Berlusconi e i referendum radicali

Print Friendly, PDF & Email

Berlusconi(di Danilo Quinto)  «A questo punto la riforma della giustizia dovete inserirla tra le priorità, è un’emergenza democratica e può riguardare qualunque cittadino, lo pretendo». Così, avrebbe detto Silvio Berlusconi all’indomani della sentenza del Tribunale di Milano che lo ha condannato a 7 anni di reclusione, con annessa la misura dell’interdizione perpetua dai pubblici uffici.

Che il problema giustizia riguardi ogni cittadino, non c’è dubbio. Che sia un’emergenza democratica, altrettanto. Sta di fatto, che negli ultimi vent’anni, chi si è alternato al Governo non ha saputo e voluto intervenire sui problemi di carattere strutturale. Sulle ceneri della Prima Repubblica, fatta fuori proprio dalle inchieste giudiziarie, il potere legislativo si è “arreso” dall’intervenire per porre un argine allo strapotere di quello giudiziario e, per di più, si è rinunciato a proporre ed attuare qualsiasi tipo di riforma.

Le conseguenze sono quelle che si vivono e che hanno creato “il” vulnus democratico più devastante della storia repubblicana. C’è chi ha compreso, con la campagna sull’amnistia, che dura da alcuni anni e con le riforme che propone, che questo problema avrebbe potuto diventare dirompente, in ragione del numero incredibile di processi ai quali è stato sottoposto Berlusconi e della volontà di toglierlo di mezzo attraverso la via giudiziaria.

Le proposte di referendum dei radicali di Pannella presentate all’inizio di giugno (responsabilità civile dei magistrati, eliminazione della custodia cautelare per il rischio di reiterazione nel caso di reati non gravi, misure restrittive per il lavoro dei magistrati fuori ruolo, ergastolo, separazione delle carriere), sembrano essere state confezionate proprio per dare uno strumento operativo a chi ora parla di «emergenza democratica», senza che i suoi collaboratori – questo è il vero problema del Presidente del Consiglio – abbiano saputo “servire” la sua politica come dovrebbe fare qualsiasi collaboratore: con autonomia e libertà. Ora, quelle riforme vengono “offerte” in qualche modo su un “piatto d’argento”. Non a caso – come ha riferito “Italia Oggi” dello scorso 6 giugno – alla stesura di quei referendum ha collaborato Peppino Calderisi (ex deputato del Popolo della Libertà, radicale da sempre, collaboratore del capogruppo Renato Brunetta e nominato consigliere politico del ministro per le Riforme Gaetano Quagliariello). «L’iniziativa radicale – ha sostenuto “Italia Oggi” ‒ è stata sottoposta all’attenzione di Berlusconi che l’ha definita “molto interessante”, da prendere in seria considerazione al punto di aver dato il via libera a un sostegno attivo nella raccolta delle 500 mila firme necessarie».


Sostieni Corrispondenza romana

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Informazioni Carta di Credito
Questo è un pagamento sicuro SSL crittografato.

Totale Donazione: €100.00

Non importa che dietro quei referendum si celi qualche insidia. Infatti, chi condividerà e sosterrà i referendum sulla giustizia – non a caso distinti in un “pacchetto” a parte – sosterrà di fatto anche i referendum che davvero “contano” per i radicali. Sono quelli del “pacchetto” denominato “Cambiano Noi”: sul divorzio breve, per eliminare l’obbligo dei 3 anni di separazione obbligatoria prima di ottenere il divorzio; sull’immigrazione, per abrogare il reato di clandestinità; sul finanziamento ai partiti, per abolirlo; sulle droghe, per evitare il carcere; sull’8xmille, per lasciare allo Stato le quote di chi non esprime una scelta e restituire l’effettiva libertà di scelta ai cittadini, cioè per distruggere le opere caritatevoli della Chiesa Cattolica. Sono proposte che si situano nel solco di quella cultura libertaria e relativista tanto cara a Pannella e Bonino, ma anche ad una parte maggioritaria del centrodestra. Su queste macerie, su questi presupposti e con questi “compagni di Strada”, non si costruirà nulla di buono. (Danilo Quinto)

Donazione Corrispondenza romana
  • Il terrorista rosso Cesare Battisti e i suoi protettori
    (di Roberto de Mattei) Il terrorista rosso Cesare Battisti, interrogato nel carcere di Oristano dal Pubblico Ministero di Milano Alberto Nobili, ha «ammesso tutti gli addebiti, ossia i quattro omicidi, tra cui due di cui è stato esecutore». Lo ha … Continua a leggere
  • 1918-2018: “Tutto crolla, il centro non regge più”
    (di Roberto de Mattei) Nel dicembre del 1918 l’Europa celebrò il primo Natale di pace dopo quattro anni di sangue ininterrottamente versato. Il mondo che nasceva, però, non era più quello di ieri. Il 3 novembre l’Impero austro-ungarico aveva firmato … Continua a leggere
  • L’Italia cambia, ma Mattarella non se ne accorge
    (di Roberto de Mattei) Domenica 27 maggio il prof. Giuseppe Conte, incaricato dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella di formare un governo, si è presentato al Palazzo del Quirinale per presentare la lista dei suoi ministri, frutto di un intenso … Continua a leggere
  • Elezioni 2018: vincitori e vinti
    (di Lupo Glori) Boom della “Lega” e del “Movimento 5 Stelle” (M5s), contenuta crescita di “Fratelli di Italia”, forte calo di “Forza Italia” e storico tracollo del “Partito Democratico”. Il ciclone “Burian”, dopo essersi abbattuto sulle strade del nostro paese … Continua a leggere
  • Condannato Danilo Quinto, promossa Emma Bonino?
    (di Emmanuele Barbieri) Il 22 febbraio, se non ci saranno ulteriori rinvii, Danilo Quinto, sarà processato per diffamazione a mezzo stampa. Quinto, ex tesoriere del Partito Radicale, è autore di un libro dal titolo Da servo di Pannella a figlio … Continua a leggere
  • Il ritorno in patria dei Re d’Italia
    «Riportiamo in patria i Re d’Italia» titolava Corrispondenza Romana il 22 luglio 2015 (https://www.corrispondenzaromana.it/riportiamo-in-patria-gli-ultimi-re-ditalia/). Infatti, dopo l’attentato al Consolato italiano in Egitto, Maria Gabriella di Savoia, da sempre fedele custode della memoria del suo Casato (nel 1986 creò la Fondazione … Continua a leggere
  • Ius soli o Ius sanguinis?
    (di Lupo Glori) Ius soli o Ius sanguinis? Questa l’accesa, e a tratti violenta, diatriba politica che negli ultimi giorni ha infiammato il dibattito pubblico, dopo l’approdo al Senato del disegno di legge, approvato alla Camera alla fine del 2015 … Continua a leggere
  • Appello di Famiglia Domani contro il Ministro Fedeli
    (di Lupo Glori) A soli cinque giorni di distanza dalle dimissioni di Matteo Renzi, il 12 dicembre 2016 è nato il nuovo governo a guida dell’ex ministro degli Esteri Paolo Gentiloni, con il quale il premier battuto e ferito consuma … Continua a leggere
  • La disfatta di un premier sedicente cattolico
    (di Mauro Faverzani) Le parole hanno un senso. E quelle del commiato di Renzi ne hanno uno chiarissimo: «Lasciamo la guida del Paese con un’Italia che ha finalmente una legge sulle unioni civili», ha detto. Spiegando anche come tale normativa, … Continua a leggere
  • Da Renzi alla Brexit: tra falso ordine e caos
    (di Emmanuele Barbieri) Nessuno dei sindaci eletti il 19 giugno nelle principali città italiane disapplicherà la famigerata legge Cirinnà che assicura veste legale allo pseudo-matrimonio omosessuale. Per i neo-sindaci, che condividano o no il provvedimento renziano, non esiste una legge … Continua a leggere