L’armata laica attacca il cuore della cristianità

(di Danilo Quinto) La chiamano “occasione per l’Italia”. Otto referendum da firmare entro il 30 settembre, promossi dal comitato «Roma si muove», formato da Radicali, Verdi e Futuro e Libertà. Le proposte “ambientali” (su traffico, mare libero, rifiuti, recupero e salvaguardia del suolo) e quelle che vogliono istituire un amministratore unico per le società di Roma capitale o che intendono garantire libertà di scelta per i servizi alla persona, fanno da traino alle due proposte principali: l’istituzione del registro per i testamenti biologici e il riconoscimento delle famiglie di fatto.

Da Milano, dove il Sindaco comunista Pisapia ha fatto approvare dal Consiglio Comunale il registro delle unioni civili ‒ e dove i radicali hanno raccolto le firme necessarie per proposte di legge per la prevenzione, il contrasto e l’assistenza alle vittime di discriminazione e per la promozione di pari opportunità per tutti; l’istituzione di sale salvavita e da iniezione, per un servizio di riduzione dei danni sanitari e sociali legati al consumo di droghe illegali; gli indirizzi per l’organizzazione degli orari degli esercizi definiti commerciali ove si eserciti attività di prostituzione; l’istituzione del registro delle dichiarazioni anticipate di volontà sui trattamenti sanitari – l’“occasione per l’Italia” si estende ora alla Capitale, per diffondersi, nelle intenzioni dei promotori, in tutto il paese.

L’esempio è l’Europa o, meglio, quell’idea di Europa laicista e scristianizzata che persegue idee e principi anti-umani e contrari al diritto naturale: famiglie cosiddette di fatto, formate da coppie omosessuali, equiparate a quelle formate da un maschio e una femmina o testamento biologico come usbergo all’eutanasia, l’omicidio decretato per legge. Dell’iniziativa intrapresa a Roma, è evidente il connotato politico. Si vuole delegittimare l’attuale Sindaco Gianni Alemanno, che nonostante i suoi errori – e chi non ne fa? – si è però dimostrato attento e sensibile alla difesa dei principi non negoziabili, come dimostra la sua partecipazione, nel maggio scorso, alla Marcia per la Vita, sostituendolo con qualche giovane rampante.

Ben più grande, evidentemente, è l’obiettivo generale che sottende la raccolta di firme. Il tentativo è quello di dimostrare che la città dove risiede il Papa è una città laicista, pronta a condividere e sostenere obiettivi che colpiscono direttamente il cuore della cristianità. Non a caso, Marco Pannella ripete ossessivamente un ritornello: «noi – lui e i radicali, n.d.r. – e i cattolici – intesi come fedeli, n.d.r. – avvertiamo le medesime urgenze. E’ un sensus fidelium che si rinnova negli anni. Così come è avvenuto sull’aborto e sul divorzio, oggi avviene sull’eutanasia. I due terzi degli italiani sono con noi. Nel nostro paese le grandi vittorie sui diritti civili sono state rese possibili dai cattolici che hanno agito in aperta disobbedienza rispetto alle loro guide».

A chi gli risponde, come su “Il Foglio” ha fatto nei giorni scorsi, il vescovo di San Marino Montefeltro, mons. Luigi Negri – «Non nego la presenza di cattolici tra le loro file ma bisogna capire se questi possono ancora considerarsi tali» – Pannella replica: «il Vescovo di San Marino deve chiedersi lui se è ancora cattolico». Al di là delle esagerazioni di Pannella, che in alcuni casi sono blasfeme, è proprio questo lo scontro in atto e molti cattolici non lo riconoscono e non l’affrontano.

Osannano il confronto e il dialogo tanto decantato dal cardinale Martini e dai suoi seguaci – come sempre accade, più pericolosi di lui ‒ e non si curano di difendere la loro appartenenza e la loro identità. Sono pronti a capire, a comprendere, a giustificare il “tempo in cui vivono”, all’essere mondani, in un mondo, in un’Europa che nega le sue radici. Restano tiepidi e sembrano non sapere – come scrive l’Apocalisse – che Dio i tiepidi li vomiterà. (Danilo Quinto)

Donazione Corrispondenza romana
  • L’Italia cambia, ma Mattarella non se ne accorge
    (di Roberto de Mattei) Domenica 27 maggio il prof. Giuseppe Conte, incaricato dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella di formare un governo, si è presentato al Palazzo del Quirinale per presentare la lista dei suoi ministri, frutto di un intenso … Continua a leggere
  • Elezioni 2018: vincitori e vinti
    (di Lupo Glori) Boom della “Lega” e del “Movimento 5 Stelle” (M5s), contenuta crescita di “Fratelli di Italia”, forte calo di “Forza Italia” e storico tracollo del “Partito Democratico”. Il ciclone “Burian”, dopo essersi abbattuto sulle strade del nostro paese … Continua a leggere
  • Condannato Danilo Quinto, promossa Emma Bonino?
    (di Emmanuele Barbieri) Il 22 febbraio, se non ci saranno ulteriori rinvii, Danilo Quinto, sarà processato per diffamazione a mezzo stampa. Quinto, ex tesoriere del Partito Radicale, è autore di un libro dal titolo Da servo di Pannella a figlio … Continua a leggere
  • Il ritorno in patria dei Re d’Italia
    «Riportiamo in patria i Re d’Italia» titolava Corrispondenza Romana il 22 luglio 2015 (https://www.corrispondenzaromana.it/riportiamo-in-patria-gli-ultimi-re-ditalia/). Infatti, dopo l’attentato al Consolato italiano in Egitto, Maria Gabriella di Savoia, da sempre fedele custode della memoria del suo Casato (nel 1986 creò la Fondazione … Continua a leggere
  • Ius soli o Ius sanguinis?
    (di Lupo Glori) Ius soli o Ius sanguinis? Questa l’accesa, e a tratti violenta, diatriba politica che negli ultimi giorni ha infiammato il dibattito pubblico, dopo l’approdo al Senato del disegno di legge, approvato alla Camera alla fine del 2015 … Continua a leggere
  • Appello di Famiglia Domani contro il Ministro Fedeli
    (di Lupo Glori) A soli cinque giorni di distanza dalle dimissioni di Matteo Renzi, il 12 dicembre 2016 è nato il nuovo governo a guida dell’ex ministro degli Esteri Paolo Gentiloni, con il quale il premier battuto e ferito consuma … Continua a leggere
  • La disfatta di un premier sedicente cattolico
    (di Mauro Faverzani) Le parole hanno un senso. E quelle del commiato di Renzi ne hanno uno chiarissimo: «Lasciamo la guida del Paese con un’Italia che ha finalmente una legge sulle unioni civili», ha detto. Spiegando anche come tale normativa, … Continua a leggere
  • Da Renzi alla Brexit: tra falso ordine e caos
    (di Emmanuele Barbieri) Nessuno dei sindaci eletti il 19 giugno nelle principali città italiane disapplicherà la famigerata legge Cirinnà che assicura veste legale allo pseudo-matrimonio omosessuale. Per i neo-sindaci, che condividano o no il provvedimento renziano, non esiste una legge … Continua a leggere
  • Le grandi manovre per “repubblicanizzare” l’Italia
    (di Cristina Siccardi)  Il 1° giugno di 70 anni fa, vigilia del referendum istituzionale, Pio XII si rivolse al Sacro Collegio e, attraverso la radio, agli elettori italiani e francesi (anche in Francia, infatti, si votava, per le elezioni politiche), … Continua a leggere
  • L’eutanasia in parlamento
    (di Tommaso Scandroglio) Tornano a soffiare venti di morte sul Parlamento. Infatti, incassate le Unioni civili, ora si dibatte di eutanasia nei palazzi del potere. Sono sette le proposte di legge sul tema – ed altre sono in fase di … Continua a leggere