Summorum Pontificum. Una speranza per tutta la Chiesa

Il-Motu-Proprio-Summorum-Pontificum-di-S.S.-Benedetto-XVI.-Una-speranza-per-tutta-la-Chiesa(di Cristina Siccardi) Che cosa sono lex orandi e lex credendi se non un patrimonio antico che riceviamo oggi per mantenerlo sempre giovane nella sua eternità? La Tradizione è un retaggio sempre presente, senza età, come lo è Dio. La Tradizione della Chiesa è oro e l’oro non può subire evoluzioni o alterazioni, altrimenti  non sarebbe più se stesso; l’unico procedimento indicato per l’oro è la lucidatura, per ravvivarne il colore e la brillantezza, questo l’unico “sviluppo” nel presente della Tradizione.

Ecco allora che il Cardinale Walter Brandmüller ricorda ai contemporanei le parole del Cardinale John Henry Newman nella sua prefazione al volume Summorum Pontificum di Benedetto XVI. Una speranza per tutta la Chiesa, a cura di Padre Vincenzo Nuara O.P. (Fede & Cultura, pp. 170, € 13.00): «Un vero sviluppo, dunque, può essere descritto come quello che conserva l’insieme degli sviluppi precedenti, coincidendo realmente con essi ed essendo qualcosa al di là di essi. Le aggiunte che vi apporta illuminano, non oscurano, corroborano, non correggono il corpo di pensiero da cui nascono e questa è la sua caratteristica vista in contrasto di una corruzione» (p. 6).

Vera mirabilia della Tradizione della Chiesa è la Santa Messa in Vetus Ordo, quella anteriore alla riforma liturgica post Concilio Vaticano II. In realtà è più corretto chiamarla Santa Messa di sempre poiché, come scrive Madre Francesca dell’Immacolata delle Francescane dell’Immacolata, «se è vero che papa San Pio V promulgò un Messale a seguito del Concilio di Trento, in realtà non fece altro che fissare e circoscrivere sapientemente un rito già in uso a Roma da secoli. Esso risaliva, nei suoi elementi essenziali, almeno a mille anni prima, precisamente a papa San Gregorio Magno. Da quest’ultimo Pontefice viene anche il nome, più corretto ma non esauriente, di rito gregoriano. Non esauriente perché da San Gregorio  Magno (…) il rito risale ai tempi apostolici per riannodarsi infine all’Ultima Cena e al sacrificio cruento di Nostro Signore Gesù Cristo di cui ogni Messa è costante ripresentazione e incruenta attualizzazione» (p. 93).

La Sacra Liturgia non è mai stata e né potrà mai essere, ha affermato Madre Francesca nel suo intervento al terzo Convegno organizzato dall’Associazione Giovani e Tradizione ‒ ora ripreso, insieme ad altri interventi, nel saggio curato da Padre Nuara ‒ l’espressione dei sentimenti che il fedele prova per Dio. «Essa è invece l’adempimento da parte del fedele di un suo dovere nei confronti di Dio, ch’egli deve esprimere conformemente agli stessi insegnamenti divini. È il cosiddetto ius divinum, ossia il diritto di Dio a essere adorato come Egli ha stabilito» (p. 95).

Di fronte alla Santa Messa di sempre l’atteggiamento sia del Sacerdote che del fedele è oggettivamente diverso rispetto alla nuova Liturgia, come ha scritto il Cardinale Ratzinger, oggi Papa emerito: «viene addirittura concepita etsi Deus non daretur: come se in essa non importasse più se Dio c’è e se ci parla e ci ascolta. Ma se nella Liturgia non appare più la comunione della fede, l’unità universale della Chiesa e della sua storia, il mistero del Cristo vivente, dov’è che la Chiesa appare ancora nella sua sostanza spirituale? Allora la comunità celebra solo se stessa, senza che ne valga la pena» (p. 94).

Lo svilimento della Santa Messa è avvenuto anche attraverso la desacralizzazione della lingua utilizzata. Nel suo intervento al Convegno il professor Roberto de Mattei ha dimostrato come il latino non è la lingua anacronistica, che ha accompagnato la Chiesa solo in una determinata epoca storica, ma è la lingua universale e perenne della Chiesa e «in questo senso, malgrado il suo attuale oscuramento, appartiene non solo al passato, ma anche al presente e al futuro della Chiesa stessa. Così la definì Sa Pio X: “La lingua latina a buon diritto viene detta ed è la lingua propria della Chiesa”» (pp. 136-137). (Cristina Siccardi)

Donazione Corrispondenza romana
  • Chiesa e uomini di Chiesa
    (di Roberto de Mattei) La coraggiosa denuncia degli scandali ecclesiastici fatta dall’arcivescovo Carlo Maria Viganò ha suscitato il consenso di molti, ma anche la disapprovazione di alcuni, convinti che bisognerebbe coprire con il silenzio tutto ciò che scredita i rappresentanti … Continua a leggere
  • La devozione a Maria Bambina
    (di Cristina Siccardi) L’8 settembre scorso abbiamo festeggiato la natività di Maria Santissima. Grande momento liturgico per la Chiesa per ricordare il giorno in cui una discendente della linea di Re Davide sarebbe divenuta la Madre del Salvatore. Esiste una … Continua a leggere
  • L’arcivescovo Viganò: punito per aver detto la verità?
    (di Roberto de Mattei) L’arcivescovo Carlo Maria Viganò, che ha portato alla luce l’esistenza di una rete di corruzione in Vaticano, chiamando in causa i responsabili, a cominciare dalle supreme autorità ecclesiastiche, sarà punito per aver detto la verità? Papa … Continua a leggere
  • Alcune domande inquietanti sul caso “Kim Davis”
    (di Emmanuele Barbieri) La documentazione fornita dall’arcivescovo Viganò in merito al “caso Kim Davis” fa molto più che smentire la versione dei fatti presentata dall’omosessuale dichiarato Juan Carlos Cruz sul New York Times secondo il quale papa Francesco avrebbe licenziato … Continua a leggere
  • Crollo della chiesa, crisi nella Chiesa
    (di Cristina Siccardi) Il collasso del tetto della chiesa seicentesca San Giuseppe dei Falegnami, al Foro romano, nel cuore storico di Roma, arriva in un momento di profondo malessere della Chiesa, di scontri dottrinali e personali apertis verbis, che il silenzio … Continua a leggere
  • Crolla la chiesa, crolla l’Europa
    (di Alfredo De Matteo) I dati di uno studio sulla demografia europea del Berlin Institute for Population and Development certificano l’inverno demografico dell’Europa ed in particolare della Grecia, uscita con le ossa rotte dalle misure di austerità che hanno letteralmente … Continua a leggere
  • «Io non dirò una parola su questo»
    (di Roberto de Mattei) «Io non dirò una parola su questo». Con questa frase, pronunciata il 26 agosto 2018 nel volo di ritorno Dublino-Roma, papa Francesco ha reagito alle impressionanti rivelazioni dell’arcivescovo Carlo Maria Viganò, che lo chiamavano direttamente in … Continua a leggere
  • Non solo padre Martin, da Dublino indicazioni per una nuova “pastorale LGBT”
    (di Lupo Glori) Accanto al controverso e contestato intervento del gesuita americano, su posizioni notoriamente pro gay, padre James Martin, il World Meeting of Families che si è appena concluso a Dublino, è stato caratterizzato anche da un altro incontro … Continua a leggere
  • Dossier su Padre Pio su Radici Cristiane
    (di Mauro Faverzani) A Padre Pio da Pietrelcina, il Santo del Gargano, viene dedicato il dossier, particolarmente ricco, del n. 136 di settembre del mensile Radici Cristiane, in distribuzione nei prossimi giorni. Dossier su Padre Pio su Radici Cristiane was … Continua a leggere
  • Perché Famiglia Cristiana e la CEI sono contro Salvini?
    (di Niccodemo Graber) La copertina di Famiglia Cristiana che equipara il ministro degli Interni Matteo Salvini a Satana è solo il più pesante dei tanti attacchi che la Lega e il nuovo governo subiscono ad opera dell’ufficialità clericale italiana. Ormai … Continua a leggere