Simboli religiosi derisi, il Gay Pride brasiliano in tribunale

Print Friendly, PDF & Email

BrasileL’Ufficio di Presidenza del Consiglio di Regione Lombardia, circa un mese fa, ha concesso – col voto decisivo del rappresentante di Lega Nord, Fabrizio Cecchetti – il patrocinio all’imminente Milano Pride, un’intera settimana di manifestazioni Lgbt, promosse dal 22 al 28 giugno. Ebbene, è giusto che al Pirellone si sappia quanto accaduto al recente Gay Parade promosso in Brasile, dove simboli cristiani sono divenuti oggetto di scherno, insulto e profanazione, tanto da spingere i Vescovi cattolici a denunciare pubblicamente l’accaduto, a stigmatizzarlo ed a chiedere che vengano intraprese azioni legali contro i responsabili. La dissacrazione di simboli religiosi, infatti, «viene riconosciuta come reato dal Codice Penale» brasiliano. Per questo l’episcopato chiede ora al governo federale, «custode della Costituzione», di «difendere i diritti calpestati».

La Conferenza episcopale della prima Regione Sud, con un proprio comunicato, ha denunciato le «chiare manifestazioni di disprezzo verso la coscienza religiosa del nostro popolo e verso il principale simbolo della fede cristiana, Gesù crocifisso», ostentate nel corso dell’iniziativa Lgbt. Inoltre, ha espresso «stupore nel constatare come eventi di questo tipo possano essere autorizzati ed ottenere il patrocinio del governo», pur promuovendo «atti, che offendono chiaramente lo stato di diritto garantito dalla Costituzione». Vasta l’indignazione suscitata presso la popolazione dalla parata annuale, svoltasi per le strade di Sao Paulo, parata durante la quale sono state distrutte immagini sacre, individui nudi si sono seduti su di esse oppure le hanno utilizzate per coprirsi le pudenda. Non ultimo, è stato mostrato un transessuale seminudo su di una croce, mentre un altro si è spogliato davanti ad una chiesa. Atti inqualificabili, atti che suonano come una vera e propria bestemmia.

L’on. Rogério Rosso, rappresentante del Distretto federale presso la Camera dei Deputati, ha proposto una legge, che vieti tali disgustose e blasfeme pagliacciate, infliggendo anche ai responsabili una pesante ammenda, oltre ad 8 anni di carcere. Anche il sen. Magno Malta ha denunciato il fatto che queste sfilate usino i soldi pubblici, stanziati dal governo, per «andare oltre» un discorso di correttezza, per seminare «l’intolleranza e la totale mancanza di rispetto verso la libertà religiosa». Così ha chiesto ai procuratori federali di avviare un’indagine penale contro tali comportamenti.

L’offesa recata ai simboli religiosi cari ai fedeli cattolici richiede ora un atto di riparazione, per domandare a Dio il perdono e la conversione dei cuori.


Sostieni Corrispondenza romana

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Informazioni Carta di Credito
Questo è un pagamento sicuro SSL crittografato.

Totale Donazione: €100.00

Donazione Corrispondenza romana
  • Chi si oppone all’ “ipocrisia globale”
    (Mauro Faverzani) Questa volta è stata la Giustizia ad intervenire. E ad ordinare all’amministrazione comunale di Cadice di ritirare la bandiera Lgbt, esposta sulla facciata del Municipio. Illegalmente. Decisiva, ai fini del provvedimento, è stata la richiesta esplicitamente formulata dagli … Continua a leggere
  • Negli Usa libertà religiosa a rischio
    (Mauro Faverzani) In Italia come negli Stati Uniti. Qui con la legge sull’omofobia, là con la sentenza della Corte Suprema, che, con 6 voti a favore e solo 3 contrari, ha di fatto ridefinito il concetto di «sesso» contenuto nel … Continua a leggere
  • Considerazioni sulla sentenza pro LGBT della Corte Suprema USA
    (Tommaso Scandroglio) La notizia ha avuto ampia eco: settimana scorsa la Corte Suprema degli Stati Uniti ha deciso che è illegittimo il licenziamento di un dipendente quando la causa del licenziamento riguardi esclusivamente l’orientamento omosessuale o la cosiddetta identità di … Continua a leggere
  • Sono i cartoni la nuova frontiera della propaganda Lgbt
    (Mauro Faverzani) Prosegue l’offensiva Lgbt d’indottrinamento mediatico delle nuove generazioni. L’operazione non è nuova, per la verità: si pensi, in passato, a casi quali l’episodio della fiction dal titolo «C’era una volta», in cui Mulan rivelò il proprio amore – … Continua a leggere
  • Le femministe contro l’“identità di genere”?
    (Tommaso Scandroglio) «Alle donne si è sempre imposto di assentire alla sottomissione e di farsi da parte per il bene di altri. Oggi questa imposizione si presenta così: ci viene chiesto di essere corpi disponibili, di chiamare libertà il metterci … Continua a leggere
  • Cattolici in piazza a Roma il 19 febbraio
    I quattro simboli degli Evangelisti (Il Bue di san Luca, L’Angelo di san Matteo, il Leone di san Marco, l’Aquila di san Giovanni) delimitano la grande piazza San Silvestro nel cuore di Roma, dove cento cattolici provenienti dall’Italia e dall’estero, … Continua a leggere
  • Un pamphlet LGBT contro la Chiesa
    (Roberto de Mattei) Un pamphlet LGBT contro la Chiesa. Il titolo è Sodoma e l’autore Frédéric Martel, un noto attivista LGBT francese. Il libro però è nato in Italia, nel corso di un colloquio tra l’autore e l’editore Carlo Feltrinelli, figlio … Continua a leggere
  • La propaganda LGBT+ va in onda a reti unificate
    (di Lupo Glori) “Il transgenderismo spiegato ai bambini”. Sarebbe potuto essere questo il sottotitolo della vergognosa puntata del programma Alla lavagna!, andata in onda in seconda serata su Rai 3 lo scorso 19 gennaio, che ha visto l’ospite di turno, … Continua a leggere
  • Il trionfo di Bolsonaro cambia l’America Latina
    (di Eugenio Trujillo Villegas) Lo scorso mese di ottobre Jaír Bolsonaro è stato eletto presidente del Brasile. Il suo trionfo ampio e non questionabile solleva una serie di interrogativi completamente ignorati da quasi tutti i media del mondo. Proprio per … Continua a leggere
  • La giusta risposta cattolica ai “gay pride”
    Esclusivo: riportiamo un appello di Sua Eccellenza mons. Athanasius Schneider, Vescovo Ausiliare dell’Arcidiocesi di Maria Santissima in Astana. La giusta risposta cattolica ai “gay pride” was last modified: Agosto 1st, 2018 by Redazione