Per il Guttmacher Institute la 194 è una delle “migliori” leggi al mondo

 (di Alfredo De Matteo) L’Istituto Guttmacher è una delle principali organizzazioni di ricerca e politica impegnata a promuovere la salute, i diritti sessuali e riproduttivi negli Stati Uniti e in tutto il mondo. Il gruppo, fondato nel 1968, è di fatto una branca di Planned Parenthood, anche se già da diversi anni opera in modo indipendente.

Le aree di particolare interesse dell’organizzazione comprendono la contraccezione, la gravidanza involontaria, l’aborto, la salute sessuale e riproduttiva degli adolescenti; forte di un fatturato che nel 2014 è stato di 16 milioni di dollari USA essa rappresenta una delle realtà più importanti e riconosciute tese a diffondere la pratica abortiva nel mondo.

A tal proposito, gli esperti del Guttmacher Institute americano hanno di recente pubblicato un rapporto sull’accesso all’interruzione di gravidanza nel mondo in cui si legge che il nostro è il paese che ha le leggi meno restrittive sull’aborto.

In particolare, la 194 rimane, secondo i soloni d’oltreoceano, tra le leggi più valide al mondo, anche se sotto alcuni aspetti, come l’eccessiva presenza di medici obiettori di coscienza, essa andrebbe migliorata (ovviamente nel senso di un giro di vite contro gli obiettori …).

Ora, è evidente come l’organizzazione nata e cresciuta all’ombra di Planned Parenthood sia ideologicamente schierata a favore della diffusione planetaria dell’aborto, ma è proprio per tale motivo che essa è in grado di individuare e riconoscere quei sistemi legislativi che più degli altri concorrono alla realizzazione dei suoi stessi obiettivi.

Con i suoi 6 milioni di morti ufficiali in quarant’anni di attività la 194 è in effetti una delle leggi che più hanno contribuito, in termini di sangue versato, alla guerra contro l’innocente dichiarata dalle potenti lobby anticristiane sparse in tutto il mondo. Gli unici a non essersene accorti sono proprio gli intellettuali e i politici pro-life di casa nostra, molti dei quali tuttora faticano a giudicare l’iniqua 194 per quello che essa è: una legge intrinsecamente malvagia che non contiene alcuna parte buona e che ha trasformato il delitto di aborto in un insindacabile diritto umano.

L’istituto Guttmacher ha dunque reso omaggio alla ricorrenza del quarantennale dell’assassina legge italiana sull’aborto. Il prossimo 19 maggio spetterà al popolo della Marcia per la Vita il compito di rendere il suo personale ed inequivocabile tributo alla legge 194 … (Alfredo De Matteo)

Donazione Corrispondenza romana