La scomparsa del cardinale Domenico Bartolucci

card. Domenico Bartolucci(di Pucci Cipriani) È scomparso nella notte dell’undici novembre 2013 il cardinale Domenico Bartolucci “Maestro perpetuo” della Cappella Sistina, illustre musicista. Era nato a Borgo San Lorenzo (FI) il 7 maggio 1917, giovanissimo partì per il seminario di Firenze dove fu subito “reclutato” come cantore e dove portò a termine “cum laude” i suoi studi. Alla morte del suo Maestro Bagnoli gli succedette come Direttore della Cappella del Duomo di Firenze.

Nel 1942 si trasferì a Roma dove fu nominato, nel 1947, Direttore della Cappella “Liberiana” e nella Basilica di San Giovanni Maggiore; nel 1956, alla morte di don Lorenzo Perosi, fu Pio XII a conferirgli l’incarico di Direttore Perpetuo della Cappella Sistina. Ha scritto quaranta volumi di composizioni musicali: Mottetti, Inni, Laudi, Madrigali, Messe, Opere, Oratori.

Per quaranta anni mons. Bartolucci, contrario alla deprecata riforma liturgica e al ventilato abbandono della musica sacra, ebbe come punti di riferimento il gregoriano e la polifonia sacra di PierLuigi da Palestrina e Giuseppe Verdi e molte furono le esecuzioni sotto la sua guida durante le liturgie papali in tutto il mondo.  Nel 1997 con una “congiura di palazzo”, a cui non fu estraneo Mons. Piero Marini (da non confondersi con Guido Marini), lo stesso che diverrà il “creatore” delle cerimonie papali di sapore circense a cui metterà fine Benedetto XVI, fu sostituito alla guida della Cappella Sistina dal Maestro Antonio Liberto.

Papa Ratzinger richiamò il Maestro borghigiano, nel giugno del 2006, a dirigere un concerto nella Cappella Sistina quindi, nel Concistoro del 20 novembre 2010, lo nominerà Cardinale assegnandogli la Diaconia dei Santissimi nomi di Gesù e di Maria in via Lata. Così, alla fine del Concerto del 31 agosto 2011 in Castelgandolfo, Benedetto XVI si rivolse al cardinal Bartolucci: «Il suo modo di comporre si inserisce nella scia dei grandi autori di musica sacra, in particolare della Cappella Sistina : la valorizzazione del prezioso tesoro che è il canto gregoriano e l’uso sapiente della polifonia, fedele alla tradizione…».

Il card. Bartolucci che, annualmente incontravo, durante le ferie estive, nella campagna mugellana, nella piccola parrocchia di Montefloscoli di cui era rimasto titolare, mi concesse un’ultima intervista pubblicata il 12 agosto del 2009 dall’Edizione toscana de “Il Giornale” e ripresa dai siti cattolici di tutto il mondo, nella quale riaffermava la sua fedeltà alla Messa tradizionale: «Io l’ho sempre celebrata ininterrottamente dalla mia ordinazione…avrei avuto difficoltà, non avendola mai detta, a celebrare la Messa del rito moderno».

Quando fu creato cardinale non volle assecondare la richiesta dell’arcivescovo di Firenze Mons. Giuseppe Betori di “concelebrare” con lui nel nuovo rito e chiese invece che, almeno, fosse rappresentata l’ultima sua opera : Il Brunellesco. Richiesta, naturalmente, non esaudita. Nell’ultima intervista concessami sembrava prevedere la sua Messa funebre celebrata mercoledì 13 dal Cardinal Sodano: «Io non so se siate mai stati, ahimè, a un funerale: “Alleluia”, battimani, frasi ridanciane, ci si chiede se questa gente abbia mai letto il Vangelo; nostro Signore stesso piange su Lazzaro e sulla morte: Qui con questo sentimentalismo melenso, non si rispetta neppure il dolore…Io vi avrei mostrato come una volta assisteva il popolo a una Messa da morto, con quale devozione e compunzione si intonava quel magnifico e tremendo Dies irae ». (Pucci Cipriani)

Donazione Corrispondenza romana
  • Fare chiarezza sull’Amoris laetitia: una nuova voce si leva
     (di Emmanuele Barbieri) Il convegno organizzato il 22 aprile a Roma da La Nuova Bussola quotidiana e da Il Timone ha rappresentato una nuova importante tappa nella lunga serie di iniziative che, da un anno a questa parte hanno messo … Continua a leggere
  • La crisi ariana del IV secolo
    (di Cristina Siccardi) All’Alba del IV secolo, il cristianesimo, estesosi in tutto l’Impero romano, deve affrontare la prima persecuzione lunga e feroce della sua storia. La seconda, la stiamo vivendo noi, ora. La Verità portata da Gesù Cristo rischiava di … Continua a leggere
  • Lo scandalo dei nostri tempi
    (di Roberto de Mattei) Il mondo è pieno di scandali e Gesù dice: «Guai al mondo per causa degli scandali» (Mt 18, 6-7). Lo scandalo, secondo la morale cattolica, è il comportamento di chi causa il peccato o la rovina … Continua a leggere
  • La Chiesa “viva”
    (di Cristiana de Magistris) Quando, durante il processo dell’apostolo Paolo, il procuratore della Giudea Festo si trovò nella necessità di spiegare al re Agrippa le imputazioni portate dai Giudei contro Paolo, le riassunse dicendo che gli accusatori avevano contro di … Continua a leggere
  • Quei concerti per Lutero sono una nota decisamente stonata
    (di Mauro Faverzani) Che a cento anni dalle apparizioni di Fatima, in una chiesa cattolica, quella del Redentore a Modena, non si trovi di meglio che festeggiare il quinto centenario della riforma luterana con un ciclo di cinque concerti, promossi … Continua a leggere
  • È una guerra di religione
    (di Roberto de Mattei) La strage di Tanta e di Alessandria è un brusco richiamo alla realtà per papa Francesco, alla vigilia del suo viaggio in Egitto. Gli attentati in Medio Oriente, come in Europa, non sono sciagure naturali, evitabili … Continua a leggere
  • Il Processo di Cristo e il processo della Chiesa
    (di Cristiana de Magistris) Nel Tempo di Passione, che abbraccia le due settimane che precedono la Pasqua, la Chiesa contempla in lutto i dolorosi avvenimenti che segnarono l’ultimo anno della vita del Redentore del mondo (Settimana di Passione) e l’ultima … Continua a leggere
  • Il vero volto di san Francesco d’Assisi e sant’Ignazio di Loyola
    (di Cristina Siccardi) Il Papa porta con orgoglio il nome di san Francesco d’Assisi ed è orgogliosamente erede della dinastia religiosa fondata da sant’Ignazio di Loyola, ma né dell’uno, né dell’altro ne è testimone. Il vero volto di san Francesco … Continua a leggere
  • Perché non bisogna discreditare la Compagnia di Gesù
    (di Roberto de Mattei) Tra le conseguenze più disastrose del pontificato di papa Francesco ce ne sono due, strettamente connesse tra loro: la prima è il travisamento della virtù tipicamente cristiana dell’obbedienza; la seconda è il discredito gettato sulla Compagnia … Continua a leggere
  • Le responsabilità di mons. Vincenzo Paglia
    (di Mauro Faverzani) L’intera vicenda pecuniaria è stata ripercorsa, con dovizia di particolari, venerdì 24 marzo dal quotidiano La Verità: riguarda il processo, presso il tribunale penale di Terni, relativo alla compravendita del castello di San Girolamo, a Narni. Nell’estate … Continua a leggere