Un cattolicesimo sempre più “clericale”… e sempre meno cattolico

Benedetto XVI_(di Corrado Gnerre su Il Giudizio Cattolico del 05-03-2013)  Dinanzi a coloro che hanno manifestato qualche perplessità in merito all’opportunità della rinuncia di Benedetto XVI c’è chi ha parlato di “papalini” che hanno avuto la pretesa di mettersi al di sopra del papa. Come se non essere eventualmente d’accordo su atti che non coinvolgono l’infallibilità del Sommo Pontefice possa essere letto come un rifiuto dell’autorità dello Stesso.

Ovviamente nessuno di noi può entrare nella coscienza di Benedetto XVI e pretendere di giudicare soggettivamente. Il suo gesto non solo è stato canonicamente legittimo, ma è stato anche – come lui stesso ha tenuto a precisare – sofferto e preso dopo un’intensa preghiera. Oltretutto, da credenti, non si può nemmeno escludere che Benedetto XVI abbia ricevuto un segno dall’alto che lo abbia spinto a fare ciò che ha fatto. Chi, a tal riguardo, può permettersi un giudizio? Ma – come molti dovrebbero sapere – un conto è il giudizio in campo soggettivo, altro quello in campo oggettivo. Fermo restando l’impossibilità e l’illegittimità del primo, non si è costretti a dispensarsi dal secondo. Ebbene, oggettivamente, non vi è nulla di scandaloso nel ritenere la rinuncia di un Pontefice come atto poco opportuno… soprattutto in questo momento storico.

Tutta una serie di elementi possono indurre ad un giudizio in tal senso. Il primo è quello di pensare che un tale atto possa far passare in secondo piano o addirittura annullare la dimensione misterica del Primato Petrino. Molti già parlano di Papato a termine. E anche il successore di Benedetto XVI (che ovviamente non avrà nessun obbligo a riguardo) quando raggiungerà gli 80/85 anni potrà trovarsi nell’imbarazzo di dover continuare e forse potrà anche essere oggetto di inopportune pressioni da parte di chi volesse contestargli il magistero.

Per non parlare del titolo di “Papa emerito” che non certo facilita la chiarezza a riguardo. Non a caso padre Ghirlanda su La Civiltà Cattolica (anche se il numero della rivista è stato dato alle stampe prima della decisione ufficiale) dice che si tratta di un titolo inopportuno, ambiguo. Meglio sarebbe (stato) “Già Papa” o “Già Sommo Pontefice”. Infatti la carica primaziale è data direttamente da Cristo al Vescovo di Roma e si perde quando non si è più Papa. Due papi non possono coesistere, è una contraddizione in termini.

Ma torniamo al punto da cui siamo partiti. E cioè il presunto “scandalo” di ritenere oggettivamente poco opportuno il gesto compiuto da Benedetto XVI. Sembra proprio che si sia realizzato ciò che qualcuno ha definito come “clericalismo non cattolico”, nel senso che ormai siamo diventati un po’ tutti clericali ma sempre meno cattolici. Chiarisco.

Cosa significa sottomettersi al Papa? Cosa significa riconoscere davvero il Papa?

Significa riconoscere il suo ruolo. Significa riconoscere il suo magistero. Non dobbiamo confondere l’obbedienza al Papa, la giusta riverenza e il giusto rispetto… con la “papolatria”, che è un’altra cosa. Rispettare il Papa non significa necessariamente andare a battere le mani sotto la sua finestra, cantare “Giovani Paolo, Giovanni Paolo …” o “Benedetto, Benedetto …”, cantare o ballare da papaboys … e tornare a casa per dimenticare ciò che il Papa insegna e ha insegnato. L’obbedienza al Papa è riconoscere il suo magistero, sostituire il proprio criterio di giudizio con quello di Pietro, vivere – costi quel che costi – ciò che la Chiesa insegna con il governo del Vicario di Cristo. Questo è riconoscere il Papa. Il resto è contorno… che se c’è va anche bene, ma è sempre e solo contorno.

Porrei questa domanda a tutti coloro che hanno ritenuto che un gesto come quello di Benedetto XVI non si potesse oggettivamente (sottolineo “oggettivamente” non “soggettivamente) giudicare: in molti cattolici cosa ne è di tutto ciò che Benedetto XVI ha insegnato in questi anni? Cosa ne è – per esempio – dei cosiddetti “principi non negoziabili” (vita, famiglia, libertà di educazione)? Quanti cattolici, quanti di quelli che si sono commossi dinanzi ad un papa che andava via sull’elicottero, quanti di quelli che stavano sotto la sua finestra, hanno tenuto in prima considerazione questi principi quando sono andati a votare alle recenti elezioni?

Insomma, da decenni ormai stiamo vivendo un paradosso, che è quello di non discutere sugli atti e sulla persona dei papi, ma di mettere in discussione il Magistero di Pietro, Vicario di Cristo. Un tempo era diverso: non si metteva in discussione il ruolo del Papa e il suo insegnamento… si metteva però in discussione ciò che di per sé non riguarda l’infallibilità e si era convinti che non tutti i papi ricevono lo stesso giudizio da Dio.
Noi no. Noi siamo nel paradosso di un cattolicesimo che è sempre più “clericale” … e sempre meno “cattolico”.

Corrado Gnerre

Donazione Corrispondenza romana
  • Fare chiarezza sull’Amoris laetitia: una nuova voce si leva
     (di Emmanuele Barbieri) Il convegno organizzato il 22 aprile a Roma da La Nuova Bussola quotidiana e da Il Timone ha rappresentato una nuova importante tappa nella lunga serie di iniziative che, da un anno a questa parte hanno messo … Continua a leggere
  • La crisi ariana del IV secolo
    (di Cristina Siccardi) All’Alba del IV secolo, il cristianesimo, estesosi in tutto l’Impero romano, deve affrontare la prima persecuzione lunga e feroce della sua storia. La seconda, la stiamo vivendo noi, ora. La Verità portata da Gesù Cristo rischiava di … Continua a leggere
  • Lo scandalo dei nostri tempi
    (di Roberto de Mattei) Il mondo è pieno di scandali e Gesù dice: «Guai al mondo per causa degli scandali» (Mt 18, 6-7). Lo scandalo, secondo la morale cattolica, è il comportamento di chi causa il peccato o la rovina … Continua a leggere
  • La Chiesa “viva”
    (di Cristiana de Magistris) Quando, durante il processo dell’apostolo Paolo, il procuratore della Giudea Festo si trovò nella necessità di spiegare al re Agrippa le imputazioni portate dai Giudei contro Paolo, le riassunse dicendo che gli accusatori avevano contro di … Continua a leggere
  • Quei concerti per Lutero sono una nota decisamente stonata
    (di Mauro Faverzani) Che a cento anni dalle apparizioni di Fatima, in una chiesa cattolica, quella del Redentore a Modena, non si trovi di meglio che festeggiare il quinto centenario della riforma luterana con un ciclo di cinque concerti, promossi … Continua a leggere
  • È una guerra di religione
    (di Roberto de Mattei) La strage di Tanta e di Alessandria è un brusco richiamo alla realtà per papa Francesco, alla vigilia del suo viaggio in Egitto. Gli attentati in Medio Oriente, come in Europa, non sono sciagure naturali, evitabili … Continua a leggere
  • Il Processo di Cristo e il processo della Chiesa
    (di Cristiana de Magistris) Nel Tempo di Passione, che abbraccia le due settimane che precedono la Pasqua, la Chiesa contempla in lutto i dolorosi avvenimenti che segnarono l’ultimo anno della vita del Redentore del mondo (Settimana di Passione) e l’ultima … Continua a leggere
  • Il vero volto di san Francesco d’Assisi e sant’Ignazio di Loyola
    (di Cristina Siccardi) Il Papa porta con orgoglio il nome di san Francesco d’Assisi ed è orgogliosamente erede della dinastia religiosa fondata da sant’Ignazio di Loyola, ma né dell’uno, né dell’altro ne è testimone. Il vero volto di san Francesco … Continua a leggere
  • Perché non bisogna discreditare la Compagnia di Gesù
    (di Roberto de Mattei) Tra le conseguenze più disastrose del pontificato di papa Francesco ce ne sono due, strettamente connesse tra loro: la prima è il travisamento della virtù tipicamente cristiana dell’obbedienza; la seconda è il discredito gettato sulla Compagnia … Continua a leggere
  • Le responsabilità di mons. Vincenzo Paglia
    (di Mauro Faverzani) L’intera vicenda pecuniaria è stata ripercorsa, con dovizia di particolari, venerdì 24 marzo dal quotidiano La Verità: riguarda il processo, presso il tribunale penale di Terni, relativo alla compravendita del castello di San Girolamo, a Narni. Nell’estate … Continua a leggere