Asia Bibi è libera - CR - Agenzia di informazione settimanale
Stampa la Notizia

Asia Bibi è libera

(Marco Tosatti, Stilvm Curiae – 31 ottobre 2018) La Corte Suprema del Pakistan ha assolto mercoledì  Asia Bibi – una donna cristiana accusata di blasfemia nel 2010 e condannata a morte – e ha accantonato un precedente giudizio emesso da un tribunale di grado inferiore. La notizia è stata data questa mattina.

Il giudice capo Saqib Nisar, che dirigeva il board di tre membri composta dal Giudice Asif Saeed Khosa e dl Giudice Mazhar Alam Khan Miankhel, ha letto il verdetto di 56 pagine e ha annunciato che il verdetto di Lahore High Court (LHC) è stato accantonato e ha dato istruzioni alle autorità Perché Asia Bibi sia rimessa in libertà.

“L’appello è accolto. Lei è stata assolta. Il giudizio dell’Alto tribunale e quello del tribunale dei processi sono rovesciati. La sua condanna è accantonata “,  ha detto il giudice .

La Corte ha aggiunto che Asia deve essere liberata se non è accusata di altri crimini.

Il legale di Asia, Saiful Malook, ha detto mentre parlava con The Express Tribune che il suo cliente ha ottenuto giustizia alla fine e che l’accusa si è dimostrata falsai giudici e il capo del board Asif Saeed Khosa.

La donna cristiana di 51 anni era nel braccio della morte dal novembre 2010 dopo essere stata condannata per aver commesso blasfemia durante una discussione con due donne musulmane a Sheikhupura.

Il suo caso ha guadagnato importanza dopo che il governatore del Punjab Salmaan Taseer ha invocato un nuovo processo per il suo caso ed è stato successivamente ucciso da una delle sue guardie, Mumtaz Qadri, nel gennaio 2011.

Bibi ha sfidato il verdetto nell’ottobre 2014, tuttavia, l’Alta Corte di Lahore ha confermato la condanna a morte. Il tribunale supremo ha sospeso l’esecuzione a luglio 2015.

Dopo una pausa di tre anni, un banco speciale di tre giudici, guidato dal capo della giustizia del Pakistan, Mian Saqib Nisar, e comprendente il giudice Asif Saeed Khosa e il giudice Mazhar Alam Miankhel, hanno accolto l’appello.

L’udienza è durata quasi due ore e 45 minuti, durante i quali sia l’accusa che la difesa hanno presentato i loro punti di vista sulla condanna.

I membri della società civile, compreso il veterano Farhatullah Babar, erano presenti durante il procedimento. A differenza delle precedenti audizioni, alcuni religiosi  erano presenti dentro e fuori dal tribunale.

Durante l’udienza, la commissione ha evidenziato diverse discrepanze nelle dichiarazioni dell’accusa e dei testimoni.

Imponenti le misure di sicurezza dentro e fuori del tribunale. All’interno erano presenti soldati dei corpi speciali senza armi.

Nella sentenza di 56 pagine è scritto fra l’altro:

“È un principio di diritto ben definito che chi fa un’affermazione deve dimostrarla, quindi spetta al pubblico ministero dimostrare la colpevolezza dell’accusata oltre ogni ragionevole dubbio per tutto il processo”, ha osservato il giudice supremo. “La presunzione di innocenza permane in tutto il caso fino a quando il procedimento giudiziario non soddisfa il tribunale al di là di ogni ragionevole dubbio che l’accusato sia colpevole del reato che gli è stato addebitato.

“[…] L’espressione ‘prova oltre ogni ragionevole dubbio’ è di fondamentale importanza per la giustizia criminale: è uno dei principi che cerca di garantire che nessun innocente venga condannato.

“Tenendo presente le prove prodotte dall’accusa contro la presunta blasfemia commessa dal ricorrente, l’accusa ha categoricamente omesso di dimostrare il suo caso al di là di ogni ragionevole dubbio”, ha concluso il capo della giustizia.

La corte ha anche osservato che “non sta agli individui, né a una folla, decidere se un atto che rientra nel campo di applicazione della Sezione 295-C è stato commesso o meno, perché come affermato in precedenza, è il compito del tribunale di prendere tale decisione dopo aver condotto un processo pienamente qualificato e sulla base di prove credibili presentate dinanzi ad esso “.

La sentenza si conduce ha concluso il giudizio con un hadith del Profeta Maometto sui diritti delle minoranze.

L’avvocato di Bibi, Saiful Mulook, ha dichiarato all’AFP: “Il verdetto ha dimostrato che i poveri, le minoranze e gli strati più bassi della società possono ottenere giustizia in questo paese, nonostante le sue carenze: questo è il giorno più bello della mia vita”.

Bibi sembrava essere incredula dopo aver sentito della decisione dal suo avvocato.

“Non posso credere a quello che sto sentendo, uscirò ora? Mi lasceranno uscire, davvero?” Bibi ha detto ad AFP per telefono dal carcere dopo la sentenza. “Semplicemente non so cosa dire, sono molto felice, non posso crederci.”

Anche il marito di Bibi ha salutato con gioia il verdetto. “Sono molto felice, i miei figli sono molto felici, siamo grati a Dio. Siamo grati ai giudici per averci dato giustizia, abbiamo sapevamo che era innocente”, ha detto Ashiq Masih.

Poco dopo la sentenza, centinaia bloccarono una strada chiave che collegava Rawalpindi con Islamabad. Le persone si stanno anche radunando per le proteste a Karachi e Peshawar. Manifestazioni simili si svolgono altrove mentre la polizia sollecita manifestanti a disperdersi pacificamente.