Vaticano – Tre nuovi Santi nella Giornata Missionaria, “modello per tutti i credenti”

Città del Vaticano (Agenzia Fides) – “Mentre celebriamo con tutta la Chiesa la Giornata Missionaria Mondiale – appuntamento annuale che intende risvegliare lo slancio e l’impegno per la missione –, rendiamo lode al Signore per tre nuovi Santi: il Vescovo Guido Maria Conforti, il sacerdote Luigi Guanella e la religiosa Bonifacia Rodríguez de Castro”.

Sono le parole del Santo Padre Benedetto XVI durante l’Eucaristia che ha presieduto sul sagrato della Basilica Vaticana, domenica 23 ottobre, durante la quale ha Canonizzato tre Beati. “I tre nuovi Santi – ha affermato il Pontefice – si sono lasciati trasformare dalla carità divina e ad essa hanno improntato l’intera loro esistenza. In diverse situazioni e con diversi carismi, essi hanno amato il Signore con tutto il cuore e il prossimo come se stessi ‘così da diventare modello per tutti i credenti’ (1Ts 1,7).”

San Guido Maria Conforti, ha detto il Papa nell’omelia, “fin da quando, ancora fanciullo, dovette superare l’opposizione del padre per entrare in Seminario, diede prova di un carattere fermo nel seguire la volontà di Dio, nel corrispondere in tutto a quella caritas Christi che, nella contemplazione del Crocifisso, lo attraeva a sé. Egli sentì forte l’urgenza di annunciare questo amorea quanti non ne avevano ancora ricevuto l’annuncio, e il motto ‘Caritas Christi urget nos’ (cfr 2Cor 5,14) sintetizza il programma dell’Istituto missionario a cui egli, appena trentenne,diede vita:una famiglia religiosa posta interamente a servizio dell’evangelizzazione, sotto il patrocinio del grande apostolo dell’Oriente san Francesco Saverio.

Questo slancio apostolico san Guido Maria fu chiamato a viverlo nel ministero episcopale prima a Ravenna e poi a Parma: con tutte le sue forze si dedicò al bene delle anime a lui affidate, soprattutto di quelle che si erano allontanate dalla via del Signore. La sua vita fu segnata da numerose prove, anche gravi.

Egli seppe accettare ogni situazione con docilità, accogliendola come indicazione del cammino tracciato per lui dalla provvidenza divina; in ogni circostanza, anche nelle sconfitte più mortificanti, seppe riconoscere il disegno di Dio, che lo guidava ad edificare il suo Regno soprattutto nella rinuncia a sé stesso e nell’accettazione quotidiana della sua volontà, con un abbandono confidente sempre più pieno. Egli per primo sperimentò e testimoniò quello che insegnava ai suoi missionari, che cioè la perfezione consiste nel fare la volontà di Dio, sul modello di Gesù Crocifisso.

San Guido Maria Conforti tenne fisso il suo sguardo interiore sulla Croce, che dolcemente lo attirava a sé; nel contemplarla egli vedeva spalancarsi l’orizzonte del mondo intero, scorgeva l’ ‘urgente’ desiderio, nascosto nel cuore di ogni uomo, di ricevere e di accogliere l’annuncio dell’unico amore che salva”.

San Luigi Guanella “durante la sua esistenza terrena ha vissuto con coraggio e determinazione il Vangelo della Carità” ha evidenziato il Papa. “Grazie alla profonda e continua unione con Cristo, nella contemplazione del suo amore, Don Guanella, guidato dalla Provvidenza divina, è diventato compagno e maestro, conforto e sollievo dei più poveri e dei più deboli…Vogliamo oggi lodare e ringraziare il Signore perché in san Luigi Guanella ci ha dato un profeta e un apostolo della carità.

Nella sua testimonianza, così carica di umanità e di attenzione agli ultimi, riconosciamo un segno luminoso della presenza e dell’azione benefica di Dio… Questo nuovo Santo della carità sia per tutti, in particolare per i membri delle Congregazioni da lui fondate, modello di profonda e feconda sintesi tra contemplazione e azione, così come egli stesso l’ha vissuta e messa in atto”.

Santa Bonifacia Rodriguez de Castro fin dall’inizio ha saputo unire la sequela di Gesù Cristo con il paziente lavoro quotidiano. “Lavorare, come aveva fatto fin da bambina, non era solo un modo per non essere di peso a nessuno, ma significava anche la libertà di seguire la propria vocazione, e le dava allo stesso tempo la possibilità di attrarre e formare altre donne, che nel lavoro potevano trovare Dio ed ascoltare la sua chiamata… Così nascono le Suore di San Giuseppe, con l’umiltà e la semplicità del Vangelo, che nella casa di Nazareth si presenta come una scuola di vita cristiana”.

Infine il Papa ha invitato a lasciarsi attrarre dagli esempi e dagli insegnamenti dei tre nuovi Santi, “affinché tutta la nostra esistenza diventi testimonianza di autentico amore verso Dio e verso il prossimo”. (SL) (Agenzia Fides 24/10/2011)

Donazione Corrispondenza romana
  • Il Natale delle due Terese
    (di Cristiana de Magistris) Non vi è cosa che riesca più difficile all’uomo moderno, il cosiddetto cattolico “adulto”, quanto esercitarsi nelle piccole virtù, nel silenzio e lontano dagli sguardi umani, avendo per testimone Dio solo. Non senza ragione il Signore … Continua a leggere
  • La vera origine delle divisioni nella Chiesa
    (di Roberto de Mattei, Il Tempo, 14 settembre 2016) Informazioni, disinformazioni, verità, mezze verità, menzogne, sembrano mescolarsi nella strategia di comunicazione della Santa Sede. La storia della Chiesa viene scritta da interviste, discorsi improvvisati, articoli su blog paraufficiali, indiscrezioni mediatiche, … Continua a leggere
  • Teresa d'Avila Memoria di santa Teresa d’Avila
    (di Cristina Siccardi) Teresa d’Avila (1515-1582) aveva due anni quando furono affisse sulla porta della Cattedrale di Wittenberg (31 ottobre 1517) le 95 tesi di Lutero contro la vendita delle indulgenze, una roboante manifestazione pubblica di protesta contro la Chiesa. … Continua a leggere
  • Due Papi in Tv: analisi critica della comunicazione vaticana
    (di Francesco Mastromatteo su Campari&deMaistre) L’elezione di Papa Francesco ha scatenato un’ enorme eco mediatica sulla – vera o presunta – “novità rivoluzionaria” costituita dal nuovo Pontefice.  Vogliamo qui soffermarci meglio sull’epocale incontro avvenuto oggi a Castel Gandolfo con il … Continua a leggere
  • San Giuseppe Patrono della Chiesa
    (di Cristina Siccardi) Maria Santissima, Madre del Salvatore, è la beata fra tutte le donne e san Giuseppe è certamente il beato fra tutti gli uomini: venne scelto da Dio per essere sposo della Vergine e padre putativo del Messia. … Continua a leggere
  • Ratzinger continuerà a chiamarsi Benedetto XVI
    (vatican Insider) Joseph Ratzinger conserverà il nome papale anche dopo le 20 del prossimo 28 febbraio, quando lascerà il pontificato: continuerà a chiamarsi Benedetto XVI e ci si rivolgerà a lui come a Sua Santità. Diventerà «Papa emerito» o «Romano … Continua a leggere
  • L’“ipocrisia religiosa” è il male della Chiesa
    (di Mauro Faverzani) C’è chi, prendendo spunto dalle parole dell’udienza generale dello scorso 13 febbraio in Sala Nervi, ha voluto particolarmente evidenziare come le dimissioni del Santo Padre siano dipese dalla secolarizzazione esterna alla Barca di Pietro, tanto potente da … Continua a leggere
  • “La nave della Chiesa” – della Beata Elisabetta Canori Mora
    (su Luci sull’Est) 639- Il dì 10 gennaio 1824 l’anima fu ammessa a parlare familiarmente con il suo Dio, trattenendosi per sua infinita bontà a parlare con la povera anima delle presenti circostanze della nostra santa religione cattolica e della … Continua a leggere
  • La Chiesa teme la «ferita» al ruolo del Pontefice
    (di Massimo Franco su Corriere.it) «E adesso bisogna fermare il contagio…». Il monsignore, uno degli uomini più in vista della Curia, ripercorre le ultime ore vissute dal Vaticano come se avesse subito un lutto non ancora elaborato. E ripete, quasi … Continua a leggere
  • Considerazioni sull’atto di rinuncia di Benedetto XVI
    (di Roberto de Mattei) L’11 febbraio, giorno della Festa della Madonna di Lourdes, il Santo Padre Benedetto XVI ha comunicato al Concistoro dei cardinali e a tutto il mondo la sua decisione di rinunziare al Pontificato. L’annuncio è stato accolto … Continua a leggere