Summorum Pontificum. Una speranza per tutta la Chiesa

Il Motu Proprio Summorum Pontificum di S.S. Benedetto XVI. Una speranza per tutta la Chiesa(di Fabrizio Cannone) La questione della corretta celebrazione della liturgia sarà sempre all’ordine del giorno nella Chiesa e questo per due motivi di fondo: anzitutto il legame ovvio ma spesso dimenticato tra fede e preghiera,  sancito dalla massima lex orandi – lex credendi; e poi la necessità dei sacramenti quali perfetti canali  della grazia divina.

Pilastri che in quanto fondati da Cristo non possono essere aboliti dagli uomini, dalla Chiesa e dal progresso storico, ma neppure possono essere radicalmente alterati o sostanzialmente modificati. A seguito della riforma liturgica della santa Messa (1969-1970) è nata e si è andata rafforzando nell’intera cattolicità una corrente di laici, di religiosi e di sacerdoti i quali hanno desiderato rinnovare e riprendere l’intera tradizione teologica della liturgia, che pare non più assicurata nella maggioranza delle parrocchie ordinarie.

Il volume curato da padre Vincenzo Nuara , Il Motu Proprio Summorum Pontificum di S.S. Benedetto XVI. Una speranza per tutta la Chiesa (Fede & Cultura, Verona 2013, pp. 175, euro 13) nasce all’interno di questo  movimento liturgico e presenta gli atti del Terzo Convegno sul Summorum Pontificum, tenutosi a Roma nel maggio del 2011. Nella prefazione il Cardinal Walter Brandmüller nota che i saggi raccolti offrono « un vasto campo tematico per un approfondito dibattito scientifico, uno scambio di idee ed esperienze che sarà tanto più fecondo quanto sarà sereno e obiettivo» (p. 5). Dibattito però che certi liturgisti e non pochi pastori non vorrebbero neppure aprire per evitare che la liturgia divenga tema di discussione. Non la pensano così, fortunatamente i cardinali Brandmüller e Koch, i Vescovi Aillet, Pozzo e Schneider che hanno offerto al Convegno delle notevoli riflessioni in ordine sia al rilancio della liturgia tradizionale, sia al ripensamento della nuova liturgia (mons. Schneider per esempio ha proposto la reintroduzione degli Ordini Minori, la cui esistenza è attestata a Roma già nel III secolo.

Importanti poi gli altri contributi: di mons. Bux sul Pontificale Romano del 1961-62, di Madre Francesca Perillo FI sulle origini apostolico-patristiche della Messa impropriamente detta Tridentina e del prof. de Mattei sul rapportotra lingua latina e liturgia cristiana. La “paura del velo” di cui parla mons. Marco Agostini nell’intervento che conclude il volume, è oggi divenuto un vero e proprio terrore per ciò che, anche in Liturgia, rappresenterebbe un ritorno alla Tradizione. Eppure solo da quel ritorno alle nostre radici, potremo guardare al futuro della Chiesa senza complessi e patemi d’animo. (Fabrizio Cannone)

Donazione Corrispondenza romana
  • Fare chiarezza sull’Amoris laetitia: una nuova voce si leva
     (di Emmanuele Barbieri) Il convegno organizzato il 22 aprile a Roma da La Nuova Bussola quotidiana e da Il Timone ha rappresentato una nuova importante tappa nella lunga serie di iniziative che, da un anno a questa parte hanno messo … Continua a leggere
  • La crisi ariana del IV secolo
    (di Cristina Siccardi) All’Alba del IV secolo, il cristianesimo, estesosi in tutto l’Impero romano, deve affrontare la prima persecuzione lunga e feroce della sua storia. La seconda, la stiamo vivendo noi, ora. La Verità portata da Gesù Cristo rischiava di … Continua a leggere
  • Lo scandalo dei nostri tempi
    (di Roberto de Mattei) Il mondo è pieno di scandali e Gesù dice: «Guai al mondo per causa degli scandali» (Mt 18, 6-7). Lo scandalo, secondo la morale cattolica, è il comportamento di chi causa il peccato o la rovina … Continua a leggere
  • La Chiesa “viva”
    (di Cristiana de Magistris) Quando, durante il processo dell’apostolo Paolo, il procuratore della Giudea Festo si trovò nella necessità di spiegare al re Agrippa le imputazioni portate dai Giudei contro Paolo, le riassunse dicendo che gli accusatori avevano contro di … Continua a leggere
  • Quei concerti per Lutero sono una nota decisamente stonata
    (di Mauro Faverzani) Che a cento anni dalle apparizioni di Fatima, in una chiesa cattolica, quella del Redentore a Modena, non si trovi di meglio che festeggiare il quinto centenario della riforma luterana con un ciclo di cinque concerti, promossi … Continua a leggere
  • È una guerra di religione
    (di Roberto de Mattei) La strage di Tanta e di Alessandria è un brusco richiamo alla realtà per papa Francesco, alla vigilia del suo viaggio in Egitto. Gli attentati in Medio Oriente, come in Europa, non sono sciagure naturali, evitabili … Continua a leggere
  • Il Processo di Cristo e il processo della Chiesa
    (di Cristiana de Magistris) Nel Tempo di Passione, che abbraccia le due settimane che precedono la Pasqua, la Chiesa contempla in lutto i dolorosi avvenimenti che segnarono l’ultimo anno della vita del Redentore del mondo (Settimana di Passione) e l’ultima … Continua a leggere
  • Il vero volto di san Francesco d’Assisi e sant’Ignazio di Loyola
    (di Cristina Siccardi) Il Papa porta con orgoglio il nome di san Francesco d’Assisi ed è orgogliosamente erede della dinastia religiosa fondata da sant’Ignazio di Loyola, ma né dell’uno, né dell’altro ne è testimone. Il vero volto di san Francesco … Continua a leggere
  • Perché non bisogna discreditare la Compagnia di Gesù
    (di Roberto de Mattei) Tra le conseguenze più disastrose del pontificato di papa Francesco ce ne sono due, strettamente connesse tra loro: la prima è il travisamento della virtù tipicamente cristiana dell’obbedienza; la seconda è il discredito gettato sulla Compagnia … Continua a leggere
  • Le responsabilità di mons. Vincenzo Paglia
    (di Mauro Faverzani) L’intera vicenda pecuniaria è stata ripercorsa, con dovizia di particolari, venerdì 24 marzo dal quotidiano La Verità: riguarda il processo, presso il tribunale penale di Terni, relativo alla compravendita del castello di San Girolamo, a Narni. Nell’estate … Continua a leggere