Supplica filiale a Sua Santità Papa Francesco

banner-supplica-papa-francescoL’appello del cardinale Raymond Burke a tutti i cattolici, laici, sacerdoti e vescovi perché s’impegnino nella difesa del matrimonio cristiano in vista del Sinodo ordinario sulla famiglia del 2015 non è rimasto inascoltato.

Un gruppo di personalità del mondo religioso culturale e sociale e oltre 30 associazioni pro-life e di difesa della Civiltà Cristiana hanno simultaneamente lanciato in tutto il mondo e in diverse lingue una petizione per chiedere a Sua Santità Papa Francesco una parola chiarificatrice per dissipare la confusione dei fedeli. «Siamo sicuri che la Vostra parola – si legge nella petizione – non potrà mai dissociare la pratica pastorale dall’insegnamento lasciato in eredità da Gesù Cristo e dai suoi vicari, perché ciò renderebbe più grave la confusione. Infatti Gesù ci ha insegnato con assoluta chiarezza la coerenza che deve esistere tra la verità e la vita (cfr. Gv 14, 6-7), così come ci ha avvertito che l’unico modo di non soccombere è quello di porre in pratica la sua dottrina (cfr. Mt 7,24-27)». Oltre 50.000 sono le firme fin qui raccolte. Corrispondenza Romana si associa a questa iniziativa, invitando tutti i lettori che non avessero già sottoscritto la petizione a firmare qui.

Tra le prime firme pervenute: Kigeli V, Re in esilio del Rwanda; Prof. Wolfgang Waldstein, membro della Pontificia Accademia per la Vita (Austria); Mons. Wolfgang Haas, arcivescovo di Vaduz (Liechstenstein); S.A.R. Dom Duarte duca di Bragança (Portogallo); senatore Rick Santorum, (Stati Uniti); Sua Em.za il Cardinale Walter Brandmüller; Josef Seifert, già Presidente della International Academy of Philosophy, membro della Pontificia Accademia per la Vita (Germania); LLA.I.R. i Príncipi Dom Luiz e Dom Bertrand de Orleans e Bragança; Sua Em.za il Cardinale Jorge Arturo Cardinal Medina Estévez (Cile); S. Em.za il Cardinal Raymond Leo Burke; Austin Ruse, Presidente del Center for Family and Human Rights (USA); John-Henry Westen, Direttore di LifeSiteNews (Canada); John Smeaton, Direttore della Society for the Protection of the Unborn Children (SPUC) (Gran Bretagna); Ambasciatore Armando Valladares (Cuba); S. E. Mons. Athanasius Schneider, Vescovo Ausiliare di Astana (Kazakistan); Dr. Adolpho Lindenberg, Presidente dell’Istituto Plinio Corrêa de Oliveira (Brasile); Mercedes Arzú Wilson, Presidente di Family of the Americas (USA); Robert Royal, Presidente dell’Istituto Faith and Reason (USA); Senatore Bernard Seillier (Francia); Thomas Ward, Vice Presidente della National Association of Catholic Families (Gran Bretagna); Guillaume de Thieulloy, Direttore di Riposte Catholique (Francia); John Laughland, Scrittore e giornalista (Gran Bretagna); Jean-Pierre Maugendre, Presidente di Renaissance Catholique (Francia); Maria Madise, Coordinatrice di Voice of the Family (Gran Bretagna); Luke Gormally, Membro della Pontificia Accademia per la Vita (Gran Bretagna). E tra gli italiani: Ambasciatore Emilio Barbarani (Roma); Massimo de Leonardis, Direttore del Dipartimento di Scienze Politiche all’Università Cattolica del Sacro Cuore (Milano); Roberto de Mattei, Presidente della Fondazione Lepanto (Roma); Paolo Deotto, Direttore di Riscossa Cristiana (Milano); Pietro De Marco, Professore all’Università di Firenze; M.se Luigi Coda Nunziante, Presidente della Associazione Famiglia Domani (Roma); il Principe e la Principessa Ferdinando Massimo e il Principe e la Principessa Carlo Massimo (Roma); Gianfranco Amato, Presidente dei Giuristi per la Vita (Saturnia); Antonello Brandi, Presidente di Pro Vita (Roma); Giovanni Turco, Università di Udine; Alessandro Gnocchi, Scrittore e giornalista (Bergamo); Gianandrea de Antonellis, Presidente dello IEREF (Benevento); Cristina Siccardi, Storica (Torino); Vittorio Lodolo D’Oria, Vice-presidente dell’Associazione Famiglie Numerose Cattoliche (Milano).

CLICCA QUI PER FIRMARE LA PETIZIONE.

Donazione Corrispondenza romana
  • 13 maggio: papa Francesco reinterpreta Fatima 13 maggio: papa Francesco reinterpreta Fatima
    (Roberto de Mattei su “Il Tempo” del 14 maggio 2017) Cinquecentomila persone aspettavano papa Francesco sullla spianata del santuario di Fatima per la canonizzazione dei due pastorelli Francesco e Giacinta, di 9 e 11 anni, che, assieme alla cuginetta Lucia … Continua a leggere
  • Il disordine di Malta
    (di Roberto de Mattei su Il Tempo del 28 aprile 2017) Dopo l’interdetto, il Vaticano ha dovuto fare marcia indietro. L’ex Gran Maestro dell’Ordine di Malta Fra’ Matthew Festing, al quale lo scorso 15 aprile, l’Arcivescovo Giovanni Angelo Becciu, “in accordo col … Continua a leggere
  • Lo scandalo dei nostri tempi
    (di Roberto de Mattei) Il mondo è pieno di scandali e Gesù dice: «Guai al mondo per causa degli scandali» (Mt 18, 6-7). Lo scandalo, secondo la morale cattolica, è il comportamento di chi causa il peccato o la rovina … Continua a leggere
  • È una guerra di religione
    (di Roberto de Mattei) La strage di Tanta e di Alessandria è un brusco richiamo alla realtà per papa Francesco, alla vigilia del suo viaggio in Egitto. Gli attentati in Medio Oriente, come in Europa, non sono sciagure naturali, evitabili … Continua a leggere
  • Perché non bisogna discreditare la Compagnia di Gesù
    (di Roberto de Mattei) Tra le conseguenze più disastrose del pontificato di papa Francesco ce ne sono due, strettamente connesse tra loro: la prima è il travisamento della virtù tipicamente cristiana dell’obbedienza; la seconda è il discredito gettato sulla Compagnia … Continua a leggere
  • Papa Francesco quattro anni dopo
    (di Roberto de Mattei) Il quarto anniversario della elezione di Papa Francesco vede la Chiesa cattolica lacerata da profonde divisioni. «È una pagina inedita nella storia della Chiesa – mi dice con tono preoccupato un alto prelato vaticano – e … Continua a leggere
  • Si può parlare di “Bergoglismo”?
     (di Nicodemo Grabber) La preoccupazione e lo spaesamento di molti buoni cattolici per quanto avviene oggi nella Chiesa sono come il segnale d’allarme, espresso da quel sensus fidei che ogni battezzato riceve dallo Spirito Santo. Tutti i fedeli avvertono che … Continua a leggere
  • Francescheide di Lorenzo Stecchetti junior
    (di Emmanuele Barbieri) Tra le conseguenze più gravi di questo pontificato c’è la mancanza di rispetto che circonda sempre di più la Cattedra di Pietro, verso la quale ogni cattolico non può che provare profonda venerazione. Ma non bisogna confondere … Continua a leggere
  • Quando la correzione pubblica è urgente e necessaria
    (di Roberto de Mattei) Si può correggere pubblicamente un Papa per il suo comportamento riprovevole? Oppure l’atteggiamento di un fedele deve essere quello di un’obbedienza incondizionata, fino al punto di giustificare qualsiasi parola o gesto del Pontefice, anche se apertamente … Continua a leggere
  • L’“effetto Francesco”
    (di Fabio Cancelli) Si era agli inizi del Pontificato del Papa latino-americano e sociologi, psicologi e operatori pastorali vari si affaccendavano a spiegare, statistiche alla mano, quello che si impose come «effetto Francesco». Cioè, si tentava di dimostrare che non … Continua a leggere