Meglio l’ingovernabilità di un cattivo governo

Elezioni-2013-Un-Governo-Pd-Sel-Movimento-Cinque-Stelle(di Mauro Faverzani) Meglio l’ingovernabilità di un cattivo governo: questa, in estrema sintesi, la prima lettura che si può dare del voto espresso dagli Italiani, chiamati ad eleggere il nuovo Parlamento. Perché un dato è emerso con chiarezza e con estrema evidenza: la Nazione non ne vuol sapere di mandare al potere la Sinistra, né plurale, né variopinta. Nonostante gli ammiccamenti espliciti del Festival di Sanremo e dei mass-media –anche di parte di quelli cattolici-, nonostante sondaggi e previsioni accreditassero come scontata la vittoria, il gruppo Monti-Bersani non ha potuto far altro che smorzare i sorrisi e prender atto della sonora sconfitta di fatto: roba da far impallidire Pirro.

Un primato dello “zero virgola” non è un primato, specie perché tutti gli altri cantano un’altra canzone, dunque l’ipotesi del coro appare impraticabile. Senza tener conto di quanti –tanti, sempre di più…- hanno disertato le urne o votato scheda bianca. Meglio così che ritrovarci il cappio al collo di una legge sull’omofobia entro sei mesi, seguita a ruota da quella sulle “unioni civili” -leggasi “nozze gay”- e da quella sul divorzio breve, come promesso poco prima del voto da un Bersani all’epoca forse ancora gongolante all’idea dell’imminente trionfo. Il che significa due cose, innanzi tutto: che i principi non negoziabili sono stati i “grandi assenti” di queste elezioni, fin dai tempi in cui Casini li estromise espressamente dal palcoscenico della politica; che a questi principi viceversa gli Italiani non intendono rinunciare.

La nostra sarà anche una società corrotta dal germe del relativismo, ma non ancora ai livelli di Zapatero in Spagna o di Hollande in Francia. Ciò di cui il nuovo Parlamento dovrebbe tener debito conto. Ma c’è anche un’altra indicazione, che giunge dalle urne: il popolo ha bocciato l’elefantiaco tecnocraticismo dei burocrati di Bruxelles. Nonostante gli auspici espressi a chiare lettere dalla Merkel (ed, anche qui, da qualche testata cattolica e da qualche nome della gerarchia), il fedelissimo Monti, benché oggi ostenti la politica del sorriso forzato, è uscito più che ridimensionato dal voto, che ha sancito il tramonto dell’europeismo spinto, almeno di quello fondato sulle sole alchimie ragionieristiche della finanza e dell’economia.

Un segnale forte, quello lanciato da un Paese ridotto sul lastrico dalla ricetta del “rigore” ad oltranza; un segnale, che anche in Europa dovrebbe esser colto in tutta la sua portata, perché dei giochetti di Segreterie e Cancellerie molti Stati membri dell’Unione sembra proprio non ne vogliano più sapere. L’Italia è solo l’ultima in ordine di tempo. Ed ora, da una chiamata alle urne che sarebbe forse potuta andare anche meglio, ma che senz’altro e più plausibilmente sarebbe potuta finire peggio, si tratta di ricostruire il tessuto politico ed istituzionale di un Paese, che pare alla fin fine chiedere buon senso, l’altro nome –in fondo- dei  principi non negoziabili, da recuperare. (Mauro Faverzani)

Donazione Corrispondenza romana
  • Ius soli o Ius sanguinis?
    (di Lupo Glori) Ius soli o Ius sanguinis? Questa l’accesa, e a tratti violenta, diatriba politica che negli ultimi giorni ha infiammato il dibattito pubblico, dopo l’approdo al Senato del disegno di legge, approvato alla Camera alla fine del 2015 … Continua a leggere
  • Appello di Famiglia Domani contro il Ministro Fedeli
    (di Lupo Glori) A soli cinque giorni di distanza dalle dimissioni di Matteo Renzi, il 12 dicembre 2016 è nato il nuovo governo a guida dell’ex ministro degli Esteri Paolo Gentiloni, con il quale il premier battuto e ferito consuma … Continua a leggere
  • La disfatta di un premier sedicente cattolico
    (di Mauro Faverzani) Le parole hanno un senso. E quelle del commiato di Renzi ne hanno uno chiarissimo: «Lasciamo la guida del Paese con un’Italia che ha finalmente una legge sulle unioni civili», ha detto. Spiegando anche come tale normativa, … Continua a leggere
  • Da Renzi alla Brexit: tra falso ordine e caos
    (di Emmanuele Barbieri) Nessuno dei sindaci eletti il 19 giugno nelle principali città italiane disapplicherà la famigerata legge Cirinnà che assicura veste legale allo pseudo-matrimonio omosessuale. Per i neo-sindaci, che condividano o no il provvedimento renziano, non esiste una legge … Continua a leggere
  • Le grandi manovre per “repubblicanizzare” l’Italia
    (di Cristina Siccardi)  Il 1° giugno di 70 anni fa, vigilia del referendum istituzionale, Pio XII si rivolse al Sacro Collegio e, attraverso la radio, agli elettori italiani e francesi (anche in Francia, infatti, si votava, per le elezioni politiche), … Continua a leggere
  • In Austria trionfo della destra anti euro e anti immigrazione
    (di Lupo Glori) Trionfa la destra in Austria. Domenica 24 aprile, al primo turno delle elezioni presidenziali, il candidato del Partito della Libertà Austriaco (FPÖ), il 45enne Norbert Hofer, è andato infatti oltre le aspettative, con il 35,5% delle preferenze, … Continua a leggere
  • L’eutanasia in parlamento
    (di Tommaso Scandroglio) Tornano a soffiare venti di morte sul Parlamento. Infatti, incassate le Unioni civili, ora si dibatte di eutanasia nei palazzi del potere. Sono sette le proposte di legge sul tema – ed altre sono in fase di … Continua a leggere
  • Il tradimento storico dei “cattolici”
    (di Roberto de Mattei) L’approvazione dello pseudo-matrimonio omosessuale, avvenuta al Senato il 25 febbraio 2016, con 173 sì, 71 no e 76 assenze è l’ultima tappa di un processo di dissoluzione della società italiana che parte dall’introduzione del divorzio (1970), … Continua a leggere
  • Mezzogiorno tra retorica e immondizia
    (di Danilo Quinto) Roberto Saviano ha convocato per il 7 agosto la direzione del Partito Democratico, che avrà come tema il Mezzogiorno. Non sembri un paradosso. È bastato un editoriale dell’autore di Gomorra su Repubblica dell’altro giorno – «Caro premier … Continua a leggere
  • Riportiamo in patria i Re d’Italia
    (di Cristina Siccardi) Dopo il recente attentato al Consolato italiano in Egitto, un accorato e composto appello è giunto dalla Principessa Maria Gabriella di Savoia, che ha inviato una lettera a Paolo Granzotto  de il Giornale, lettera che il 16 … Continua a leggere