Sì alla Vita senza compromessi, parola di papa Francesco

Print Friendly, PDF & Email

Sì alla Vita senza compromessi, parola di papa Francesco(di Alfredo De Matteo) Nel corso del tradizionale discorso annuale che i Pontefici rivolgono al Corpo Diplomatico accreditato presso la Santa Sede, Papa Francesco ha scelto di parlare dei delicati temi della famiglia e della vita. Estremamente significativo un passaggio del discorso del 13 gennaio in cui il Papa affronta il crimine umanitario dell’aborto: «Non possono lasciarci indifferenti i volti di quanti soffrono la fame, soprattutto dei bambini, se pensiamo a quanto cibo viene sprecato ogni giorno in molte parti del mondo, immerse in quella che ho più volte definito la “cultura dello scarto”.

Attenzione, però: non combatte in modo credibile la cultura dello scarto chi parla volentieri della fame del mondo, ma non si oppone all’orrore dell’aborto. Purtroppo, oggetto di scarto non sono solo il cibo o i beni superflui, ma spesso gli stessi esseri umani, che vengono “scartati” come fossero “cose non necessarie”. Ad esempio, desta orrore il solo pensiero che vi siano bambini che non potranno mai vedere la luce, vittime dell’aborto».

Le considerazioni del Sommo Pontefice sono dense di significato e sembrano lanciare dei chiari messaggi. Innanzitutto, il riferimento alla cultura dello scarto ed all’incoerenza di coloro i quali volentieri si stracciano le vesti per la fame nel mondo ma poco o nulla fanno per contrastare il crimine dell’aborto, pone nel giusto ordine quella scala gerarchica dei valori morali che è stata e continua ad essere costantemente ignorata o negata dalla società attuale e da larga parte del mondo cattolico, ecclesiastici inclusi.

Anzi, Papa Francesco sembra proprio voler appositamente ribaltare la questione morale, arrivando a confutare uno dei miti che hanno falsamente e furbescamente giustificato la desistenza nei confronti della lotta all’aborto di Stato; mito sulla base di cui il cattolico, per essere coerente, deve necessariamente impegnarsi per contrastare ed eliminare la fame nel mondo prima di buttarsi anima e corpo nella battaglia in difesa della vita nascente. In realtà, tale pseudo principio mira esclusivamente a mantenere lo status quo, ad infiacchire le coscienze delle persone di buona volontà e soprattutto a limitare al minimo le occasioni di scontro col mondo e le sue avanguardie rivoluzionarie. Una posizione senz’altro inconsistente e comoda che Papa Francesco non ha mancato di denunciare.


Sostieni Corrispondenza romana

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Informazioni Carta di Credito
Questo è un pagamento sicuro crittografato SSL.

Totale Donazione: €100.00

Inoltre, estremamente significativo è il riferimento del Pontefice al combattimento: l’opposizione all’aborto implica necessariamente la lotta individuale e sociale e non solamente la personale ed intima condanna di tal abominevole delitto. Da qui l’obbligo morale di combattere, ciascuno secondo i propri mezzi, non solamente contro la cultura di morte imperante ma anche contro le leggi che contrastano con quella naturale e divina. Lo scempio perpetrato in Italia da oltre trent’anni di legge 194 con più di cinquemilioni di morti innocenti non può lasciarci indifferenti, né la deriva abortista planetaria apparentemente inarrestabile può giustificare la vile resa delle armi.

Le sferzanti parole di Papa Francesco costituiscono un motivo in più per partecipare in massa alla prossima quarta edizione della Marcia Per la Vita che si terrà come di consueto a Roma, quest’anno il 4 maggio. Manifestare pubblicamente contro l’aborto di Stato è un’opportunità unica che la Provvidenza ci invita a cogliere, indipendentemente dai risultati politici che si otterranno e dal tempo che sarà necessario affinché la vibrante protesta del popolo della vita abbia la meglio sulla logica del compromesso e del quieto vivere.

Sì alla vita senza compromessi, è il messaggio della Marcia che il Sommo Pontefice ha implicitamente ribadito con forza in questo messaggio del 13 gennaio. (Alfredo De Matteo)


Sostieni Corrispondenza romana

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Informazioni Carta di Credito
Questo è un pagamento sicuro crittografato SSL.

Totale Donazione: €100.00

Donazione Corrispondenza romana
  • Un granellino di sabbia inserito nella macchina abortiva
    (Tommaso Scandroglio) Nel Regno Unito l’aborto è consentito fino alla 24esima settimana e fino alla nascita per motivi legati alla malformazione del feto. La deputata Carla Lockhart, membro del Partito Unionista Democratico dell’Irlanda del Nord, ha presentato una mozione al … Continua a leggere
  • Amici e nemici della vita nel mondo
    (Mauro Faverzani) Il Messico non si arrende alla cultura di morte. Dal 2007, anno in cui nella sola capitale, Città del Messico, il Partito della Rivoluzione Democratica, di sinistra, riuscì a render legale abortire, 22 Stati della repubblica federale hanno … Continua a leggere
  • Intervento dell’arcivescovo Gądecki, contro le violenze in Polonia
    (Veronica Rasponi) Il 22 ottobre 2020, il Tribunale Costituzionale della Polonia ha deciso a larghissima maggioranza (tredici giudici contro due) che la clausola della legge sulla maternità che permette l’aborto in caso di una malattia grave e incurabile del feto, … Continua a leggere
  • Il temerario rinnovo del Trattato tra Cina e Vaticano
    (Luca Della Torre) È oramai ufficializzata l’intesa tra lo Stato del Vaticano e la Repubblica Popolare Cinese. Il prossimo 22 ottobre la Santa Sede ed il criminale governo dittatoriale comunista di Pechino ratificheranno il rinnovo per altri due anni dell’Accordo … Continua a leggere
  • Il declino della politica estera del Pontefice con la Ue
    (Luca Della Torre) Perché Papa Francesco insiste nel voler dimostrare l’esistenza di un fruttuoso dialogo e collaborazione con la Cina mentre in realtà l’Unione europea denunzia a livello diplomatico l’espansionismo politico militare economico del regime di Pechino? Perché Papa Bergoglio … Continua a leggere
  • Una legge iniqua non può mai essere bene applicata
    (Tommaso Scandroglio) Lo abbiamo visto verificarsi tante volte. Fatta una legge piena zeppa di paletti, questi paletti prima o poi saltano tutti. Qualche esempio. Legge 898 del 1970 sul divorzio: inizialmente si poteva divorziare solo dopo tre anni dalla separazione. … Continua a leggere
  • I cattolici adulti e la 194
    (Riccardo Rodelli) Nei giorni scorsi mons. Vincenzo Paglia, Presidente della Pontificia Accademia per la vita, in una intervista a La Repubblica (15 agosto 2020) ha definito la legge 194 «un punto di riferimento condiviso, con cui tutti dobbiamo misurarci». Parole … Continua a leggere
  • Nuove “infiltrazioni” nel tempio
    (Mauro Faverzani) Uno spirito diabolico continua a serpeggiare senza tregua, ogni giorno, nella Chiesa. Il sacerdote gesuita Mario Serrano Marte si è espresso ancora una volta a favore della depenalizzazione dell’aborto nella Repubblica Dominicana. Lo scorso 21 agosto ha pubblicato … Continua a leggere
  • La campagna prolife del presidente Trump
    (Tommaso Scandroglio) La campagna elettorale negli Usa è ormai iniziata. L’organizzazione pro-life Susan B. Anthony List ha stilato un elenco di iniziative che l’amministrazione Trump ha assunto a favore della vita nascente dal giorno del suo insediamento ad oggi, elenco … Continua a leggere
  • Le incognite della fine di un pontificato
    (Roberto de Mattei) Le dimissioni di Benedetto XVI saranno ricordate come uno degli eventi più catastrofici del nostro secolo, perché hanno aperto la porta non solo a un disastroso pontificato, ma soprattutto a una situazione di caos crescente nella Chiesa. … Continua a leggere