Ecco come possono essere benedette in chiesa le unioni omosessuali - Corrispondenza romana
Print Friendly, PDF & Email

Ecco come possono essere benedette in chiesa le unioni omosessuali

Print Friendly, PDF & Email

(Il blog di Sabino Paciolla – 27 maggio 2020) Un nuovo libro scritto da alcuni teologi di lingua tedesca parla espressamente della benedizione in chiesa delle coppie omosessuali. Se ne parla in questo articolo scritto dallo staff del Catholic News Agency che vi propongo per la riflessione nella mia traduzione. 

Un libro che considera come le coppie omosessuali potrebbero ricevere una benedizione liturgica formale della loro unione nella Chiesa cattolica è stato scritto in risposta a una richiesta del comitato liturgico della conferenza episcopale austriaca, secondo l’autore principale del libro.

L’opera comprende contributi di alcuni teologi di lingua tedesca e di una sezione liturgica, tra cui un suggerimento su come tale benedizione ecclesiastica delle unioni omosessuali possa essere “celebrata” nelle chiese cattoliche.

Il titolo ufficiale del libro è “La benedizione delle unioni omosessuali”. Uno dei suoi principali autori ed editori è padre Ewald Volgger, direttore dell’Istituto di Studi Liturgici e di Teologia dei Sacramenti dell’Università Cattolica Privata di Linz.


Sostieni Corrispondenza romana

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Informazioni Carta di Credito
Questo è un pagamento sicuro SSL crittografato.

Totale Donazione: €100.00

Parlando con un giornale diocesano austriaco, padre Volgger ha affermato che vorrebbe vedere “al più presto” l’introduzione di una benedizione ufficiale per le coppie omosessuali, ma ha ammesso che “secondo il Catechismo della Chiesa Cattolica, gli atti omosessuali non sono in alcun modo da condonare e gli omosessuali sono chiamati alla castità”.

Il sacerdote, 58 anni, ha aggiunto che “c’è stato un movimento sull’argomento”, e ha affermato che una riscrittura del Catechismo della Chiesa cattolica potrebbe servire a facilitare “una liturgia ufficiale” che sia “basata sulla dottrina della Chiesa”.

Per quanto riguarda il motivo per cui la Chiesa cattolica dovrebbe cambiare i suoi insegnamenti sulla morale sessuale, padre Volgger ha indicato un cambiamento nella percezione pubblica, dicendo che “la dottrina sull’omosessualità è stata discussa in tutta Europa in modo tale che un’apertura non solo è discutibile, ma può anche essere richiesta”.


Sostieni Corrispondenza romana

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Informazioni Carta di Credito
Questo è un pagamento sicuro SSL crittografato.

Totale Donazione: €100.00

Il sacerdote ha aggiunto: “ci sono anche un numero considerevole di vescovi che vorrebbero vedere un ripensamento della morale sessuale per la valutazione delle coppie omosessuali”.

Inoltre, ha sostenuto Volgger, un tale cambiamento potrebbe rendere gli insegnamenti della Chiesa più accettabili e rilevanti. 

Il giornale diocesano ha sottolineato che, a quanto pare, le coppie omosessuali sono già state benedette da un sacerdote cattolico nella Cattedrale di Santo Stefano di Vienna, e che una di queste coppie è stata recentemente intervistata sulla cerimonia dalla TV austriaca.


Sostieni Corrispondenza romana

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Informazioni Carta di Credito
Questo è un pagamento sicuro SSL crittografato.

Totale Donazione: €100.00

Padre Volgger ha detto che questo non è il tipo di benedizione ufficiale che ha in mente.

“No, perché questa è probabilmente la benedizione delle coppie dello stesso sesso il giorno di San Valentino. Queste sono già diffuse e in pratica”.

“Ma una benedizione, così come viene proposta dal punto di vista liturgico-teologico, avrebbe anche un carattere ufficiale, attraverso il quale la Chiesa esprime l’obbligo di fedeltà e l’esclusività del rapporto. A proposito, è un messaggio molto bello che nella Cattedrale di Santo Stefano tutti hanno un posto e sono benedetti”.

Tra gli altri autori del libro ci sono diversi teologi tedeschi. Negli ultimi anni, i vescovi tedeschi, in particolare, si sono espressi sempre più apertamente chiedendo “discussioni su un’apertura” verso l’accettazione dell’omosessualità praticata e la benedizione delle unioni omosessuali nella Chiesa.

Dopo le consultazioni a Berlino alla fine del 2019, il presidente della Commissione per il matrimonio e la famiglia della Conferenza episcopale tedesca ha dichiarato che i vescovi tedeschi concordano sul fatto che l’omosessualità sia una “forma normale” di identità sessuale umana.

Il tema ha un ruolo centrale anche in uno dei quattro forum che costituiscono il controverso “Processo sinodale” in corso in Germania.

Diversi membri del “Comitato centrale dei cattolici tedeschi” (ZDK), incaricati di gestire il processo in tandem con la Conferenza episcopale, sono membri del Parlamento che hanno votato personalmente per la ridefinizione del matrimonio per includere le unioni omosessuali in una votazione che ha legalizzato tali unioni come “matrimoni” in Germania nel 2017, come ha riferito CNA Deutsch.

Anche il vescovo Franz-Josef Bode di Osnabrück, vicepresidente della Conferenza episcopale tedesca, ha chiesto in precedenza un “dibattito” sulla benedizione delle coppie omosessuali e un cambiamento dell’insegnamento della Chiesa sulla morale sessuale.

Parlando in un’intervista del gennaio 2018, Bode ha detto: “Dobbiamo riflettere su come valutare una relazione tra due persone dello stesso sesso in modo differenziato”. Ha anche chiesto: “Non c’è così tanto di positivo, buono e giusto [in una relazione omosessuale] che dobbiamo rendergli più giustizia?”

L’arcivescovo di Monaco e Frisinga, il cardinale Reinhard Marx, a Natale 2019 ha espresso l’opinione che le coppie omosessuali possono ricevere una benedizione della Chiesa “nel senso di un accompagnamento pastorale” nella Chiesa cattolica.

Nello stesso mese, l’arcivescovo Heiner Koch di Berlino ha dichiarato che sia l’eterosessualità che l’omosessualità sono “forme normali di predisposizione sessuale, che non possono o devono essere cambiate con l’aiuto di una specifica socializzazione”.

Koch ha continuato dicendo che gli “sviluppi” sono stati resi possibili da Amoris laetitia, l’esortazione di papa Francesco al matrimonio e alla famiglia. L’arcivescovo di Berlino ha partecipato al Sinodo vaticano sulla famiglia insieme a Marx ed è presidente della Commissione per il matrimonio e la famiglia della Conferenza episcopale tedesca.

Ha parlato pubblicamente dopo che i vescovi tedeschi avevano affermato di essere impegnati a “valutare di nuovo” l’insegnamento universale della Chiesa sull’omosessualità – e sulla morale sessuale in generale – durante il “processo sinodale” biennale.