CHIESA CATTOLICA: Mons. Léonard nuovo arcivescovo di Malines-Bruxelles

Il 18 gennaio scorso Benedetto XVI ha nominato mons. André Mutien Léonard nuovo arcivescovo di Malines-Bruxelles, in Belgio, come successore di S. Em. il cardinale Godfried Danneels, la cui rinuncia alla carica pastorale è stata accettata per limiti d’età.

Mons. Léonard era stato finora vescovo di Namur (Belgio). Nato a Jambes (Namur) il 6 maggio 1940 in una famiglia cattolica praticante, si orienta rapidamente, come i suoi tre fratelli, verso la Chiesa ed è ordinato sacerdote da mons. Charue, vescovo di Namur, il 19 luglio 1964. Nel 1976 diventa professore all’Università Cattolica di Lovanio e vescovo di Namur nel 1991. Un certo numero di prese di posizione di mons. Léonard, in particolare le sue dichiarazioni contro l’omosessualità e contro l’uso del preservativo per combattere la propagazione dell’Aids, hanno provocato forti reazioni negli ambienti progressisti.

La rivista anticlericale francese “Golias” iniziò a occuparsi di mons. Léonard già nel 2007, quando iniziarono a circolare le prime voci sulla possibile successione al cardinale Danneels, a capo della Chiesa del Belgio dal 1980. Mons. Léonard è stato soprattutto attaccato per aver difeso la morale naturale e i valori non negoziabili di cui parla spesso il Santo Padre, per aver difeso pubblicamente Pio XII dalle accuse provenienti dagli ambienti ebraici, ma soprattutto, più recentemente, per aver accettato con entusiasmo il motu proprio Summorum Pontificum.

Donazione Corrispondenza romana