S’infuria per l’augurio di “Buon Natale!”, niente volo per lui…

AereoBuon Natale! Per queste due semplicissime parole, naturali stante il periodo, martedì scorso un passeggero dell’American Airlines si è risentito ed offeso al punto da esser lasciato a terra. Al decollo del suo volo, il 1140 diretto da New York La Guardia a Dallas Ft. Worth, lui ha dovuto assistere da terra.

A rivelarlo è stato il blog americano di news on line, BuzzPo. Cosa è accaduto? In realtà, nulla. Prima la verifica della sua carta d’imbarco, poi – accertato che fosse tutto in ordine – il cortese saluto rivoltogli dall’addetta al gate con in più, spontaneo, l’augurio, che le parve bello e giusto rivolgergli in queste giornate decisamente particolari: «Buon Natale!». Non l’avesse mai detto! Immediatamente l’uomo, strabuzzati gli occhi, l’ha redarguita, sostenendo che non avrebbe dovuto dirlo, perché non tutti festeggiano il Natale. Tra lo stupito ed il perplesso, l’addetta ha allora, con gentilezza e disinvoltura, incalzato il suo interlocutore: «Bene, che cosa dovrei dire allora?». «Semplicemente non buon Natale!», ha replicato il passeggero spazientito, prima di precipitarsi giù dal tunnel ed imbarcarsi sul suo aereo.

Ma il ben triste spettacolo non era ancora terminato. Giunto a bordo, anche uno degli assistenti di volo lo ha salutato con un cordialissimo «Buon Natale!». La classica goccia, che ha fatto traboccare il vaso. A quel punto, il passeggero, letteralmente fuori di sé, si è sentito in dovere d’insegnare a tutto il personale del velivolo, piloti compresi, a non rivolgere tale augurio ad alcuno.

L’equipaggio ha tentato di calmarlo, senza tuttavia ottenere alcun risultato. A quel punto non v’era alternativa: contattate le forze dell’ordine, l’intemperante viaggiatore è stato scortato fuori dall’aereo, tra gli applausi e le acclamazioni degli altri passeggeri, che non ne potevano davvero più del suo comportamento.

Donazione Corrispondenza romana