Spagna: la Sinistra vuol cancellare la Chiesa nel sociale

IuLa Chiesa, salda nella Dottrina ed impegnata nel sociale, disturba. Da sempre. E da sempre i suoi nemici accampano i pretesti più “estemporanei” per contrastarla. Accade ancora in Spagna, dove la coalizione Izquierda Plural (Sinistra Plurale), che riunisce i partiti IU, ICV e CHA, assieme all’ERC, ha inserito nel pacchetto di emendamenti al progetto di legge sul bilancio generale nazionale per il 2015 (PGE) l’autofinanziamento della Chiesa Cattolica. Le si chiede cioè di far conto solo sulle proprie risorse, senza aspettarsi il benché minimo sostegno dallo Stato.

L’IU, disprezzando l’immensa opera svolta dal mondo ecclesiale anche in campo assistenziale, chiede di ridurre del 20% gli sgravi fiscali relativi alle imposte sul reddito, «col fine di partecipare così allo sforzo collettivo necessario per superare la crisi e spingere gradualmente la Chiesa ad autofinanziarsi». Per questo fa appello addirittura alla Costituzione ed invoca il principio di uguaglianza di fronte alla legge, contestando «trattamenti preferenziali» circa l’esenzione sui beni immobili.

Sulla stessa linea i repubblicani catalani, tanto solerti nel chiedere l’aiuto del voto musulmano per ottenere l’indipendenza quanto pronti a contrastare e minacciare il Cattolicesimo in qualsiasi modo: ora pretendono che la Chiesa predisponga un inventario dei beni immobili che detiene e «che sono patrimonio dello Stato dal 1985: è tempo che venga messo a punto», argomentano. C’è aria di confisca? Non solo: incalzano, chiedendo anch’essi l’eliminazione dei «privilegi tributari di tutte le chiese, confessioni e comunità religiose».

Ipocrisia pura: se lo Stato venisse improvvisamente privato del sostegno fattivo dell’arcipelago di realtà cattoliche in campo educativo, didattico, sanitario, assistenziale, andrebbe verso il collasso garantito e non avrebbe in proprio né le risorse, né i mezzi, né il personale necessario per far fronte al clima di emergenza. La Chiesa non può, per vocazione e per slancio missionario, sottrarsi al proprio impegno verso le condizioni di bisogno. Ma certo, se costretta a sua volta da necessità, potrebbe dover drasticamente rivedere modalità e tipologia di presenza.

Non solo: le richieste promosse dalla Sinistra iberica sarebbero meno demagogiche e più credibili, se accompagnate dal contemporaneo proposito di eliminare il finanziamento pubblico ai partiti, che attualmente è misto: tramite rimborso elettorale, in base ai seggi ed ai voti conquistati, nonché con finanziamenti privati. Nel 2011 il totale dei Soldi succhiati allo Stato ammontava a 131 milioni di euro: 86,5 milioni di contributo e 44,5 come rimborso elettorale. Per loro non vale il discorso dell’autofinanziamento?

Donazione Corrispondenza romana