USA, l’aborto è la prima causa di morte

(di Stefano Bruni su “Libertà e Persona” dell’ 11/10/2011) I Centers for Disease Control and Prevention (Centri per la prevenzione e il controllo delle malattie, abbreviati in CDC, www.cdc.gov) sono un importante organismo di controllo sulla sanità pubblica degli Stati Uniti d’America. Il loro compito più noto al pubblico non specialistico (anche per via di romanzi e film catastrofici su epidemie virali a diffusione globale) è quello di monitorare, prevenire e suggerire gli interventi più appropriati in caso di contagio diffuso ed epidemie.

Tuttavia i compiti di questo organismo sono anche molti altri e molto diversificati.
Tra gli altri, i CDC pubblicano anche report relativi ai dati sulla mortalità, sulla natalità e sul numero di aborti negli Stati Uniti. Come sempre accade, i dati definitivi relativi ad un determinato periodo sono resi disponibili a distanza di alcuni anni in quanto questi dati vengono elaborati con severi criteri statistici e il dato aggregato scomposto in tanti sottogruppi di dati più o meno correlati gli uni agli altri. Al momento sono disponibili i dati definitivi, ad esempio, delle principali 10 cause di mortalità negli Stati Uniti per l’anno 2007 (non stiamo parlando dunque di secoli fa ma dell’altro ieri).

Ebbene, se andiamo a leggere la suddetta relazione scopriamo che nel 2007 negli Stati Uniti sono morte 2.423.712 persone. Se andiamo a vedere le principali 10 cause di morte nel 2007 negli Stati Uniti (che insieme rappresentano più o meno il 76% di tutti i morti del 2007), il report ci dice che la causa di morte più frequente è stata la patologia cardiaca (616.067 morti), seguita da cancro (562.875 morti), stroke cerebrovascolare (135.952 morti), malattie croniche delle basse vie aeree (127.924 morti), incidenti (123.706 morti), malattia di Alzheimer (74.632 morti), diabete (71.382 morti), influenza e polmonite (52.717 morti), nefrite, sindrome nefrotica e nefrosi (46.448 morti), setticemia (34.828 morti).

Ho voluto leggere anche un altro paio di rapporti ufficiali e così ho trovato, nel primo, dati molto interessanti sulla natalità nel 2007 negli Stati Uniti dove sono venuti al mondo 4.316.233 bambini. Questa è certamente una buona notizia, perché negli Stati Uniti evidentemente nascono molte più persone di quante ne muoiano (la differenza positiva è di poco meno di 2.000.000).

Mi sono poi documentato, sempre attingendo a dati ufficiali, su quanti siano stati gli aborti negli Stati Uniti nel 2007 ed ho scoperto che purtroppo in quell’anno sono state interrotte un totale di 827.609 gravidanze, un numero agghiacciante. Ho fatto due calcoli e ho scoperto che, benché non riportato tra le prime 10 cause di morte negli Stati Uniti, in realtà l’aborto è la prima causa di morte, prima delle malattie cardiache, visto che l’aborto uccide circa 200.000 vite più che le malattie cardiache.

Che fine ha fatto allora l’aborto nel report relativo alle prime 10 cause di morte? È triste ma, evidentemente, queste vite (perchè si tratta di vite umane, anche se non ancora nate) non contano nemmeno per le statistiche sulla morte.

Donazione Corrispondenza romana