SPAGNA: Zapatero accelera i tempi per il varo di nuove leggi anticristiane

Il governo socialista di Zapatero è intenzionato a porre il sigillo conclusivo all’opera di demolizione del bene comune portata avanti con straordinaria determinazione da quando è al potere nella penisola iberica: oltre ad aver trasformato il delitto in un diritto con il varo di una nuova legge sull’aborto estremamente permissiva, e ad aver spianato la strada ai matrimoni tra omosessuali e lesbiche e alle adozioni di bambini da parte delle coppie gay, sostituendo alle definizioni classiche di “marito”e “moglie”, e di “madre”e “padre” quelle di “coniugi” e “progenitori”, il premier socialista mira ad accelerare i tempi (visto che il suo mandato sta per scadere) per l’approvazione del progetto di “Legge per l’Uguaglianza e la Non Discriminazione”.

La nuova legge ha come obiettivo di «prevenire e sradicare qualsiasi motivo di discriminazione e proteggere le vittime, cercando di coniugare la prevenzione con la repressione, ed estendere la tutela contro la discriminazione per ogni motivo e in tutti gli ambiti». Le pene previste nei confronti di chi infrange la norma sono molto severe e prevedono addirittura l’abolizione del principio legale della presunzione d’innocenza; in altri termini, sarà l’accusato che avrà l’onere di provare la propria innocenza e non il contrario. Viene istituito un nuovo organismo, chiamato “Autorità per l’uguaglianza del trattamento e la non discriminazione”, che ha come compito quello di sostenere i discriminati, ricercare l’esistenza di eventuali situazioni di discriminazione, esercitare delle azioni giudiziarie, sollecitare l’intervento delle Pubbliche Amministrazioni e vigilare sull’attuazione della norma. Inoltre, anche i cittadini dovranno «prestare la necessaria collaborazione con le autorità, portando ogni tipo di informazione e di dati, perfino dati di persone senza il loro consenso» (“La Bussola Quotidiana”, 15 giugno 2011).

Nell’accezione corrente la parola discriminazione ha assunto un significato negativo ma in realtà essa è l’asse portante del convivere, la forma necessaria e ineludibile del mantenimento dell’ordine sociale. Sulla base del principio della giusta discriminazione la persona che delinque, ad esempio, viene legittimamente punita e privata della libertà; l’insano di mente escluso da determinate occupazioni perché inadatto a svolgerle, così come la persona avente un determinato handicap fisico.

In altri termini, discriminare vuol dire distinguere, separare in modo tale da formare una società ordinata e ben funzionante. Il vero spartiacque che determina, a livello sociale, una giusta o ingiusta discriminazione è il diritto naturale; infatti, una società che non ha il diritto naturale come riferimento etico e morale rischia di scivolare in una strisciante forma di dittatura in cui l’apparato normativo e culturale non riflette i valori immutabili di origine divina, ma la volontà di determinati gruppi o lobby di potere di orientare le masse nel senso da esse desiderato.

Cosicché, nel caso della legalizzazione dell’aborto volontario, al posto della (giusta) discriminazione nei confronti della donna che intendeva disfarsi del bambino, ne è subentrata un’altra ben più grave della precedente, ossia quella (ingiusta) verso l’innocente. Dunque, il vero obiettivo del governo socialista di Zapatero non è tutelare le minoranze considerate più deboli ma usarle come grimaldelli, facendo leva sul falso principio della non discriminazione, utili a scardinare l’ordine naturale e favorire la dittatura delle ideologie antiumane (omosessualismo, femminismo, ateismo ecc.), giungendo infine a discriminare e perseguitare chi ad esse si oppone. D’altronde, il mito della non discriminazione nasce dalle rovine di una società relativista e nichilista che non discerne più il bene dal male, il giusto dall’ingiusto, il vero dal falso ma pone il suo fondamento nelle sabbie mobili del consenso e del politicamente corretto, orchestrato e diretto dalle forze anticristiane. (Alfredo De Matteo)

Donazione Corrispondenza romana