POLITICA INTERNAZIONALE: Teheran prima forza nucleare regionale

«L’obiettivo principale dell’Iran è diventare, attraverso lo sviluppo dell’energia nucleare, la principale potenza regionale, in grado di difendere i diritti usurpati del popolo palestinese e di intervenire, con maggiore forza, nelle questioni politiche inerenti l’Iraq e l’Afganistan», ha dichiarato il vice ministro iraniano dell’Informazione, Majid Alavi, durante un discorso pronunciato al palazzo della regione di Teheran, il 18 novembre 2009.


Secondo quanto riferisce “Radiozamaneh”, Alavi ha detto che «tutti i costi che il Paese sta sostenendo per arricchire l’uranio e di conseguenza per poter raggiungere l’energia nucleare saranno ricompensati quando, nei prossimi anni, l’Iran diventerà la prima potenza dell’area mediorientale», quindi ha posto l’accento sulla crisi politica del Medio Oriente, spiegando quanto «la questione nucleare iraniana sia direttamente connessa alla causa palestinese, perché un Iran forte sarà anche in grado di tutelare di più i fratelli palestinesi».

«È proprio la potenziale forza della Repubblica Islamica che ha indotto potenze straniere come la Gran Bretagna a intromettersi nelle nostre questioni interne, cercando di fomentare le proteste antigovernative degli scorsi mesi», ha aggiunto il vice ministro, precisando che le proteste interne sono comunque poco importanti, dal momento che «a scendere in piazza non sono più di quattro o cinquemila persone deviate dalla propaganda straniera».

Donazione Corrispondenza romana