Stati Uniti: sempre più Stati tagliano i fondi a Planned Parenthood

Print Friendly, PDF & Email

plannedparenthood109(Mauro Faverzani) Alla notizia non si dà troppo risalto, i media sembrano fare a gara tra chi riesca a nasconderla meglio: tuttavia la cosa è ormai risaputa ed è impossibile far finta di niente. Dopo i video-choc diffusi dal Cmp, il Center for Medical Progress, sulle atroci illegalità commesse dalla multinazionale dell’aborto, Planned Parenthood, negli Stati Uniti nulla è più come prima.

Le indagini, avviate a seguito delle immagini-denuncia rese pubbliche, hanno indotto e stanno ancora inducendo molti leader politici a tagliare i fondi ed a chiudere le cliniche dell’orrore. E’ accaduto in Florida, dove è stata imposta la sospensione di tutti gli interventi in agenda e sono state preannunciate sanzioni dopo le verifiche condotte dall’ACHA-Agency for Health Care Administration in ben quattro strutture in cui sono state riscontrate irregolarità gravi, a seguito dei controlli richiesti direttamente dal Governatore, Rick Scott. Lo stesso nel New Hampshire, dove sono stati tagliati a Planned Parenthood fondi pubblici per 650 mila dollari. Provvedimenti analoghi sono stati assunti anche dal Governatore della Louisiana, Bobby Jindal.

Ma è notizia recente – subito diffusa dall’agenzia LifeSiteNews – quella relativa alla presa di posizione del Governatore dello Utah, Gary Herbert, che ha definito «profondamente preoccupanti» le accuse mosse alla multinazionale dell’aborto, in particolare quella di aver da tempo avviato un vergognoso, disumano traffico di organi tratti dai feti abortiti, il tutto a scopo di lucro. Per questo Herbert ha ordinato al suo Dipartimento della Sanità di cancellare l’invio di contributi pubblici a Planned Parenthood. La stessa cosa ha fatto anche il Governatore dell’Arkansas, Asa Hutchinson, stracciando i contratti multimilionari in essere, poiché «questa organizzazione – ha detto – non rappresenta i valori della gente del nostro Stato». Lo stesso l’Alabama, che ha seguito tale esempio, mentre un gigante del settore biomedico, StemExpress, ha annunciato di aver immediatamente interrotto qualsiasi rapporto di collaborazione con Planned Parenthood.

Secondo il Daily Signal, sono 13 gli Stati americani, che hanno avviato indagini sulle procedure seguite dalla multinazionale dell’aborto nel proprio territorio di competenza. I media ora possono anche occultare la notizia o mentire ed il Partito Democratico americano, la cui campagna elettorale è stata in buona parte pagata anche da Planned Parenthood (Presidente Obama in testa), può anche agitarsi per tutelare il proprio ingombrante sponsor. Ma i fatti e le immagini, ormai, parlano da soli. Anzi urlano, per chi ancora non abbia ucciso la propria coscienza… (Mauro Faverzani)


Sostieni Corrispondenza romana

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Informazioni Carta di Credito
Questo è un pagamento sicuro crittografato SSL.

Totale Donazione: €100.00

Donazione Corrispondenza romana
  • Un granellino di sabbia inserito nella macchina abortiva
    (Tommaso Scandroglio) Nel Regno Unito l’aborto è consentito fino alla 24esima settimana e fino alla nascita per motivi legati alla malformazione del feto. La deputata Carla Lockhart, membro del Partito Unionista Democratico dell’Irlanda del Nord, ha presentato una mozione al … Continua a leggere
  • Amici e nemici della vita nel mondo
    (Mauro Faverzani) Il Messico non si arrende alla cultura di morte. Dal 2007, anno in cui nella sola capitale, Città del Messico, il Partito della Rivoluzione Democratica, di sinistra, riuscì a render legale abortire, 22 Stati della repubblica federale hanno … Continua a leggere
  • Ma davvero Biden è stato eletto Presidente? O no?
    (Maurizio Ragazzi) Che il Democratico Joe Biden sia stato eletto presidente appartiene, al momento, non alla realtà ma agli auspici dei suoi sostenitori cioè quella vasta coalizione che, oltre al partito Democratico (e restando negli USA, senza quindi interrogarsi sul … Continua a leggere
  • Cosa non cambierà della politica estera USA (nonostante e malgrado Joe Biden)
    (Luca Della Torre) Cina, Russia e la stessa diplomazia del Vaticano ai tempi di Bergoglio avranno assai poco da rallegrarsi del nuovo Presidente USA nelle relazioni internazionali. JoeBiden sarà ragionevolmente il prossimo Presidente degli Stati Uniti: lasciando certamente aperte le … Continua a leggere
  • Elezioni USA: una prima analisi
    (Maurizio Ragazzi) Due giorni dopo la chiusura dei seggi, è ancora incerto chi abbia vinto le elezioni presidenziali americane. Invece, altri dati emersi dalle elezioni (per Presidente, Congresso, governatori, ed iniziative popolari) sono già assodati: 1. Lasciando da parte gli … Continua a leggere
  • Intervento dell’arcivescovo Gądecki, contro le violenze in Polonia
    (Veronica Rasponi) Il 22 ottobre 2020, il Tribunale Costituzionale della Polonia ha deciso a larghissima maggioranza (tredici giudici contro due) che la clausola della legge sulla maternità che permette l’aborto in caso di una malattia grave e incurabile del feto, … Continua a leggere
  • Una legge iniqua non può mai essere bene applicata
    (Tommaso Scandroglio) Lo abbiamo visto verificarsi tante volte. Fatta una legge piena zeppa di paletti, questi paletti prima o poi saltano tutti. Qualche esempio. Legge 898 del 1970 sul divorzio: inizialmente si poteva divorziare solo dopo tre anni dalla separazione. … Continua a leggere
  • Elezioni in USA, due realtà a confronto
    (Maurizio Ragazzi) Nel suo romanzo storico Racconto di due città (A tale of two cities), Charles Dickens aveva messo in contrasto due realtà e le vite di vari protagonisti. Analogamente, le recenti conventions democratica e repubblicana, che hanno formalmente nominato … Continua a leggere
  • I cattolici adulti e la 194
    (Riccardo Rodelli) Nei giorni scorsi mons. Vincenzo Paglia, Presidente della Pontificia Accademia per la vita, in una intervista a La Repubblica (15 agosto 2020) ha definito la legge 194 «un punto di riferimento condiviso, con cui tutti dobbiamo misurarci». Parole … Continua a leggere
  • Nuove “infiltrazioni” nel tempio
    (Mauro Faverzani) Uno spirito diabolico continua a serpeggiare senza tregua, ogni giorno, nella Chiesa. Il sacerdote gesuita Mario Serrano Marte si è espresso ancora una volta a favore della depenalizzazione dell’aborto nella Repubblica Dominicana. Lo scorso 21 agosto ha pubblicato … Continua a leggere