Una rivoluzione pastorale di Guido Vignelli

(di Gianandrea de Antonellis) Esiste la cosiddetta “sindrome della rana”: se si mette l’animaletto nell’acqua bollente, farà di tutto per scappare; ma se la si mette in una pentola di acqua fredda che si porta all’ebollizione, la rana si adatterà via via alla nuova temperatura e morirà senza tentare di fuggire. È un tema trattato a livello narrativo nel racconto Maestro Domenico di Narciso Feliciano Pelosini (Solfanelli, Chieti 2009), che si svolge nei primi anni dell’Unità italiana; e a livello filosofico dall’imprescindibile saggio Trasbordo ideologico inavvertito e dialogo di Plinio Corrêa de Oliveira, che proprio Guido Vignelli ha da poco curato in una nuova traduzione, la prima effettuata sul testo portoghese originale (Il Giglio, Napoli 2012).

Adesso, forte della sua ventennale esperienza quale direttore del Progetto SOS Ragazzi, lo stesso Vignelli affronta l’applicazione delle teorie paventate dal pensatore brasiliano, passando dal piano politologico a quello teologico. Lo fa con un saggio sintetico e molto ben scritto, che analizza sei termini-cardine, sei “parole magiche”, apparentemente inoffensive, anzi estremamente positive, che possono però essere utilizzate (e di fatto lo sono) come armi micidiali per distruggere le basi della Fede. Sei termini che possono permettere di operare una rivoluzione “di fatto” anziché teorica e teorizzata; pastorale anziché dogmatica; una rivoluzione che si imponga nella prassi ed eviti ogni pronunciamento che, inevitabilmente, farebbe gridare all’eresia (Una rivoluzione pastorale. Sei parole talismaniche nel dibattito sinodale sulla famiglia, Tradizione Famiglia Proprietà, Roma 2016, pp. 94).

Quali sono? Guido Vignelli individua i seguenti termini: pastorale, misericordia, ascolto, discernimento, accompagnamento e integrazione. Si tratta di parole che nel linguaggio “ecclesialese” mutano di significato, assumendo un valore nuovo e talvolta opposto a quello originale; termini apparentemente innocui che possono esercitare una pericolosa influenza manipolatrice e permettere quel “trasbordo ideologico inavvertito” contro cui metteva in guardia già cinquant’anni fa Plinio Corrêa de Oliveira.

Prendiamo ad esempio le prime due parole “magiche”, da cui discende l’interpretazione delle altre: «pastorale», da mezzo diviene fine e da arte dell’evangelizzazione e del governo delle anime si trasforma in regola suprema dell’intero Cristianesimo. In concreto, la “nuova pastorale” anziché adeguare la vita alla Verità, inverte i termini e cerca di adeguare la Verità alla vita: questo è il «primato della pastorale sulla Dottrina», in cui non solo la prassi sottomette, ma addirittura sostituisce la Dottrina. Prima conseguenza (di molte) è il «primato della coscienza sulla Legge» (parliamo, naturalmente, di Legge divina, non di legge umana), con la coscienza intesa come sentimento personale con cui chiunque giudica se stesso in modo infallibile…

Altra parola chiave è «misericordia» che da «compatimento della miseria altrui per soccorrerla e porvi rimedio» diventa accettazione non solo del peccatore, ma anche del peccato, giungendo a giustificare il peccato e ad assolvere il peccatore impenitente. Nell’ansia di accettare le situazioni peccaminose, la pastorale tende ad eludere la verità rivelata e la giustizia divina: ne risultano una predicazione relativistica e una misericordia permissiva, incapaci di illuminare gli erranti e di convertire i peccatori.

Infine (tramite l’ascolto, il discernimento e l’accompagnamento) si giunge alla «integrazione», che nel nuovo linguaggio prescinde dal rispetto per il “corpo sano”, pretendendo di accogliere le “diversità” (pensiamo alle coppie irregolari o di omosessuali), dando ad esse una “opzione preferenziale” e finendo per farle prevalere all’interno della Chiesa: secondo lo slogan «abbattere i muri e costruire i ponti», non si vuole più distinguere tra mura divisorie e mura protettive, creando di fatto “teste di ponte” che permettano al prepotente di entrare in casa nostra, favorendo l’apostasia e lo svuotamento della Chiesa dai suoi valori. (Gianandrea de Antonellis)

Donazione Corrispondenza romana
  • Chiesa e uomini di Chiesa
    (di Roberto de Mattei) La coraggiosa denuncia degli scandali ecclesiastici fatta dall’arcivescovo Carlo Maria Viganò ha suscitato il consenso di molti, ma anche la disapprovazione di alcuni, convinti che bisognerebbe coprire con il silenzio tutto ciò che scredita i rappresentanti … Continua a leggere
  • La devozione a Maria Bambina
    (di Cristina Siccardi) L’8 settembre scorso abbiamo festeggiato la natività di Maria Santissima. Grande momento liturgico per la Chiesa per ricordare il giorno in cui una discendente della linea di Re Davide sarebbe divenuta la Madre del Salvatore. Esiste una … Continua a leggere
  • L’arcivescovo Viganò: punito per aver detto la verità?
    (di Roberto de Mattei) L’arcivescovo Carlo Maria Viganò, che ha portato alla luce l’esistenza di una rete di corruzione in Vaticano, chiamando in causa i responsabili, a cominciare dalle supreme autorità ecclesiastiche, sarà punito per aver detto la verità? Papa … Continua a leggere
  • Alcune domande inquietanti sul caso “Kim Davis”
    (di Emmanuele Barbieri) La documentazione fornita dall’arcivescovo Viganò in merito al “caso Kim Davis” fa molto più che smentire la versione dei fatti presentata dall’omosessuale dichiarato Juan Carlos Cruz sul New York Times secondo il quale papa Francesco avrebbe licenziato … Continua a leggere
  • Crollo della chiesa, crisi nella Chiesa
    (di Cristina Siccardi) Il collasso del tetto della chiesa seicentesca San Giuseppe dei Falegnami, al Foro romano, nel cuore storico di Roma, arriva in un momento di profondo malessere della Chiesa, di scontri dottrinali e personali apertis verbis, che il silenzio … Continua a leggere
  • Crolla la chiesa, crolla l’Europa
    (di Alfredo De Matteo) I dati di uno studio sulla demografia europea del Berlin Institute for Population and Development certificano l’inverno demografico dell’Europa ed in particolare della Grecia, uscita con le ossa rotte dalle misure di austerità che hanno letteralmente … Continua a leggere
  • «Io non dirò una parola su questo»
    (di Roberto de Mattei) «Io non dirò una parola su questo». Con questa frase, pronunciata il 26 agosto 2018 nel volo di ritorno Dublino-Roma, papa Francesco ha reagito alle impressionanti rivelazioni dell’arcivescovo Carlo Maria Viganò, che lo chiamavano direttamente in … Continua a leggere
  • Non solo padre Martin, da Dublino indicazioni per una nuova “pastorale LGBT”
    (di Lupo Glori) Accanto al controverso e contestato intervento del gesuita americano, su posizioni notoriamente pro gay, padre James Martin, il World Meeting of Families che si è appena concluso a Dublino, è stato caratterizzato anche da un altro incontro … Continua a leggere
  • Dossier su Padre Pio su Radici Cristiane
    (di Mauro Faverzani) A Padre Pio da Pietrelcina, il Santo del Gargano, viene dedicato il dossier, particolarmente ricco, del n. 136 di settembre del mensile Radici Cristiane, in distribuzione nei prossimi giorni. Dossier su Padre Pio su Radici Cristiane was … Continua a leggere
  • Perché Famiglia Cristiana e la CEI sono contro Salvini?
    (di Niccodemo Graber) La copertina di Famiglia Cristiana che equipara il ministro degli Interni Matteo Salvini a Satana è solo il più pesante dei tanti attacchi che la Lega e il nuovo governo subiscono ad opera dell’ufficialità clericale italiana. Ormai … Continua a leggere