CHIESA CATTOLICA: il modo di far politica di mons. Bruno Forte

Benché Paolo VI avesse a suo tempo dichiarato che la politica è un’alta espressione della “carità cristiana”, per una strana eterogenesi dei fini, nel periodo post-conciliare, segnato de facto da tante forme di rottura con la tradizione cattolica precedente, si ebbe un rifiuto della politica come tale, quasi fosse cosa in sé nociva o “pagana”.

Certo i principali partiti delle democrazie europee ed occidentali non brillano, praticamente senza eccezioni, per coerenza con le prospettive evangeliche: si pensi ai temi scottanti dell’aborto, del divorzio, della contraccezione e dell’omosessualità, tutte cose un tempo rigettate dal comune senso del pudore, ed ora sdoganate in modo trasversale e bipartisan. D’altra parte su questi e su altri temi non negoziabili gli stessi insoddisfacenti partiti di cui sopra non sono tutti equidistanti dalla morale cristiana e dallo stesso diritto naturale. In Italia, per esempio, si sa bene chi fu che negli anni ’70, ‘80 e ‘90 lottò per aborto, divorzio, droga libera, abolizione delle case chiuse e dei manicomi, educazione sessuale nelle scuole e tutto il resto.

E costoro coincidono abbastanza bene con quei gruppi e quelle lobby che, oggi, chiedono eutanasia, suicidio assistito, fecondazione artificiale (omologa ed eterologa), matrimonio gay, costruzione di moschee (anche con soldi pubblici!), introduzione del delitto di omofobia, forsennata “laicità” e talvolta perfino l’abolizione dello Stato della Città del Vaticano.
Come se tutto questo non fosse evidente e lapalissiano, mons. Bruno Forte, Ordinario di Chieti-Vasto, intervistato dal “Corriere della Sera” il 1 giugno u.s. (p. 15), parla delle elezioni che hanno visto la clamorosa vittoria di Pisapia a Milano e di De Magistris a Napoli come «un segnale importante, perché la gente non ne può più». «È chiaro – continua l’Arcivescovo-teologo – che in questa vicenda ci siano segnali di insoddisfazione profonda rispetto alla scena etica e sociale del Paese». Ma sa il presule che sia Pisapia che De Magistris si sono espressi sui valori “non-negoziabili” in modo opposto a quanto indicato da Benedetto XVI? Certo, un Vescovo può anche disinteressarsi dei programmi dei singoli politici, ma allora perché farsi intervistare su questi argomenti da un quotidiano risolutamente laico che cerca di portare acqua al suo mulino? Secondo Forte, la gente «è stanca della scena politica che si presenta ogni giorno. Molte cose non vanno, la situazione economica, la fatica ad arrivare a fine mese, la crisi generale, ma anche le ferite allo stato sociale, la famiglia, il lavoro, la scuola, l’educazione, la sanità». E di tutti i problemi qui indicati sarebbe responsabile il Governo Berlusconi? E poi, ancor più illogico, il segno di una ripresa, su temi invero decisivi come la famiglia e l’educazione, si riscontrerebbe nel voto a chi, come il neo-sindaco ambrosiano, ha promesso di aprire illegali registri per le “coppie di fatto” e di far rieducare gli “omofobi” servendosi dell’Arcigay? Ma Pisapia e De Magistris sono per il crocifisso nelle scuole o no? Per il rispetto del Concordato o per un suo superamento? Basta andare sui rispettivi siti internet per saperlo…

Mai che il ben noto teologo, in tutta l’intervista, richiami, che so, il diritto naturale, la dottrina sociale della Chiesa, la necessità della famiglia o la moralità generale. Sempre e solo termini vaghi e di compromesso: «La priorità assoluta è che si faccia l’interesse dei più deboli [che per il beato Giovanni Paolo II sono i bambini non nati, ma per Forte?]. Non è possibile anteporre il bene privato a quello pubblico, occorre trasparenza di comportamenti e rispetto degli impegni». Bell’esempio di ecclesiale se in versione politically correct! Ancora: «Abbiamo bisogno di convinzioni profonde, di scelte da portare avanti pagando di persona (…). Occorre qualcosa di diverso, c’è un’esigenza etica sociale e personale forte (…). Ridare ai giovani il gusto della cosa pubblica»… Mah!

Donazione Corrispondenza romana
  • Il “caso Viganò” e l’“impasse” di papa Francesco
    (di Roberto de Mattei) Una risposta alla fine è arrivata. Non la risposta, invano attesa, di papa Francesco, ma quella, comunque significativa, di uno dei giornalisti che fanno parte del suo stretto entourage. L’autore è Andrea Tornielli, vaticanista del quotidiano … Continua a leggere
  • Santa Teresa e l’Istruzione Cor Orans
    (di Cristina Siccardi) I santi, quando si tratta di difendere l’integrità della fede, il bene della Chiesa, la Regola del proprio ordine/congregazione non si risparmiano e, dispiegando eroicamente ogni tipo di risorsa, sostenuti dalla Grazia divina, escono vittoriosi con i … Continua a leggere
  • La vocazione della nostra epoca
    (di Roberto de Mattei) Ogni uomo ha una sua specifica vocazione. Ciò che Dio chiede ad ogni anima, costituisce la sua vocazione che è la forma speciale nella quale la Provvidenza vuole che ognuno operi e si sviluppi. Ogni uomo … Continua a leggere
  • Santa Chiara, una vera discepola di san Francesco
    (di Cristina Siccardi) Il “buonismo” è la chiave di lettura che la Santa Sede dà del de profundis indetto con la Costituzione apostolica Vultus Dei Quaerere e la sua Istruzione applicativa Cor Orans dei monasteri di clausura:non si dice che … Continua a leggere
  • Dalla Gaudium et spes a Humanae vitae
    (di P. Serafino M. Lanzetta) La grave crisi morale di abusi sessuali che investe la S. Chiesa ha radici molto più profonde del cattivo comportamento di alcuni sacerdoti e prelati. E non è sicuramente espressione di quella debolezza umana che … Continua a leggere
  • La vita contemplativa secondo santa Ildegarda
    (di Cristina Siccardi) Il sacrario dei chiostri di vita contemplativa femminile è violato dalle ultime disposizioni emanate dalla Congregazione per gli Istituti di vita consacrata e le Società di vita apostolica. La Costituzione apostolica Vultus Dei Quaerere e la sua … Continua a leggere
  • Il VII pellegrinaggio del Populus Summorum Pontificum
    (di Marco Sgroi) Per la settima volta a partire dal 2012, alla fine della scorsa settimana Roma ha accolto il Populus Summorum Pontificum per l’ormai abituale pellegrinaggio annuale ad Petri Sedem: il devoto cammino dei fedeli, provenienti da ogni parte … Continua a leggere
  • Mons. Viganò e l’ora del giudizio
    (di Roberto de Mattei) Nel clima di silenzio e addirittura di omertà che regna nella Chiesa è ancora una volta risuonata la voce dell’arcivescovo Carlo Maria Viganò che, replicando al cardinale Marc Ouellet, ha ribadito che lo scandalo McCormick, è … Continua a leggere
  • Mons. Pope in sostegno a mons. Viganò
    Riportiamo la lettera aperta che mons. Charles Pope, parroco della Chiesa di Holy Comforter-Saint Cyprian di Washington, ha scritto in sostegno al terzo documento di mons. Carlo Maria Viganò (http://www.ncregister.com/blog/msgr-pope/reflections-on-archbishop-viganos-courageous-third-letter). Mons. Pope in sostegno a mons. Viganò was last modified: … Continua a leggere
  • Radici e frutti della vera santità: san Francesco Marto
    (di Cristina Siccardi) Il titolo della XV Assemblea generale ordinaria del Sinodo dei vescovi (3-28 ottobre) è I giovani, la fede e il discernimento vocazionale. I giovani sempre meno scelgono il sacerdozio, la consacrazione religiosa e il sacramento del matrimonio. … Continua a leggere