che riduce da 3 anni a 12 mesi la durata del periodo di separazione ininterrotta dei coniugi che legittima la domanda di divorzio, nel caso di separazione giudiziale. Il periodo di separazione sufficiente è ulteriormente ridotto a 6 mesi, nel caso di separazione consensuale. Ora la legge passerà rapidamente al vaglio del Senato.

Questo risultato è il prodotto delle blande posizioni espresse dai deputati che si definiscono cattolici. Non di queste settimane o mesi, ma di questi decenni. Sono riusciti a subire i nefasti effetti di una cultura dominante e da pensiero unico, che ha le sue radici profonde in quel ’68 che ha elevato i diritti a totem e la libertà a desiderio, massacrando la morale naturale. Hanno rinunciato ad opporre alla cultura del mondo, la loro fede e quindi la loro testimonianza di persone, impegnate in politica non per registrare fenomeni sociali o per assecondare le dinamiche umane, ma per difendere il bene comune, che non è una categoria astratta, ma molto concreta, che fa parte, o che dovrebbe far parte, del vissuto di una collettività.

A qualunque schieramento o partito appartenessero, da legislatori non sono stati in grado né di fare approvare una sola legge che tutelasse e promuovesse l’istituto matrimoniale tra un uomo e una donna, riconoscendone il suo ruolo fondamentale – concorrendo anche loro, di fatto, alla piaga della crisi della natalità, che rende questo paese sempre più povero e triste – né di arginare il suo dissolvimento a favore di matrimoni tra persone dello stesso sesso, al quale dovrebbero essere affidati figli, prodotti in laboratorio, da allevare e istruire. Si sono appellati alla disciplina di partito, nel caso dell’approvazione della legge sul divorzio breve, così come faranno per la legge sull’omofobia e sulla transfobia – la prossima, in dirittura d’arrivo – sancendo la loro connivenza con le lobby omosessualiste. Non ha forse ragione Marco Pannella quando sostiene che «i cattolici veri sono con noi»?

In nome di una maggioranza, che vuole affermare i suoi desideri e i suoi interessi, costi quel che costi, si abdica all’affermazione dei principi. Perché il sentiero aperto dalla legge sul divorzio breve è proprio questo. Non si tratta, come ha dichiarato il segretario della Conferenza Episcopale Italiano, Mons. Nunzio Galantino, di «un’accelerazione che può consentire una deriva culturale» né di proclamare che «il matrimonio e la famiglia restano il fondamento della nostra società». Parole al vento.

Il tempo della deriva culturale è già ampiamente superato e forse Galantino ha vissuto in questi anni in un altro paese. Si tratta di riconoscere che matrimonio e famiglia sono dissolti, perché si concorre a dissolvere i principi che li sorreggevano, se anche nella Chiesa c’è chi diffonde – a livello planetario, come fa il Cardinale Kasper – la necessità di aprirsi al mondo per consentire la Comunione ai divorziati risposati.

Non è questo un segno? Perché, d’altra parte, legislatori laici dovrebbero difendere principi che guide spirituali e pastori ritengono ormai superati dalla modernità, che vuole distruggere la famiglia e aprire alle coppie di fatto? La modernità di oggi è quella di Nichi Vendola e del suo compagno, che danno i loro volti alla pubblicità del Gay Pride che si terrà a Roma il 7 giugno, patrocinato dalla Regione Lazio e da Roma Capitale. Che difesa, allora, conviene fare dei principi del diritto naturale, che non portano né voti, né consenso, né lusinghe da parte del mondo? (Danilo Quinto)

Donazione Corrispondenza romana
  • L’Italia cambia, ma Mattarella non se ne accorge
    (di Roberto de Mattei) Domenica 27 maggio il prof. Giuseppe Conte, incaricato dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella di formare un governo, si è presentato al Palazzo del Quirinale per presentare la lista dei suoi ministri, frutto di un intenso … Continua a leggere
  • Elezioni 2018: vincitori e vinti
    (di Lupo Glori) Boom della “Lega” e del “Movimento 5 Stelle” (M5s), contenuta crescita di “Fratelli di Italia”, forte calo di “Forza Italia” e storico tracollo del “Partito Democratico”. Il ciclone “Burian”, dopo essersi abbattuto sulle strade del nostro paese … Continua a leggere
  • Condannato Danilo Quinto, promossa Emma Bonino?
    (di Emmanuele Barbieri) Il 22 febbraio, se non ci saranno ulteriori rinvii, Danilo Quinto, sarà processato per diffamazione a mezzo stampa. Quinto, ex tesoriere del Partito Radicale, è autore di un libro dal titolo Da servo di Pannella a figlio … Continua a leggere
  • Il ritorno in patria dei Re d’Italia
    «Riportiamo in patria i Re d’Italia» titolava Corrispondenza Romana il 22 luglio 2015 (https://www.corrispondenzaromana.it/riportiamo-in-patria-gli-ultimi-re-ditalia/). Infatti, dopo l’attentato al Consolato italiano in Egitto, Maria Gabriella di Savoia, da sempre fedele custode della memoria del suo Casato (nel 1986 creò la Fondazione … Continua a leggere
  • Ius soli o Ius sanguinis?
    (di Lupo Glori) Ius soli o Ius sanguinis? Questa l’accesa, e a tratti violenta, diatriba politica che negli ultimi giorni ha infiammato il dibattito pubblico, dopo l’approdo al Senato del disegno di legge, approvato alla Camera alla fine del 2015 … Continua a leggere
  • Appello di Famiglia Domani contro il Ministro Fedeli
    (di Lupo Glori) A soli cinque giorni di distanza dalle dimissioni di Matteo Renzi, il 12 dicembre 2016 è nato il nuovo governo a guida dell’ex ministro degli Esteri Paolo Gentiloni, con il quale il premier battuto e ferito consuma … Continua a leggere
  • La disfatta di un premier sedicente cattolico
    (di Mauro Faverzani) Le parole hanno un senso. E quelle del commiato di Renzi ne hanno uno chiarissimo: «Lasciamo la guida del Paese con un’Italia che ha finalmente una legge sulle unioni civili», ha detto. Spiegando anche come tale normativa, … Continua a leggere
  • Il futuro è svedese?
    (di Tommaso Scandroglio) Il futuro è svedese, freddo e senza luce come quel Paese. Nell’inverno del ’72 il partito Socialdemocratico produsse un documento chiamato La famiglia del futuro. In esso si elaborò la Teoria svedese dell’amore la quale prevedeva che … Continua a leggere
  • Da Renzi alla Brexit: tra falso ordine e caos
    (di Emmanuele Barbieri) Nessuno dei sindaci eletti il 19 giugno nelle principali città italiane disapplicherà la famigerata legge Cirinnà che assicura veste legale allo pseudo-matrimonio omosessuale. Per i neo-sindaci, che condividano o no il provvedimento renziano, non esiste una legge … Continua a leggere
  • Un nuovo modello familiare la “maternità surrogata“ di Niki Vendola
    (di Tommaso Scandroglio) Il quotidiano Repubblica, lo scorso 15 giugno, ha dedicato una lenzuolata alla vicenda di Nichi Vendola che, volato insieme al compagno Ed Testa a Sacramento in California, ha ritirato presso una clinica per la fertilità Tobia, un … Continua a leggere